Tetra presenta il suo primo EP “Vomito”

Tetra presenta il suo primo EP “Vomito”
Condividi su

Tetra, al secolo Giulia De Bellis, rappresenta la parte più oscura dell’artista, e così, da questa venatura dark, prende vita il suo primo ep intitolato ironicamente Vomito, con l’esigenza di esorcizzare la sofferenza che ognuno di noi ha nel profondo dell′anima.

Sound attraente, testi imprevedibili a cavallo tra l’italiano e l’inglese e una sana provocazione di fondo, costituiscono alcuni degli ingredienti essenziali che conferiscono al progetto un’estrema credibilità.

L’intero lavoro discografico è costruito attorno a specifiche sonorità che fanno riferimento ad uno scenario emo rap e pop punk, affondando le proprie radici in diverse tipologie di ascolti: dal rap, al roots raggae, al pop e rock alternative oltreoceano.

Come nasce l’idea del tuo primo ep? 

L′idea del mio primo EP nasce dall’esigenza di farmi conoscere da più persone possibili, inoltre cerco di veicolare un messaggio che porto nei miei brani.

Come mai hai deciso di intitolarlo “Vomito”?

Il titolo Vomito si riferisce alla modalità di scrittura che ho usato, ovvero una modalità impulsiva e di pancia, un flusso di coscienza senza fine. Scrivere musica per me è stata una liberazione, un’esigenza di diffondere e donare pensieri e riflessioni che restano nascosti a tutti e spesso anche a me stessa.

Quale traccia ti rappresenta di più e perché?

La traccia che più mi rappresenta è Mina Vagante perché e′ la più autobiografica e racconta di fatti realmente accaduti nella mia vita che hanno lasciato un segno indelebile.

Quali sono i tuoi artisti preferiti del panorama nazionale e internazionale? 

Gli artisti che preferisco a livello nazionale sono Gemello e Noyz Narcos, rapper che vive nella mia stessa città, ma anche Ghali e Quentin 40 per quanto riguarda il panorama italiano. Preferisco ascoltare musica americana uno dei miei punti cardine è sicuramente Eminem, poi adoro il sound e le sensazioni che mi trasmette Damian Marley , figlio di Bob Marley, esponente della Roots Raggae , adoro il jamaicano. Mi lascio spesso trasportare anche dalle dolci voci di James Bay e di Shawn Mendes di cui ho fatto varie cover in inglese.

Cosa dobbiamo aspettarci dalla tua musica in futuro? 

Dalla mia musica dovete aspettarvi di tutto. Sicuramente nei progetti futuri ho intenzione di cambiare modalità di scrittura , mantenendone la verità e l′onesta che la contraddistinguono, ma prestando più attenzione a dettagli e particolari , rifinendo cosi i miei brani al meglio.

Cosa pensi del panorama rap/trap in Italia oggi? 

Penso che il panorama del rap trap in Italia ad oggi sia molto vasto ma allo stesso tempo monotono , tendono un po’ tutti a dire le stesse cose a vestirsi allo stesso modo e ho notato una sorta di appiattimento generale, ammetto che mi piacerebbe dare una smossa rivoluzionaria alla scena.

a cura di
Giulia Perna

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Oltre il “body sharing”: il mio aspetto non è un vostro problema
LEGGI ANCHE – Gabriella di Capua: “La mia musica tra jazz ed elettronica”
Condividi su
Giulia Perna

Giulia Perna

2 pensieri su “Tetra presenta il suo primo EP “Vomito”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *