Cigarettes After Sex – Sequoie Music Park, Bologna – 29 giugno 2022

Cigarettes After Sex – Sequoie Music Park, Bologna – 29 giugno 2022
Condividi su

I Cigarettes After Sex arrivano al Sequoie Music Park di Bologna per la seconda e ultima data italiana del loro tour. Un live piuttosto breve fatto di contrasti, rigorosamente in bianco e nero

I Cigarettes After Sex fanno un genere di musica decisamente soft rispetto ai miei ascolti abituali. Facendo una ricerchina su Google, la loro musica viene definita ambient pop – slowcore – indie rock. Pochi giorni prima, sempre al Sequoie Music Park di Bologna, ero a sentire i Deftones, capostipiti del nu metal. Insomma, per quanto li abbia ascoltati molto nelle mie inseparabili cuffie, non sapevo bene cosa aspettarmi da questo live.  

Un cortometraggio in bianco e nero

Il trio statunitense composto da Greg Gonzalez, Randall Miller e Jacob Tomsky, in un outfit total black perfettamente coerente al loro mood, è salito sul palco puntuale alle 21, accompagnato da un sottofondo ambient. Il cielo ancora limpido e luminoso, alcuni aerei che volano bassi su Bologna verso mete a noi sconosciute.

Attaccano con la loro prima canzone, Crush, un brano fumoso e sognante, come tutti gli altri, del resto. Sugli schermi, l’immagine di una grande luna piena riflessa sul mare. Un contrasto molto strano devo dire, essendo ancora illuminati dalla calda luce del giorno. Le coppie presenti, però, già limonano ondeggiando lentamente e almeno questa aspettativa è stata rispettata.

Le prime canzoni scorrono senza grande attenzione del pubblico, fino ad arrivare alla celebre Nothing’s Gonna Hurt You Baby, che è riuscita ad accendere un po’ la fiamma. Ancora troppo luminoso il cielo, però, per cogliere a pieno il sentimento cupo e crepuscolare tipico dell’universo Cigarettes After Sex.

La band è incredibilmente precisa, la voce di Greg calda e sensuale. Ringrazia sporadicamente il pubblico per essere presente, raccoglie una rosa lanciata sul palco, ma avverto una sorta di distacco tra loro e il pubblico.

Solo a metà concerto, finalmente, cala il buio: così, l’atmosfera si fa più coerente all’animo dark dei brani, in particolare sul finale. Finalmente riesco ad apprezzare a pieno K., Heavenly, Apocalypse e, come unico brano dell’encore, Dreaming of You.

Il concerto si chiude dopo appena un’ora e dieci di live molto soft.

Quando la bravura non basta

Il concerto dei Cigarettes After Sex è un live onesto, senza fronzoli, forse non adatto a chi come me va ai concerti per lasciarsi andare, sfogarsi, piangere, ridere, saltare, ballare. Nota di demerito per il pubblico, molto distratto (perlomeno quello ai lati del palco, perché sottocassa era evidente il coinvolgimento). In molti chiacchierano davanti al loro drink come se fossero al bar con gli amici, più che a un concerto. 

Questi ragazzi sono indubbiamente bravi, sembra di ascoltare il disco. Talmente precisi da non riuscire a mantenere alta l’attenzione. Non stonano una nota, eppure fino a che non è sceso il buio il conflitto luce-ombra è stato troppo forte per apprezzare il loro mood sognante ed evanescente. Come se a stonare fosse proprio quel contrasto bianco e nero.

Insomma, credo che per apprezzare davvero questo genere di live sia necessario un setting completamente diverso. Tornerei a un loro concerto? Forse sì, ma li immagino in un club intimo, dopo una certa ora di sera, tra coppie che si baciano e pensieri che si confondono col fumo di una sigaretta fumata di nascosto.

a cura di
Chiara Serri

Fonte immagini: FB Sequoie Music Park

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Alice Cooper – Alcatraz – 29 giugno 2022
LEGGI ANCHE – Motta – Mole Vanvitelliana, Ancona – 28 giugno 2022

Condividi su
Chiara Serri

Chiara Serri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *