DOdiMatto! e il disagio psichico che diventa una risorsa

DOdiMatto! e il disagio psichico che diventa una risorsa
Condividi su

DOdiMatto! è un’Associazione di Promozione Sociale (APS), nata a Torino nel 2020 con l’idea di creare un canale in cui far confluire progetti artistico-culturali di persone con disagio psichico.

Un’Associazione in cui l’Arte si mette a disposizione della malattia e non viceversa.

Parolieri, poeti, cantautori, scrittori, pittori e attori potranno trovare una realtà in cui valorizzare la propria creatività dimenticando etichette da manuali di psichiatria.

Associazione che mira a restituire la centralità alla persona dando ascolto e rilievo alle idee più libere e artistiche degli individui abbattendo pregiudizi e barriere verso tutto quello che in qualche modo viene definito diverso.

Renato Murri, presidente dell’associazione, Nicola Baronzi della Tana del Bianconiglio e Francesca Ceccarelli di Siddarta Press uniti assieme al servizio di questa idea comune e importante cogliono così trovare il modo di creare maggiore sensibilizzazione verso ciò che non si conosce.

Oggi incontriamo Renato Murri in una intervista/chiacchierata ci racconta di questo progetto innovativo e condiviso.

Renato, vorrei per prima cosa dirti che questa iniziativa tocca molte persone da vicino, per questo vorrei dirti che affrontare questi argomenti è molto importante anche se non è da tutti. Questa iniziativa però, appena nata, l’hai in realtà definita un punto di arrivo. Come mai?

Questa mia attività la definisco un punto di arrivo perché qui si sono convogliate tutte le energie. Era un momento in cui la musica che si faceva in Italia non mi piaceva. Inoltre il gruppo con cui suonavo si era appena sciolto e ho avuto molto più tempo per dedicarmi attivamente al mio lavoro. Io mi occupo dell’orientamento di persone che provengono dalla tossicodipendenza e durante un incontro di gruppo ho conosciuto Luca che ha anche un disturbo borderline di tipo bipolare, che mi ha regalato delle poesie scritte in un momento di delirio perché voleva che io ne facessi un disco.

Ma il tuo gruppo si era appena sciolto…

Infatti, avevo seriamente deciso di smettere per un po’ con la musica per questo, dopo essere tornato in contatto con Nicola Baronzi che di lavoro fa appunto il produttore, abbiamo pensato ad un progetto su di lui.  Poi abbiamo ragionato sul fatto che sarebbe stato bello estendere questa possibilità ad altre persone per aiutarle nella loro espressione.

Da qui il punto di arrivo.

Sì, perché per me DodiMatto è il concretizzarsi di tutte le mie esperienze nel mondo della musica e del mio lavoro di consulente. Quindi anche solo vedere una pagina Facebook oppure un logo è per me un concretizzarsi delle mie idee. È un approdo. Da tanto ci stavamo pensando e vedere che esiste è incredibile per me.

Ma non avete pensato di cavalcare l’onda della musica, invece di farsi travolgere dalla marea?

Certo, infatti utilizziamo la musica attuale, del momento, per raccontare però qualcosa di importante, di serio che esca dai soliti canoni del “telefono che suona e io non rispondo” della “giornata sbattimento” e cose di questo tipo.

Avete pensato quindi a promuovere non solo musica ma anche progetti editoriali come libri e poesie?

Certamente, vorremmo poterlo fare. Ci è capitato un ragazzo (che ha la schizofrenia di tipo paranoide come disturbo) che ha scritto già un libro che è stato pubblicato e mi ha dato il suo secondo libro. Personalmente lui mi manda i capitoli e io glieli correggo, pur di stimolarlo ad andare avanti. Mi piacerebbe potesse essere un altro progetto di DodiMatto ma ci servono i fondi. Mi sto accorgendo che il giusto entusiasmo deve essere controbilanciando dai fondi che sostengono i progetti. Ora ci lanciamo sui bandi che ci possono essere per essere aiutati. Però nella realtà dei fatti sì, quello che teniamo a fare non è solamente musica ma anche editoria più puramente intesa come libri

DodiMatto è una Associazione di Promozione Sociale che ha comunque sempre bisogno di sostegno. Come ci ha spiegato Renato tutti possono contribuire a questa iniziativa sostenendola nel modo più consono alle proprie inclinazioni. Assieme alle donazioni che si possono fare (Per questo fare riferimento a Siddarta Press) l’associazione è aperta a qualsiasi proposta di aiuto.

Che voi siate dei progettisti e vogliate dare una mano pratica a tempo perso come quella di creare progetti da proporre per bandi, l’associazione vi accoglierà a braccia aperte.

a cura di
Sara Alice Ceccarelli

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE – Halba x Foldino: un viaggio tra barre taglienti e poesia
LEGGI ANCHE –
Il vortice Metheny con “From This Place”
Condividi su
Sara Alice Ceccarelli

Sara Alice Ceccarelli

Giornalista iscritta all’ODG Emilia Romagna si laurea in Lettere e Comunicazione e successivamente in Giornalismo e Cultura editoriale presso l’Università di Parma. Nel 2017 consegue poi un Master in Organizzazione e Promozione Eventi Culturali presso l’Università di Bologna. Sebbene sia la “senior” del gruppo talvolta è realmente la più VEZ. Nel 2017 e 2018 si occupa dell’Ufficio Stampa degli eventi di LP Rock Events come Bay Fest, Rimini Park Rock e Sullasabbia e durante lo stesso periodo segue l’ufficio stampa del Vidia Club di Cesena. Ama il viola ma solo per le calzature e sulle pareti di casa, vive in simbiosi con il coinquilino Aurelio (un micetto nero) e per amore del fidanzato ora ama anche le moto. La sua religione è Star Wars. Che la forza sia con voi.

2 pensieri su “DOdiMatto! e il disagio psichico che diventa una risorsa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *