I Malvax ci riportano l’estate con il singolo “Zanzare”

I Malvax ci riportano l’estate con il singolo “Zanzare”
Condividi su

Lo scorso 11 gennaio 2022 sono tornati i Malvax con “Zanzare, brano che ha permesso alla band emiliana di essere selezionata tra le quarantacinque nuove proposte a Sanremo Giovani 2022 per il secondo anno consecutivo.

Il nuovo brano Zanzare è una canzone energica, liberatoria, una valvola di sfogo – spiega la band – È una storia finita, è la liberazione di tutti gli attimi, le sensazioni, le abitudini che rimangono come una dipendenza anche dopo la fine, gli sbalzi d’umore che creano la tempesta perfetta del post-rottura.

Abbiamo intervistato i Malvax con il loro nuovo singolo, scopriamo insieme le domande!

Da dove è nata Zanzare? Qualche sentimento/evento particolare per il vostro gruppo?

Zanzare è nata in sala prove, come tutti i nostri brani. A differenza delle altre canzoni però, non è possibile definire un momento preciso in cui è nata, perché in realtà questo brano nasce dall’insieme di tre diversi pezzi che presi da soli avremmo quasi sicuramente scartato. Non avevano vita propria.

Poi, una sera quasi per scherzare, abbiamo iniziato a suonare un pezzo dietro l’altro, come per fare un medley, e ci siamo resi conto che nell’insieme tutto girava, e dove mancava qualcosa in uno dei tre brani ora c’era, e tutto è andato al suo posto. Non dimentichiamo il grande aiuto di Jurij Cirone e Davide Roberto, con cui abbiamo collaborato negli ultimi brani e che ci stanno facendo crescere tantissimo come gruppo.

Malvax: da dove viene il nome della band?

Abbiamo scelto il nome “Malvax” prendendo ispirazione da una pianta, la malva, che da sempre viene utilizzata come antinfiammatorio, e aggiungendo la “X” per farlo sembrare il nome di un medicinale. Questa motivazione del nome si pone come obiettivo quello di trasmettere il concetto di musica come rimedio nei momenti meno felici, e che può aiutare ad elaborare emozioni ed esperienze nel modo più sano e sereno.

Dai vostri primi esordi avete prodotto brani in lingua inglese, e nell’ultimo periodo invece più in lingua italiana. C’è una ragione per questo passaggio?

In realtà in lingua inglese abbiamo fatto giusto un paio di pezzi, i primissimi, e non eravamo ancora tutti i membri del gruppo! Si trattava dei primi esperimenti, e in verità non li abbiamo nemmeno mai registrati fino in fondo… sarebbe divertente farlo ora, a distanza di anni! Perché no?

Da quando abbiamo preso seriamente l’impegno di fare musica, però, abbiamo sempre scritto in lingua italiana, perché abbiamo sempre creduto che sia importante dare valore alla propria lingua, alle nostre origini, e oltretutto non ha nulla da invidiare rispetto all’inglese al contrario offre molte più possibilità di espressione.

Da Pavullo nel Frignano (provincia di Modena) al vostro ingresso fra i 45 di Sanremo Giovani 2022. Come è stato il vostro esordio da band di provincia, e come sono evolute le cose sino ad ora?

Uscire da un paese come Pavullo, come band o più generalmente come artista, è molto diverso rispetto alle grandi città come, ad esempio, Roma o Milano: non conosci nessuno e nessuno conosce te, e hai poche occasioni per metterti in mostra o farti sentire. Se da un lato, gli ultimi anni è diventato tutto più facile grazie ai social e piattaforme di ascolto in streaming come Spotify, dall’altra parte non sono cambiate le opportunità.

Anzi, ci sono molti più artisti e sempre meno spazio. Il nostro esordio è stato guadagnato dopo anni di gavetta e sacrifici, che stiamo ancora continuando a fare con grande gioia e passione, e arrivare a risultati come quello di Sanremo, oltretutto per il secondo anno di fila, è davvero importante e ci rende molto orgogliosi!

Siamo davvero felici in questo momento e motivati a migliorare ancora, per arrivare sempre più in alto.

Prossimo concerto vostro in previsione o concerto che vorreste andare a vedere?

Ci stiamo rialzando, un poco alla volta, dopo due anni molto difficili per il mondo della musica, e speriamo anche noi di riprendere a suonare al più presto con i ritmi che davvero ci piacciono. In questa fase stiamo preparando nuovo materiale, nuove canzoni, ma l’obiettivo per il 2022 è sicuramente tornare a suonare!!

Per quanto riguarda il concerto che vogliamo andare a vedere diamo una risposta a testa: per Lorenzo: Bon Iver, per Francesco L.: Liam Gallagher, Francesco F.: Royal Blood, Giacomo C.: Coldplay e Alessandro C.: ASAP Rocky.

Vi aspettiamo ai live Malvax!

Intanto vi lasciamo il singolo zanzare qui!

a cura di
Francesca Bandieri

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – The King’s Man – Le origini: un prequel che convince davvero?
LEGGI ANCHE – Chi ha vinto i Golden Globe più trascurati di sempre
Condividi su
Francesca Bandieri

Francesca Bandieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *