40 anni da Litfiba, Ghigo Renzulli racconta e si racconta al pubblico fiorentino

40 anni da Litfiba, Ghigo Renzulli racconta e si racconta al pubblico fiorentino
Condividi su

Quarant’anni e più passati a fare musica. Dall’esperienza Cafè Caracas, alla nascita di una delle più longeve rock band italiane, i Litfiba. Federico “Ghigo” Renzulli racconta e si racconta, a cuore aperto e senza segreti, venerdì 16 settembre alle ore 18 al Museo Marini di Firenze in un incontro che si annuncia affollatissimo e che vede la presenza anche di Alberto Pirelli, storico produttore dei Litfiba e fondatore della I.R.A. Records

Anni Hottanta Remix – Estate Fiorentina 2022

Venerdì 16 settembre 2022 dalle ore 18 presso il Museo Marino Marini – piazza di S. Pancrazio – Firenze Ghigo Renzulli presenta l’autobiografia 40 anni da Litfiba. Insieme all’autore sarà presente Alberto Pirelli.

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria sul sito https://bit.ly/Hottanta o via email a prenotazioni@museomarinomarini.it, nell’ambito della rassegna Anni Hottanta Remix.

A dare il la è “40 anni da Litfiba”, l’autobiografia che Ghigo Renzulli ha scritto insieme al giornalista Adriano Gasperetti (a cura di Alberto Pirelli).

“40 anni da Litfiba” è il racconto nudo e crudo, senza prediche o sermoni, di una grande passione per la musica: Ghigo riflette, ricorda, e traccia un percorso in cui nulla è nascosto ma tutto è alla luce del sole, un percorso da seguire con attenzione per capire quanto la musica abbia indirizzato la sua vita con tutte le vittorie e gli immancabili scazzi. L’infanzia, l’esperienza londinese, la voglia di vivere la musica d’oltremanica, il periodo punk, la new wave e il ritorno in Italia.

Ghigo Renzulli in una foto di RicPic
Foto di RicPic
Una vita sul palco

Tredici album in studio con i Litfiba, oltre a una decina di live e tre raccolte. Grazie a questo libro potremo seguire il lavoro in studio, le prove in sala, il dietro le quinte dei live e dei video, i viaggi su e giù per l’Italia e non solo, in poche parole la vita di un rocker italiano. I Litfiba hanno vissuto cambi di formazione e addii traumatici, ma Ghigo c’è sempre stato e c’è, pronto a trascinarli con la sua inseparabile chitarra.

E poi, si narra anche la storia recentissima e quel progetto No.Vox, di composizioni puramente strumentali, che mette insieme le sue radici e tutte le sue passioni musicali. Ghigo Renzulli non è solo l’unico membro stabilmente presente nella band, è anche e soprattutto uno dei chitarristi più rappresentativi del panorama rock italiano. Il suo sound unico e inconfondibile è un vero e proprio marchio di fabbrica.

La storia e la vita di uno dei musicisti importanti di questa città attraverso i decenni, dagli anni 70 alla cantina di via de’ Bardi a Firenze, dall’esplosione rock fino al grande successo e poi la carriera da solista.

A cura di Bruno Casini, Anni Hottanta Remix è il progetto speciale di Confservizi Cispel Toscana realizzato in collaborazione con il Museo Marino Marini di Firenze e con Alia Servizi Ambientali Spa per l’Estate Fiorentina del Comune di Firenze.

a cura di
Staff

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – BMA, il 16 settembre la finale al DumBO
LEGGI ANCHE – Yungblud ha perso lo smalto
Condividi su
Andrea Mariano

Andrea Mariano

Andrea nasce in un non meglio precisato giorno di febbraio, in una non meglio precisata seconda metà degli Anni ’80. È stata l’unica volta che è arrivato con estremo anticipo a un appuntamento. Sin da piccolo ha avuto il pallino per la scrittura e la musica. Pallino che nel corso degli anni è diventato un pallone aerostatico di dimensioni ragguardevoli. Da qualche tempo ha creato e cura (almeno, cerca) Perle ai Porci, un podcast dove parla a vanvera di dischi e artisti da riscoprire. La musica non è tuttavia il suo unico interesse: si definisce nerd voyeur, nel senso che è appassionato di tecnologia e videogiochi, rimane aggiornato su tutto, ma le ultime console che ha avuto sono il Super Nintendo nel 1995 e il GameBoy pocket nel 1996. Ogni tanto si ricorda di essere serio. Ma tranquilli, capita di rado. Note particolari: crede di vivere ancora negli Anni ’90.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *