“Ancestry”: il nuovo EP del producer Mux

“Ancestry”: il nuovo EP del producer Mux
Condividi su

Ancestry è il nuovo EP di musica strumentale del musicista elettronico napoletano Mux, nome d’arte di Gian Paolo Fioretti. Pubblicato il 19 marzo, l’EP è stato pubblicato dall’etichetta berlinese The Magic Movement.

Come suggerisce il titolo, il lavoro è un omaggio musicale al lignaggio della sua famiglia e alle terre che accolsero i suoi parenti: il Cile e l’Argentina.

È evidente, infatti, la presenza di sonorità e strumenti della tradizione musicale sud e centro americana (kalimbas e marimbas) che si uniscono a quelle più moderne della musica elettronica. Con questo disco Mux restituisce forma sonora ai ricordi e alle atmosfere della sua infanzia:

«Le sonorità del sud e del centro America fanno da trait d’union dell’intero EP, sono sonorità a me note sin dall’infanzia. Traggono origine sia dal mio vissuto che da quello dei miei familiari. Come molte famiglie, anche la mia è emigrata in Cile e in Argentina. I racconti dei miei familiari, che mi hanno accompagnato hanno fatto sì che la cultura e la storia di questi popoli fosse parte delle mie radici».

Radici culturali che il producer ha potuto conservare grazie ai racconti dei suoi parenti e amici, e per le quali esprime grande gratitudine:

«La mia famiglia possiede un bagaglio culturale affascinante e un vissuto drammatico. Ascoltare le loro storie, scoprire forme d’arte che mi erano estranee e confrontarmi con altri punti di vista è stata fonte d’ispirazione e di crescita, sia artistica che personale. I suoni di quelle terre sono stati parte della colonna sonora durante la mia crescita»

Ancestry, l’EP

L’EP possiede una ciclicità. Dalle atmosfere sognanti di All Around e El Dolor, attraverso Floating World si fluttua lentamente a NACumbia. Il titolo del brano unisce in una crasi la città di Napoli e la Cumbia, una danza colombiana risalente al XVI secolo.

Il cerchio si chiude infine con il remix di Floating World curato dal producer tedesco Noema, uno dei più importanti esponenti della scena musicale elettronica berlinese che vanta collaborazioni anche con gli Apparat.

In questo percorso che dalle Americhe arriva fino a Berlino, passando per Napoli, Mux unisce in musica il suo passato, il suo presente e il suo futuro.

Lavorare con The Magic Movement e con artisti del calibro di Noema è stato un traguardo importante per Mux, non solo dal punto di vista artistico: «Rappresenta una grande soddisfazione, sia dal punto di vista artistico che personale. È un piccolo traguardo da cui partire per dare un respiro più ampio alla mia musica e per essere ascoltato con un’attenzione diversa».

Un’occasione fondamentale per Mux per approfondire il suo rapporto con la musica e con i suoi antenati in un disco nato – afferma – in maniera naturale.

«Ancestry è nato in maniera molto naturale, non mi ero posto alcun obiettivo da raggiungere. Ritengo che fare musica debba coincidere con un ‘momento di onestà con sé stessi»

a cura di
Angelo Baldini

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – E vissero feriti e contenti: il percorso completo di Ghemon
LEGGI ANCHE – Annalisa: perché deve (ancora) convincere tutti di essere brava?
Condividi su
Angelo Baldini

Angelo Baldini

Nato a Napoli nel 1996 studia Giornalismo e cultura Editoriale presso l'Università degli studi di Parma. Collabora con Eroica Fenice di Napoli e con ParmAteneo. Crede in poche cose: in Pif, in Isaac Asimov, in Gigione e nella calma e nella pazienza di mia nonna Teresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *