È uscito Il trailer de Il signore degli anelli: Gli anelli del potere; Amazon, è tutto nelle tue mani

È uscito Il trailer de Il signore degli anelli: Gli anelli del potere; Amazon, è tutto nelle tue mani
Condividi su

Amazon ha rilasciato il primo teaser trailer della serie da un miliardo di dollari, e il risultato è qualcosa di molto interessante e mai visto prima.

Amazon ha sfruttato l’enorme visibilità data dal super bowl per annunciare qualcosa che stavamo aspettando da anni: il teaser trailer della serie dedicata al mondo del signore degli anelli, The Rings of Power. Qualche giorno prima Vanity Fair aveva rilasciato delle foto promozionali, e già queste erano bastate per scuotere le fondamenta del fandom. A posteriori, il marketing della piattaforma di streaming ha centrato il suo scopo: ha dato modo cioè ai fan più accaniti di cominciare a scannarsi su elfi neri e nane senza barba, e arrivare al rilascio del trailer smorzando l’hype negativo che si sarebbe inevitabilmente creato. Il trailer de Il signore degli anelli: Gli anelli del potere è questo:

Cosa sta succedendo nel fandom?

La situazione nei social come al solito è sfuggita di mano. Nei gruppi Facebook dei Tolkeniani e nei forum di discussione sono tantissimi quelli che invocano al sacrilegio, lamentandosi come fanno gli avventori più disagiati di un bar; è il solito discorso che si fa quando un personaggio di fantasia, magari preso da un libro, non corrisponde alla nostra immagine idealizzata.

Si potrebbe passare ore a discutere sul modo più appropriato di rappresentare le etnie o dei personaggi di fantasia, ma non è quello che mi interessa fare. Sappiamo benissimo che Tolkien descrisse le donne della razza nanica come munite di barba: “[le donne nane] sono talmente simili ai maschi, sia nell’aspetto sia nella voce, se devono partire per un viaggio, che il resto del mondo non riesce a distinguerle”; anche nei film di Jackson ci sono dialoghi espliciti su questo tema.

Quello che forse i fan dimenticano, è che l’opera il cui canone vorrebbero difendere strenuamente, era già stata stravolta più e più volte. Già nel momento in cui Peter Jackson produsse i primi tre film, il “sacrilegio” era già stato fatto. Nella fattispecie, Il signore degli anelli dalla sua comparsa negli anni ’50 venne illustrato da moltissimi, ma gli autori che P. J. predilesse furono perlopiù Alan Lee e John Howe.

Cosa sarebbe successo se avesse preferito un altro artista? E se avessero scelto qualcuno con un taglio più “medievalista”, o un look grimdark alla dungeons&dragons? Il signore degli anelli, per come lo conosciamo, non esisterebbe. Per farvi capire il problema, metterò a seguire una famosa illustrazione di Eowyn contro il re stregone, e ditemi voi se ha qualcosa a che fare con il signore degli anelli per come lo conosciamo.

trailer signore degli anelli
Un illustrazione dei fratelli Hildebrandt su Eowyn contro il Re stregone dal taglio “medievalista”
Il trailer de Il signore degli Anelli: Gli anelli del Potere, nel dettaglio

Questo per farci rendere conto del fatto che tutto viene cambiato, tutto viene stravolto sempre, durante la produzione di un film o una serie. La discussione è oziosa perché i fan ignorano il fatto che anche Peter Jackson gliel’aveva fatta sotto il naso, solo che loro non lo sanno.

Ma veniamo direttamente al trailer de Il signore degli Anelli: Gli anelli del potere. L’estetica proposta è quella a cui gli spettatori sono abituati di più durante questi anni: l’inclusività, etnie diverse per rappresentare i personaggi, cambi di tono, più o meno azzeccati. Il trailer presenta inoltre un estetica un po’ “pulitina”, facendo apparire la Terra di Mezzo come un mondo splendente, quasi patinato. I personaggi sono tutti belli, perfino il nano che appare nel trailer sembra appena uscito dal parrucchiere.

La paura principale è che il tono della serie possa essere lo stesso che troveremmo nelle copertine delle riviste di moda, ma è impossibile dare un giudizio definitivo su un solo teaser; personalmente sogno una palette di colori più vicina a opere come “La bussola d’oro”, con quegli incredibili colori metallici dal sapore steampunk (ma come vedete nella foto sotto, siamo sulla buona strada).

trailer signore degli anelli
Una scena di battaglia in Gli anelli del Potere
Il vero problema? La sceneggiatura

In ultima analisi, quello che mi preoccupa della serie non è tanto la rappresentazione più o meno accurata di personaggi o luoghi. Il problema sta più nella sceneggiatura. Infatti il legendarium Tolkeniano a cui la serie vorrebbe attingere, è scarso di avvenimenti e situazioni riguardo la seconda Era (Il periodo precedente alla caduta di Sauron).

In sostanza quello che vedremo non avrà un collegamento diretto con la storia di Tolkien, ma è stato inventato in gran parte a partire da piccole tracce. Sappiamo già molto bene cos’è successo con l’ultima (e odiata) stagione di Game of Thrones, e le potenzialità catastrofiche che questo tipo di operazione potrebbe assumere.

Nell’attesa non possiamo fare altro, che avere fiducia nel lavoro che Amazon ha proposto al suo pubblico, che abbia speso bene il suo budget multimilionario. In definitiva, i dubbi e le domande sono ancora tanti, ma per ora non sono preponderanti. Vorrei però risparmiarmi un giudizio prematuro: il due settembre è ancora lontano.

a cura di
Marco Manto

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – “Martin Luther King vs FBI” – Luci e ombre dell’uomo che scosse l’America
LEGGI ANCHE – Nomination agli Oscar 2022: Tutti i candidati
Condividi su
Marco Manto

Marco Manto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *