Captain Rico & The Ghost Band: l’album è un viaggio nella surf music

Condividi su

E’ uscito “The Forgotten Memory of the Beaches”, l’album di debutto dei Captain Rico and the Ghost Band. L’album è un viaggio nel mondo della surf music. Questo genere popolare negli anni ‘60, reso celebre da band come The Beach Boys, The Ventures e The Surfaris è ancora molto in voga.

L’album è nato dall’amore per la surf music, a cui i Captain Rico and the Ghost Band sono appassionati sin da bambini. Un viaggio che mette in musica questo universo “dimenticato”. I membri della band sono cresciuti tra le coste dei Paesi Baschi Francesi, nel mito dell’onda Belharra e della cultura del surf. La loro passione per questo universo traspare in ogni pezzo, creando una colonna sonora perfetta che evoca i sentimenti di euforia che rimarranno con l’ascoltatore anche dopo averlo ascoltato.

The Forgotten Memory of the Beaches

Rimbalzando tra elementi di straight rock, ispirazioni indiane ed elementi pop, l’album suona come un viaggio che trasporta l’ascoltatore dalla vita quotidiana ad un’estate spensierata ambientata negli anni ‘60 tra le spiagge ed il sole cocente. Il titolo “The Forgotten Memory of the Beaches” è un omaggio alle band anni ‘50 e ‘60, spesso dimenticate dal grande pubblico. Ma è una frase da più significati, come riferisce la band: “Troviamo la frase “sognante”, quindi chiunque può rispecchiarsi e trovare il proprio significato se vogliono”.

“Mexican Road Trip” – Il video

Il video di “Mexican Road Trip”, il nuovo singolo estratto dall’album rappresenta a pieno la cultura della surf music a cui la band appartiene. Un brano dal sapore messicano e dai sapori lontani con arrangiamenti esotici. “Mexican Road Trip” trae ispirazione dalla passione della band per i viaggi e la scoperta.

Diretto da Sylvain Montet, il video è stato girato sul suggestivo sfondo delle montagne di La Pierre Saint-Martin
nei Pirenei. La grafica del videoclip segue un longboarder sulle discese della montagna.
Personalmente amo il Messico e spero di andarci un giorno. Per il video volevamo rappresentare come potrebbe
essere una sosta da qualche part
e in Messico”, racconta Damien il chitarrista della band.

Ufficio Stampa – Brainstorming Music

Condividi su
Redazione 1

Redazione 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *