The Ferragnez e la tv realtà. Facciamo un attimo il punto con qualche dovuta digressione

The Ferragnez e la tv realtà. Facciamo un attimo il punto con qualche dovuta digressione
Condividi su

The Ferragnez sbarca giovedì 9 dicembre su Prime Video con i primi 5 episodi, il 16 arrivano gli ultimi tre. Cosa ci racconta la serie e quali sono i punti di forza

Presi singolarmente The Ferragnez e ancora prima che si conoscessero Federico Lucia e Chiara Ferragni hanno sempre goduto di un’ottima considerazione, per quel che mi riguarda.

Lui, irriverente, con quella giusta dose di sfacciataggine che nasconde un lato sensibile ed empatico e lei con quel sorriso da Barbie da cui traspaiono gentilezza e amore. Entrambi determinati a “farcela”, entrambi gran lavoratori.

Li ho sempre visti in questo modo, li ho sempre ammirati.

Poi lui scrisse una canzone facendo riferimento alla cagnolina di Chiara e il resto è storia.

Fonte ANSA
La coppia

La mia di storia con i Ferragnez invece, intesi come coppia dello Star System non ebbe inizio nel migliore dei modi.

Infatti defollowai Chiara, senza che ovviamente se ne accorgesse creando quindi un danno di immagine pari a ZERO alla nostra biondissima imprenditrice digitale, quando scoppiò la polemica del compleanno di Fedez al Supermercato (e chi non se la ricorda?) ritenendo come tutti quell’episodio uno spreco di cibo e prodotti alimentari.

Defollowai anche Fedez, una scelta sensata no? Per par condicio.

Ad un certo punto mi sentivo quasi sollevata di non essere più inondata di quella montagna di contenuti da loro caricati, talmente tanti da rendere praticamente monotematico il mio feed Instagram. Tanto, che cosa avevano a che fare due come loro, con quella vita agiata, con una come me che a metà mese spera che la banca si sia dimenticata di lei?

Voglio dire, esulto quando ci sono i saldi, mi fiondo nei mercatini dell’usato, guardo i volantini del supermercato per scoprire le offerte e mi sento realizzata quando faccio shopping e me ne torno a casa con qualche spicciolo da mettere nel salvadanaio.

Cioè, io sudo per cercare il distributore di GPL più economico, raga.

Che ne sanno loro dei problemi di una proletaria (e va bene lo voglio usare) che fa la collezione dei calzini della LIDL?

Fonte ANSA
La pandemia

Quindi la situazione è questa: io che mi sento finalmente libera dalla mia dipendenza da Ferragnez e mi dedico (credo) a seguire su IG cose e persone più edificanti.

Peccato che mi sbagliavo (ma pensa un po’?), perché ci hanno spazzolato e pettinato, Chiara e Fedez, durante il lockdown del 2020.

Ci hanno spettinato raga, sì.

Hanno posto l’accento sulle problematiche del Paese, sulla necessità della mascherina, sul rimanere a casa, sul raccogliere fondi per gli ospedali. Hanno fatto gruppo con altre celebrità per la sensibilizzazione nei confronti dei medici, hanno letto bollettini e sono andati in giro per Milano in prima persona a consegnare viveri e aiuti.

Insomma, ci hanno mostrato un lato di cui l’Italia ha bisogno di imparare un pochino meglio: la solidarietà.

I detrattori diranno: facile per loro, con la loro fama e i loro soldi. Sì, facile, ma sono tra i pochi ad averlo fatto veramente. Ad averci messo la faccia.

Ricominciai a seguirli, sentivo il mio cuore scaldarsi ad ogni IG Story.

Fonte Rai News
The Ferragnez: la serie

Non credo che avrei scritto questo articolo se non avessi letto quello di Selvaggia Lucarelli.

Chiariamoci, mi trovo in accordo con la Lucarelli su diversi punti.

Mi trovo in accordo quando pone l’accento, ad esempio, sulla privacy che Federico vorrebbe ma che spesso non ha dato l’entourage di Chiara e madre e sorellanza al seguito, oppure quando sottolinea una certa dose di “super” ripetizioni nel vocabolario di Chiara.

Non sbaglia nemmeno, la Lucarelli, quando trova strano che Fedez non abbia il numero della suocera, Marina Di Guardo, salvato in rubrica.

Solo che…

Solo che la serie, se cerchiamo di non soffermarci sul lusso, l’agiatezza, il colore rosa ovunque e una vita che tutti vorremmo fare ma che non vogliamo ammettere, è molto di più.

Fonte Prime Video
La depressione e i disturbi nel 2021

Secondo le ultime stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono oltre 300 milioni le persone al mondo che soffrono di disturbi mentali e problematiche relazionali, cifre che aumentano e sono destinate ad aumentare sempre di più. Anche il COVID-19 ci ha messo lo zampino.

Veniamo a noi, dunque: anche se ti chiami Federico Leonardo Lucia, in arte Fedez, non sei immune da insicurezze, debolezze e momenti di sconforto. Anche se ti chiami Chiara Ferragni, la madre di The Blonde Salad, non sei immune da momenti “poco rosa” nella tua vita.

Infatti nella serie compare la terapia di coppia, compare il lato ombroso di Fedez e fa capolino una misantropia che in qualche modo condivido. Compare anche la positività di Chiara che sembra talvolta essere anche un po’ ingenua se la si guarda con gli occhi di Federico. Questo e anche altro sono debitamente analizzati da uno specialista e poi registrati, così che tutti potessimo iniziare a ragionarci su.

Francamente, estrapolare solo l’agiatezza da una serie che fa sorridere, fa commuovere e ci fa sognare è un po’ un peccato.

Fedez e Chiara, seppur a modo loro e con il sostegno di Amazon, con un ritorno economico e di immagine non indifferente, hanno fatto la loro parte nel tentare almeno un po’, di parlare di terapia e di terapia di coppia.

Lasciatevelo dire da chi soffre di depressione da diversi anni: siamo grati a questa serie.

A cura di
Sara Alice Ceccarelli

Seguici anche su Instagram!

Leggi anche: Spider-man: No Way Home – Nel multiverso dei ricordi
Leggi anche: “La Scuola Cattolica”: La recensione del film
Condividi su
Sara Alice Ceccarelli

Sara Alice Ceccarelli

Giornalista iscritta all’ODG Emilia Romagna si laurea in Lettere e Comunicazione e successivamente in Giornalismo e Cultura editoriale presso l’Università di Parma. Nel 2017 consegue poi un Master in Organizzazione e Promozione Eventi Culturali presso l’Università di Bologna. Sebbene sia la “senior” del gruppo talvolta è realmente la più VEZ. Nel 2017 e 2018 si occupa dell’Ufficio Stampa degli eventi di LP Rock Events come Bay Fest, Rimini Park Rock e Sullasabbia e durante lo stesso periodo segue l’ufficio stampa del Vidia Club di Cesena. Ama il viola ma solo per le calzature e sulle pareti di casa, vive in simbiosi con il coinquilino Aurelio (un micetto nero) e per amore del fidanzato ora ama anche le moto. La sua religione è Star Wars. Che la forza sia con voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *