Intervista a Kant Misteros, il cantautore misterioso ma anche simpatico

Intervista a Kant Misteros, il cantautore misterioso ma anche simpatico
Condividi su
A.K.A. Quando succede che finalmente nella casella di posta ricevi le risposte che aspettavi da mesi

Devo dire che avrei voluto intitolare questa intervista “Dopo soli tre mesi”, poiché è questo il tempo che il Cantautore Misterioso ha impiegato per rispondermi, ma ho preferito andare sul classico.

Quindi eccoci qui, dopo ripetute sollecitazioni più o meno serie sul suo profilo Facebook (da non perdere, ve lo assicuro).

Buona lettura!

La genialità del nome da dove viene?

Cominciamo col dire che io lo trovo piuttosto brutto. Potrebbe sembrare un controsenso data la mia perenne crociata contro i nomi brutti dei progetti musicali, ma se ci pensi bene non lo è.

Appunto perché mi sono scelto un nome brutto (forse perché  non sapevo cosa stavo per fare e a decidere era stata la fretta di aprire un canale per pubblicare la mia prima cover) mi sento in dovere di avvertire chi ha fatto lo stesso sbaglio. Ok non era questa la domanda.

Ho scelto un nome a caso, tutto qui. Tra l’altro, all’inizio spesso mi chiedevano come mai “cantautore” dato che registravo semplicemente cover, ma poi quando ho cominciato a far uscire canzoni molto belle (forse vi ricorderete della hit “la bellissima ragazza che sta leggendo quest’intervista”) tutti hanno capito.

La versione Facebook è stata una storpiatura progressiva resa necessaria dalle politiche della piattaforma. All’inizio mi chiamavo Cantautore Misterioso ma Mark non era molto convinto fosse un nome reale e mi ha esposto diplomaticamente le sue perplessità.

Il personaggio invece, come mai ti è venuto in mente? Prima o poi ci svelerai chi sei?

Ormai posso dirlo perché ne ho già parlato in qualche post sulla pagina. È nato tutto dopo il concertone dello Stato Sociale al Mediolanum Forum nel 2017. In quell’occasione vennero chiamate ad esibirsi in apertura tre promettenti cover girls. Sai quanti cover boys suonarono invece? TE LO DICO IO, NESSUNO. E niente li ho capito che c’era un vuoto istituzionale che andava colmato. L’ho fatto prevalentemente per una questione di giustizia sociale. 

Seconda parte della domanda: no, questo progetto è ontologicamente misterioso, cioè non è che un giorno mi alzo e divento “Il cantautore misterioso ma meno misterioso” la mia identità sarà sempre celata, almeno formalmente.

Tempo fa hai scritto uno status sulle Birkenstock: sai che noi stiamo riproducendo in fotografia i tuoi status fattibili? Questo per dirti quanto stia diventando un trend per gli utenti Facebook leggere “la novità” sul profilo di Kant. Ti aspettavi questo riscontro?

Un po’ si perché in effetti scrivo solo frasi molto profonde, che vanno dritte al cuore. Comunque l’altro giorno stavo rileggendo i vecchi status, cercando spunti per la mia nuova canzone (confermo, sarà una bella canzone) e mi sono accorto d’aver scritto davvero un sacco di roba simpatica. Ora forse sono un po’ calato. In ogni caso il punto è che avendo quasi 5000 amici (80% aggiunti a caso fra i consigliati) in proporzione il mio engagement non è neanche così alto come può apparentemente sembrare.

Se non sbaglio un giorno un tuo amico per strada ti ha “sputtanato” dicendo che sei tu il Cantautore Misterioso, ricordo di averlo letto su FB. Ci racconti alcuni aneddoti divertenti che ti sono capitati?

Ah una volta un cantautore (che poi ho ucciso, quindi non ti dirò come si chiama) è salito su un palco e dopo aver suonato ha detto “ah tra l’altro qui c’è XXXXXXX che ha fatto una cover bellissima di questo pezzo, lo saluto”. In quel momento avrei solo voluto scomparire in un abbraccio ma per fortuna nessuno si ha capito che stesse parlando di me. 

Domanda seria: cosa ne pensi del panorama musicale italiano attuale? E della musica Indie italiana?

Ho letto tutto il libro dedicato all’argomento “Era Indie”, poi con una serie di progetti prevalentemente sconosciuti ho attraversato questi dieci anni di musica indipendente italiana, quindi sono abbastanza preparato.

È stata una bella storia, i concertini nel locali sfigati, i gruppi Facebook, la comunità di fan che cresceva, le novità da aspettare tutti insieme a mezzanotte. Ora è tutto finito. In questo momento solo un eroe può salvare la musica italiana.

No, non credo di essere io. Senti però è una domanda complessa. Ti rispondo con una metafora, ultimamente con questa storia delle cover finisco per ascoltare solo musica Italiana in voga, e alla fine è come quando ascolti musica da delle casse bluetooth cinesi sfigate e non hai mai provato un impianto hi-fi, ti sembra accettabile come qualità.

Lo posso sapere il tuo vero nome, oppure se lo fai poi dovrai uccidermi?

Considera che molto spesso anche chi conosce il mio nome non conosce quello vero, anagrafico. QUINDI NO, NON LO SAPRAI MAI.

Com’è vivere per circa tre mesi con una giornalista che ti assilla?

In realtà mi succede spesso, dico in generale, avendo identità e progetti multipli non riesco  a stare dietro a tutto e ci sono tutta una serie di compiti che rimando all’infinito finché la gente non si dimentica per sfinimento. Grazie di aver resistito, ho apprezzato. 

a cura di
Sara Alice Ceccarelli

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE – Darma e la sua Vertigine: il primo singolo è “Senza Sole”
LEGGI ANCHE – Una musica “Per riconoscersi”. Ecco il sesto disco degli En Roco

Condividi su

Sara Alice Ceccarelli

Giornalista iscritta all’ODG Emilia Romagna si laurea in Lettere e Comunicazione e successivamente in Giornalismo e Cultura editoriale presso l’Università di Parma. Nel 2017 consegue poi un Master in Organizzazione e Promozione Eventi Culturali presso l’Università di Bologna. Sebbene sia la “senior” del gruppo talvolta è realmente la più VEZ. Nel 2017 e 2018 si occupa dell’Ufficio Stampa degli eventi di LP Rock Events come Bay Fest, Rimini Park Rock e Sullasabbia e durante lo stesso periodo segue l’ufficio stampa del Vidia Club di Cesena. Ama il viola ma solo per le calzature e sulle pareti di casa, vive in simbiosi con il coinquilino Aurelio (un micetto nero) e per amore del fidanzato ora ama anche le moto. La sua religione è Star Wars. Che la forza sia con voi.

2 pensieri su “Intervista a Kant Misteros, il cantautore misterioso ma anche simpatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *