Biagio Antonacci – Palaflorio, Bari – 17 novembre 2022

Biagio Antonacci – Palaflorio, Bari – 17 novembre 2022
Condividi su

Biagio Antonacci torna a Bari con “Palco Centrale”. Un tour inclusivo che vuole abbracciare tutto il pubblico accorso al Palaflorio

La location

Apre con una doppietta di sold out proprio con Biagio Antonacci, la stagione dei concerti al Palaflorio di Bari. Come indica il nome del tour del cantante milanese, il palco è posizionato al centro del palazzetto; ciò consente veramente a tutti di poter seguire il concerto e quindi dare maggiore importanza anche a quelle file che di solito, causa distanza, erano penalizzate nella visione.

Il tempo è clemente: se nei giorni scorsi ha piovuto senza sosta, anche il meteo vuole accogliere al meglio il ritorno di Biagio Antonacci, un cantante che di musica pop ha riempito le stanze, i bar e la vita di molti con le sue canzoni.

Per dirvene una: ricordo un viaggio verso Napoli. Tre ore di autobus dove il conducente ci fece ascoltare tutto l’album dell’epoca di Antonacci. Bei ricordi che unisco alla musica, quindi quando parte coi brani che mi hanno accompagnata durante l’adolescenza, ammetto di far fatica a non stonare i pezzi.

I fan

I fan di Biagio Antonacci sono variopinti e trasversali, di tutte le età ed estrazioni sociali, spiccano sicuramente le coppiette e le famiglie. Biagio unisce e fa limonare (il che non guasta in un periodo storico in cui le culle sono vuote secondo i dati Istat).

Sento accenti provenienti da tutta la Puglia, non ci sono solo baresi ed era un po’ scontato considerando che al sud queste sono le uniche date disponibili in cui viaggiare nel viale dei ricordi o crearne di nuovi con i pezzi di recente produzione.

Direttamente da Ruvo alcuni paramedici in loco

Tra i fan anche i paramedici di Ruvo, come le origini paterne e la città, oltre che la Puglia a cui Biagio è legato. Navigo con lo sguardo tra bambini con fiocchi luminosi, vecchietti che potrebbero essere nonni dei primi e quante signore. Questo 59enne sa come conquistare i cuori.

Il concerto

Sul palco lo accompagna la band composta da Placido Salamone (chitarra e direzione musicale), Massimo Varini (chitarra), Emiliano Fantuzzi (chitarra, programmazioni), Jacopo Carlini (pianoforte e tastiere), Lucio Fasino (basso), Donald Renda (batteria) e Ernesto Lopez (percussioni).

Il palco, come detto, è posizionato al centro del palazzetto, mossa geniale per quel che concerne il pubblico e per i media relegati in fondo al palazzetto in zona mixer con davanti gente che, figuriamoci se resta seduta, compone due gironi. Ci sono, inoltre, due fari puntati direttamente sul pubblico per illuminarlo in determinati momenti per caricare l’artista di turno; peccato creino controluce negli obiettivi dei fotografi, non proprio il massimo.

Infine per quanto bella l’idea dell’inclusività, ammetto che, per quanto bel vedere, durante i primi due brani ho visto solo il suo fondoschiena. Sorrido mentre lo scrivo, perché il tour so che è nato per i fan, però ogni tanto anche noi media vorremmo essere tenuti in conto. Giusto un filino. Bastavano le classiche transenne invece del cordone di security umana e magari avremmo potuto fare foto più belle da sotto palco.

Biagio Antonacci

Se al cordone umano si fossero scelte le transenne per bloccare l’onda di fan che accorrono sotto palco quando Biagio si avvicina a loro, magari saremmo stati tutti felici e contenti. Ad ogni modo, buona la prima serata di sold out più che meritato.

Si spreme come un limone maturo, ma non troppo maturo per il pubblico. Balla, canta senza imprecisioni, manda baci e si dona letteralmente al suo pubblico adorante stringendo mani a destra e sinistra o, come direbbero gli 883, a nord, sud, ovest ed est.

Nonostante le 59 candeline ha più fiato di quanto ne potrei avere io dopo mezzo balletto. E come fa ballare lui nessuno, tanto che per un po’ fisso un nonnino che balla spensierato.

Bizzarra la scelta di relegare alla fine del live “Telenovela” (ultimo pezzo uscito di recente) e “Se io se lei”, non prima di aver ringraziato i musicisti e i tecnici presenti in loco. Promosso ma non a pieni voti per le difficoltà tecniche avute, da fan però il voto è il massimo. Domani sarà un altro successo assicurato.

a cura e foto di
Iolanda Pompilio

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Elemental: teaser trailer e poster del nuovo film Disney Pixar!
LEGGI ANCHE – Pop, punk e riflessione si fondono in “Luna”, il nuovo capolavoro di ritmo e introspezione dei Rebenga

Condividi su
Iolanda Pompilio

Iolanda Pompilio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *