“Sotto la porta dei sussurri” il nuovo fantasy di TJ Klune

“Sotto la porta dei sussurri” il nuovo fantasy di TJ Klune
Condividi su

Dopo il successo ottenuto con La casa sul mare celeste, Travis John Klune torna nelle librerie italiane con il suo nuovo libro Sotto la porta dei sussurri, edito da Mondadori.

Un autore acclamato che con la delicatezza dei suoi racconti è riuscito a far innamorare della sua scrittura un gran numero di lettori. Le storie di Klune hanno tutte protagonisti appartenenti alla comunità LGBTQ+ e hanno al centro delle vicende storie dedicate all’amore omossessuale. La sua produzione è strettamente connessa anche alla sua vita personale: l’autore ha infatti dichiarato che il suo essere queer ha influenzato, non solo le sue opere, ma anche il suo modo di scrivere.

Questo libro, come dichiara lo stesso Klune nei ringraziamenti, è molto più intimo di quelli pubblicati in precedenza:

Mi ci è voluto parecchio per finire il romanzo, perché mi ha costretto a esplorare il dolore per la perdita di qualcuno che amavo molto, scavando a livello più profondo di quanto avessi mai fatto prima […]. Nel dolore c’è una catarsi, anche se spesso, finché ne siamo in balia, non riusciamo a vederla. Non dirò che scrivere questo libro mi ha aiutato a guarire, perché sarebbe una bugia. […]

Se vivi abbastanza a lungo da imparare ad amare qualcuno, prima o poi conoscerai anche il dolore. E’ così che funziona il mondo, punto e basta.

Nel dicembre 2016 l’autore ha dovuto affrontare un grande lutto: la perdita del marito, lo scrittore Eric Arvin.

Cosa succede dopo la morte?

La morte non è la fine di tutto, Wallace. È una fine, certamente, ma che prepara per un nuovo inizio.

Il romanzo segue le vicende di Wallace Price, un avvocato spietato, che muore a causa di un infarto e si ritrova ad essere un fantasma. Al funerale, a cui partecipano una manciata di persone, nessuno piange, nemmeno la sua ex moglie. Sembra che a nessuno importi della sua dipartita. Proprio alla cerimonia funebre fa la conoscenza di Mei, una mietitrice, che gli spiega che il suo compito è quello di condurlo da Hugo, il traghettatore, che avrà il compito di aiutarlo ad “andare oltre”.

La ragazza accompagna lo scettico Wallace al Passaggio di Caronte, un bizzarro locale, che nell’edificio ospita la porta che i defunti devono attraversare per lasciarsi il nostro mondo alle spalle. Qui Wallace fa la conoscenza di Hugo, suo nonno Nelson, che nonostante sia morto non vuole attraversare il passaggio, e di Apollo, un cagnolino fantasma. Per l’ex avvocato non è facile accettare la propria morte ma, grazie all’aiuto di queste persone, capirà che anche dopo la vita è possibile migliorarsi ed essere felici.

Ed è qui che inizia la sua nuova esistenza…

Fonte Pinterest
Una crescita personale

In questo libro ritornano forti alcune tematiche che avevamo già trovato ne La casa sul mare celeste. L’accettazione del diverso, la consapevolezza che porta alla felicità e, ovviamente, l’amore. La storia tra Hugo e Wallace è il punto forte del romanzo. Sotto i nostri occhi vediamo l’evoluzione dell’avvocato che, piano piano, diventa una persona migliore. Capisce l’importanza dell’amicizia e dell’aiutare il prossimo e, si rende conto, dei tanti errori commessi in vita. Tutto questo grazie alla pazienza e all’amore che Hugo dimostra nei suoi confronti: non è mai troppo tardi per cambiare.

L’autore riesce a fare un lavoro di costruzione dei personaggi magistrale. Ogni figura che si muove nel romanzo ha un suo peso e una sua storia che ci insegna qualcosa sulla nostra vita. Tutti i personaggi, anche quelli che dovrebbero ricoprire un ruolo marginale, ci lasciano qualcosa.

Non è facile imbastire un romanzo partendo dalla morte del protagonista e tirando fuori una storia di speranza e di riscatto. Ma Klune ci riesce e lo fa con il suo stile delicato e dolce. I suoi personaggi rimangono nel cuore del lettore anche a distanza di anni perché le loro storie, anche se in un ambientazione fantastica, sono le stesse che viviamo anche noi. Soffriamo per il dramma di Cameron, per il lutto di Nancy e siamo felici per il percorso di crescita di Wallace che, da uomo insopportabile alla fine ci risulta simpatico.

Una copia de La casa sul mare celeste?

Il libro, benché sia una lettura piacevole, a tratti mi è sembrato molto simile a La casa sul mare celeste. Il personaggio di Hugo, in particolare, mi ha ricordato moltissimo Parnassus, il direttore dell’orfanotrofio e co-protagonista del libro precedente. Entrambi hanno un carattere molto simile e, a volte, mi sembra che si muovano seguendo il medesimo copione. La stessa cosa vale per Wallace Price. Nonostante il suo carattere sia estremamente diverso da quello di Linus Baker (il remissivo protagonista de La casa sul mare celeste) la loro evoluzione è molto simile. Tuttavia dire che le storie siano uguali e che non ci sia nulla di nuovo mi sembra esagerato.

L’autore rimane fedele a se stesso, parlandoci dei temi a lui più cari, ma ci regala un romanzo inedito. Nonostante alcuni argomenti trattati nell’opera siano piuttosto pesanti il lettore ne rimarrà incantato perché Klune, con la sua penna, riesce ad addolcire anche le tematiche più impegnative.

In questo mese di giugno, dedicato al pride, vi consiglio, se non lo avete già fatto, di approcciarvi alle opere di questo autore. Le sue parole sapranno guidarvi in un luogo magico in grado di farvi sognare ma, soprattutto, vi faranno sperare che non è troppo tardi per poter cambiare le cose e vivere in un mondo migliore.

a cura di
Laura Losi

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE- Oscar Wilde: l’amore tormentato con Alfred Douglas
LEGGI ANCHE- La Storia e Io: “Chiamami così”

Condividi su
Laura Losi

Laura Losi

Laura Losi è una piacentina classe 1989. Si è laureata in Giornalismo e Cultura Editoriale presso l’Università degli Studi di Parma con una tesi sulla Comunicazione Politica di Obama. Avrebbe potuto essere un medico, un avvocato e vivere una vita nel lusso più sfrenato, ma ha preferito seguire il suo animo bohemien che l’ha spinta a diventare un’artista. Ama la musica rock (anche se ascolta Gabbani), le cose da nerd (ha una cotta per Indiana Jones), e tutto ciò che riguarda il fantasy (ha un’ossessione per Dragon Trainer). Nel 2015 ha pubblicato il suo primo romanzo “Tra le Rose” e a breve vedrà la luce anche la sua seconda fatica, il cui titolo rimane ancora avvolto nel mistero (solo perché in realtà lei non lo ha ancora deciso).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *