Gli Euphoria raccontano il loro nuovo singolo

Gli Euphoria raccontano il loro nuovo singolo
Condividi su

Gli Euphoria sono una band che ha fatto della creatività il suo punto assoluto di partenza. Dopo la pubblicazione del singolo “Dove vuoi che sia” hanno raccontato un po’ di loro alla redazione di The Soundcheck

Il trio che compone il gruppo musicale Euphoria, in seguito al periodo di pandemia che ha rappresentato per loro un momento di estrema riflessione, ha danno vita ad un progetto musicale inedito e sperimentale. Pubblicano, così, il primo singolo “Dove vuoi che sia”, un pezzo che racchiude in sé diverse sfumature dalla bellezza dell’amore alla nostalgia per la perdita.

Ecco la nostra intervista dove ci parlano un po’ di loro e della loro arte.

Ciao Euphoria, grazie per aver accolto la nostra intervista. Allora questo nome d’arte come nasce e cosa significa? 

Ciao e grazie dell’invito. La storia riguardo al nostro nome è meno romantica di quanto si possa pensare: stavamo lavorando ad un pezzo (che purtroppo abbiamo perso) e ci siamo imbattuti in questo synth dal nome appunto EUPHORIA, che abbiamo iniziato ad utilizzare. Quando poi abbiamo pensato al nostro nome ci è sembrata la scelta giusta, concisa e musicale allo stesso tempo tempo.

Quindi vi siete ritrovati a riunirvi in pandemia e prima cosa facevate? avevate qualche altro progetto? 

Il progetto musicale nasce ben prima della pandemia. Willy ci faceva ascoltare le sue prime produzioni già a partire dalla prima superiore. Poi il lockdown ci ha solo dato la possibilità di entrare più in contatto con la nostra musica, da lì l’idea di continuare è stata praticamente naturale.

Veniamo alle cose serie, il singolo d’esordio “Dove vuoi che sia”, intanto vi chiedo, dove vuoi che sia chi? che cosa? 

“Dove vuoi che sia” è una domanda retorica, è quel modo di dire che in una relazione significa: non importa cosa farai, dove sarai, cosa ci succederà, dove vuoi che sia , io sarò sempre qui per te.

Dove vuoi che sia è un brano che parla di una storia d’amore che inizia e finisce, e lo fa attraverso un sound molto fresco e interessante. Insomma vi siete ritrovati a raccontarvi un po’ le vostre storie e vi siete ritrovati accomunati da una relazione andata male? E’ andata così? 

Oltre a rappresentare due storie d’amore, rappresenta le nostre due situazioni sentimentali attuali. Dezzo è appena entrato in un relazione mentre Ema ne è appena uscito. È uno specchio della nostra vita attuale.

Scusate, ci divertiamo un po’. Realmente, come nasce questo pezzo? 

Nasce in un pomeriggio di inizio ottobre, Dezzo aveva portato la sua ragazza in studio da Willy e mettendosi a improvvisare degli accordi venne fuori una bella progressione, la sera stessa tornati a casa Willy inviò a Dezzo una prima bozza del pezzo e Dezzo ci mise la prima pietra la sera stessa. Qualche giorno dopo la inviarono a yEMA che scrisse la sua strofa, venne lasciata in disparte per qualche mese e poi ripresa e finita verso aprile, maggio per diventare quello che è ora. La direzione finale del pezzo è stata raggiunta anche grazie a Tanarouge e Manuel il nostro Manager.

Che cosa stanno preparando gli euphoria e il suo team? 

L’estate è lunga e le idee sono tante. Stiamo lavorando ad altri progetti, il tempo darà le giuste risposte.

a cura di
Staff

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Brunori Sas – Locus Festival, Fasano – 6 agosto 2022
LEGGI ANCHE – Joe Bastianich e La Terza Classe – Senigallia (AN) – 5 agosto 2022
Condividi su
Staff

Staff

La redazione di The Soundcheck: un branco di giornalisti, redattori, fotografi, videomaker e tanti altri collaboratori agguerriti provenienti da tutto lo Stivale pronti a regalarvi una vasta gamma di contenuti. Dalla semplice informazione artistico-culturale, fino ad approfondimenti unici e originali nel campo della musica, dell'arte, della letteratura e della cultura a 360 gradi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *