La rinascita delle fashion week di New York, Londra, Milano e Parigi

La rinascita delle fashion week di New York, Londra, Milano e Parigi
Condividi su

Ripercorriamo insieme alcune delle più belle passerelle delle fashion week di quest’anno.

Settembre è uno dei mesi più importanti del calendario della moda. Esso è infatti dedicato alle fashion week per la stagione primaverile ed estiva dell’anno successivo. Inoltre, le passerelle di quest’anno hanno un significato sociale e di rinascita molto importante: sono le prime prevalentemente in presenza dopo la pandemia. Sono un po’ come una fenice che ritorna alla vita.

Le capitali delle fashion week sono: New York, Londra, Milano e Parigi cornici di bellissimi quadri dedicate alla moda primavera/estate 2022.

Quali sono stati i brand, gli outfit e i trend che si sono distinti di più?

Vediamolo insieme con questo articolo che racchiude una sintesi delle 4 settimane dedicate alla moda. Curiosi? Beh non vi resta che leggere.

New York Fashion Week: dal 7 al 12 settembre tra sfilate, tendenze, show e ospiti

A dare il via alle fashion week è New York, svoltasi in concomitanza con il ventennale della tragedia dell’attacco terroristico delle torri gemelle, avvenuta l’11 settembre del 2001. Nonostante ciò ha prevalso la voglia di riprendere in mano la vita, la socialità, la spettacolarizzazione degli show, tutto messo in pausa a causa della pandemia.

In questa settimana abbiamo visto Tom Ford, presidente di Cfda (Council of Fashion Designers), con una collezione che ha come protagonisti i bermuda di paillettes , reggiseni sportivi, joggers in satin, max blazer, completi di velluto e giacche dorate. In passerella hanno sfilato top model dal calibro di Gigi Hadid, Joan Smalls a Vittoria Cerretti.

Micheal Kors ha celebrato i suoi 40 anni con uno show nel cuore di Central Park dove il protagonista è stato l’amore rappresentato da una sfilata romantica in cui la donna è celebrata in tutta la sua sensualità. Si riprende il fascino anni 50 con vestiti svasati, gonne a ruota indossate con la bralette , giacche sartoriali, abiti laser e trenche pastello.

Moschino punta su una collezione ironica e giocosa ispirandosi al mondo dell’infanzia decorando le creazioni con bottoni-gioccatolo, pupazzi e gioielli di plastica che riprendono spille da balia e animaletti buffi. Un momento iconico e virale di questa sfilata, (in generale della fashion week newyorkese) ha avuto luogo con Gigi Hadid. La modella, tornata a sfilare dopo il parto, strappa un biberon con i denti sulla passerella. Questa collezione vuole far passare il messaggio di mamme che tornano bambine insieme ai figli indossando cose appartenenti al loro mondo come collane di plastica e magari abiti con fantasie che richiamano il mondo dei cartoni animati. A chiudere la sfilata troviamo la top model Irina Shayk.

Nuovi designer

Durante le sfilate si è dato spazio anche ai nuovi designer accomunati da un minimo comune denominatore ovvero realizzare una collezione pensata per vestire davvero nella quotidianità. In questo troviamo Peter Do, un nome non sconosciuto nell’ambiente e che ha presentato la collezione a Brooklyn con capi tailoring, completi da toni neutri, abiti in maglia e maxi t-shirt.

Ospiti: Non solo modelle ma troviamo in questa fashion week star del calibro di Dundas per Revolve, Emily Ratajkowski, Kate Spade e Kate Holmes. E ancora Julianne More, Jennifer Hudson e Kim Kardashian che si è fatta notare per i suoi look street style ma alquanto misteriosi come l’armatura medievale in pelle firmata Balenciaga.

Tendenze: tutto molto bello ma quali saranno le tendenze i must per la primavera/estate 2022 per New York? Da quello che è emerso i must saranno: top crochet e abiti all’uncinetto, le già citate paillettes, reggiseno rigorosamente in bella vista magari con maxi blazer o con una gonna a vita alta. Il protagonista assoluto sarà il colore e anche psichedelici.

Londra Fashion Week: dal 16 al 21 settembre tra sfilate, tendenze, show e ospiti

La meno ricca di sfilate live, ma comunque piena di tendenze e nomi nuovi, allo stesso tempo con l’assenza dei big inglesi come Burberry.

Erdem per il suo 15esimo anniversario ha scelto la cornice del British Museum che si è ispirato alle aristocratiche di Bloomsbury, la poetessa Edith Sitwell e Lady Ottoline Morrell. In passarella si respira un’atmosfera vintage di inizio secolo, con scarpe brogue, con pizzi e con stampe floreali.

Richard Quinn. lo stilista inglese porta in scena i look che lo hanno reso tra i preferiti della Regina, protagonisti della sfilata troviamo pantaloni rilassati a coprire le scarpe e abiti da gran gala. Ospiti grandi star come Kate Moss che applaude la figlia Lila Grace Moss Hack , alla figlia di Lisa Rinna e Harry Hamlin e Amelia Gray Hamlin, al debutto in veste di modella.

Curiosità: nonostante le poche sfilate live alla London Fashion Week, queste si sono comunque distinte per le loro modalità inconsuete, come Rejina Pyo, che ha aperto la sfilata al London Aquatic Centre con le atlete del Team GB, le quali sono state protagoniste di un tuffo dal trampolino con costumi firmati dal brand.

Non solo sport ma anche l’arte con uno spettacolo di danza mistica dei modelli di Roksanda. Charles Jeffrey Loverboy ha fatto sfilare i modelli con delle candele accese in testa; e poi c’è anche chi, come JW Anderson, presenta la sua nuova linea con degli scatti firmati da Juergen Teller. L’eccentrico fotografo, oltre alla collezione, scatta anche se stesso in parte nudo, con due pneumatici in mano.

Tendenze: abiti che risalgono la sensualità di ogni donna come micro abiti sottoveste, pantaloni trasparenti e gonne di rete. Vi state chiedendo quale colore sarà il re assoluto della primavera/estate 2022 per la fashion week londinese? Sarà il verde accesso che è stato utilizzato da tutti gli stilisti.

Milano Fashion Week: dal 21 al 27 settembre tra sfilate, tendenze, show e ospiti

Protagonisti della fashion week made in Italy sono i tanto amati e odiati anni 2000 ma iniziamo subito dalla coppia di stilisti più famosa del globo ovvero Dolce&Gabbana, la loro sfilata è un inno alla positività e all’allegria e questo da un punto di vista stilistico si traduce con lustrini, paillettes, cristali e ricamo.

Indovinate qual è il titolo della la loro sfilata? “Luce”. Una parola magica e forte allo stesso tempo, che rimanda ad un’ondata di ottimismo e speranza dopo un periodo buio come quello che abbiamo vissuto. L’invito è di guardare il qui e ora, con positività ed entusiasmo e ritornare a vivere magari con la “luce” delle paillettes. Inoltre come protagonisti troviamo: intimo in pizzo che va a sostituire i vestiti da sera ma anche i bustini e le guepiers portati a vista e non come semplice lingerie.

Dsquared 2: i gemelli della moda più conosciuti del globo ovvero Dean & Dean Caten hanno proposto una sfilata dal titolo “Fairytale Grunge”. Una cornice sicuramente fiabesca con fatine, magie e poteri magici. La differenza sta nello stile grunge, ispirata agli anni 90 e al 2002 ma in una versione super fashion e luxury. Lo stile riprende una delle coppie più grunge degli anni 2000 ovvero quella formata da Courtney Love e Kurt Cobain, attingono al loro guardaroba ma con una rivisitazione contemporanea.

Ospiti: alla sfilata dei 40 anni dell’Emporio Armani dove è stato lanciata l’esclusiva collezione “Versace by Fendi-Fendi by Versace, ha visto come ospiti le top model che hanno fatto storia: Kate Moss, Naomi Campbell, Amber Valletta, Gigi Haidad e Vittoria Ceretti.

Tendenze: per la Milano Fashion Week le parole d’ordine della moda primavera/estate 2022 sono: appariscente, luciccante e colori ripescando la moda degli anni 2000 e l’indumento simbolo di ciò sarà la mingonna in tutte le sue varianti.

Parigi Fashion Week: dal 28 al 6 ottobre tra sfilate, tendenze, show e ospiti

L’ultima fashion week post pandemia è quella di Parigi, in questa splendida città abbiamo visto il ritorno di grandi nomi della moda francese: Dior, Chanel, Valentino, Miu Miu e Louis Vuitton. Il file rouge di questa settimana dedicata alle collezioni primavera/estate 2022 è il concetto di evasione. Attraverso il passato, il viaggio, l’arte la libertà.

La maison Dior è la prima a sfilare in questa fashion week, proponendo una collezione che strizza l’occhio agli anni 60. Il protagonista è lo slim look arricchendolo di nuovi tagli, colori e forme. Il colore protagonista? Sicuramente il total black è protagonista assoluto di completi giacca e minigonna, indossati con stivali in vernice oppure con le Mary Jane. Il tutto ispirandosi al famosissimo Piper, discoteca della dolce vita romana degli anni 60. La collezione è presentata in modo scenografico con una sorta di ruota della fortuna su cui gli abiti sembrano danzatori al ritmo di una collezione tra passato e presente.

La collezione di Hermes si chiama “Liberated”, con abiti di pelle leggera, dallo stile casual da vedo-non-vedo, top piccoli che si indossano con tailleur rilassati e sandali chunky, le tasche degli abiti hanno come particolarità una lavorazione effetto rete.

La sfilata di Chloè rappresenta a pieno il senso di libertà in quanto è stata realizzata all’aperto. Le modelle indossano caftani, maxi dress rigorosamente total white, top in maglia con lunghe frange o lavorati crochet, il tutto indossato con sandali bassi e comodi e con collane di conchiglie.

Con Chanel alla Paris fashion Week Primavera Estate 2022, c’è un ritorno agli anni 90 creando una collezione che ha una matrice nostalgica e contaminazioni contemporanee con tailleur tweed corti, stampe di farfalle, denim decorato, collane a catena, tutti “marchiati” dal logo della doppia C.

Lo stilista italiano Giambattista Valli, propone una collezione di abiti pensati per vestire la nuova Gen Z. Questi abiti hanno come file rouge il romanticismo rappresentato da gonne che ricordano quelle delle principesse, sandali falt con cristali, giacca gilet al posto del blazer.

Nuovi designer:

Anche in questa fashion week si è dato un po’ di spazio ai designer emergenti come: Shang Xia, che vanta due collaborazioni del calibro di Hermes e di Exor, presenta una collezione lussuosa pensato alle giovani donne dell’era contemporanea. Altro esordiente che si è fatto notare è Ludovic de Saint Sernin, presenta Desir, una collezione gotica.

Ospiti: troviamo l’influencer più famosa del pianeta ovvero la nostra Chiara Ferragni, ospite della maison francese Schiaparelli, sfoggiando un nude look con delle stelline sui capezzoli, che ha fatto scalpore in qualche modo e ha rischiato per certi versi la censura su instagram, l’oufit dello scandalo che ha rubato la scena a tutte le top model. Da Valentino troviamo come ospiti Emily Ratajkoski, Nicola Peltz e Brooklyn Beckham.

Tendenze: la Paris Fashion Week conferma le tendenze delle precendi settimane, e quindi sarà la stagione delle paillettes, della lingerie a bella vista, trasperenze, palette di colori, non i dimenticando il white e il black.


A voi quale sfilate e/o fashion week vi è piaciuta di più? Quale tendenza ve la sentite più addosso?

Non ci resta che attendere la prossima estate e viverla a colori.

A cura di
Francesca Cenani

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE Milano Fashion Week 2021: le-passerelle-P-E-2022
LEGGI ANCHE – Balenciaga P-E-2022 ft.I Simpson

Condividi su
Francesca Cenani

Francesca Cenani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *