E vissero feriti e contenti: il percorso completo di Ghemon

E vissero feriti e contenti: il percorso completo di Ghemon
Condividi su

È uscito il 19 marzo il settimo disco di Ghemon E vissero feriti e contenti prodotto per Artist First/Carosello Records. A solo un anno dal precedente Scritto nelle stelle, Giovanni Luca Picariello in arte Ghemon ci delizia con un nuovo lavoro che porta qualità e sostanza ad un percorso artistico in piena evoluzione.

Malgrado il necessario ricorso ai mezzi virtuali e un momento non proprio propizio per la musica, questo disco ha visto la luce. Il nuovo album nasce da una necessità di comunicazione in cui Ghemon è impegnato in ogni aspetto, dalla produzione alla composizione. A dare manforte un team di musicisti e produttori che lo hanno accompagnato nella realizzazione.

Cadute e inciampi

Il titolo testimonia un percorso di vita fatto di cadute e inciampi, ma anche di una consapevolezza nuova. Lo stupendo gatto ritratto in copertina, sulla spalla di Ghemon, è il simbolo della vita che sa graffiare ma regala anche momenti di dolcezza. Nel disco è presente anche il brano Momento perfetto in gara al 71° Festival di Sanremo nella sezione Campioni.

Questo lavoro si dimostra fresco ed energico e la produzione prova ad avventurarsi in altri generi senza strafare. C’è spazio per il funky con tanto di sezione fiati di Non posso salvarti come per il reggae di Difficile, l’afro-beat de La tigre. Chi lo preferisce per le soluzioni legate all’hip hop lo ritroverà in Puoi fidarti di me o lo stile boom bap di Trompe L’Oeil.

Facendo un salto indietro, da quell’esordio promettente di La rivincita dei buoni del 2007 Ghemon è rimasto sempre fedele al suo personaggio, ma via via ha arricchito il sound fino a Orchidee del 2014 dove si avventura nel canto con consapevolezza e maturità.

Equilibrio perfetto

Con un percorso simile a Neffa (campano anche lui), si è sganciato negli anni da un’identità hip hop nello stile e nelle intenzioni per dare vita a una personalità sempre più definita. La base è stata sempre quella legata al neo soul ma si è creato un equilibrio perfetto fra attitudine rap e canto, arrangiamenti più ricercati e sana leggerezza pop.

Viene quindi da proclamare E vissero feriti e contenti come un disco quasi definitivo dove l’artista si avventura nei generi e li fa propri secondo la sua definita personalità artistica. Non solo, questo disco è una maturazione del genere hip hop italiano nei contenuti perché continua una tradizione ma non ha paura di esporsi, di osare e di questo bisogna essere solo grati a lui.

a cura di
Beppe Ardito

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Maneskin, lo faccio io il Teatro d’Ira
LEGGI ANCHE – Intervista a Kahlo: dentro l’electro-pop di Wasabi Japonica

Condividi su
Beppe Ardito

Beppe Ardito

Da sempre la musica è stata la mia "way of life". Cantata, suonata, scritta, elemento vitale per ridare lustro a una vita mediocre. Non solo. Anche il cinema accompagna la mia vita da quando, già da bambino, mi avventuravo nelle sale cinematografiche. Cerco di scrivere, con passione e trasporto, spinto dall'eternità illusione che un mondo di bellezza è possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *