Nuova vita per “L’uomo a pedali” di Roberto Bonfanti

Nuova vita per “L’uomo a pedali” di Roberto Bonfanti
Condividi su

Si cade, ci si rialza e si riprende a pedalare, sulla strada come nella vita

Dodici anni dopo la sua prima uscita, Roberto Bonfanti ripercorre il suo stupendo romanzo L’uomo a pedali consegnandogli una nuova vita. Un’opera che dona al lettore emozioni e che lo appassiona, verso dopo verso.

Il versatile artista lombardo, che in passato si è cimentato anche nel campo dei racconti ed in quello musicale celebra il suo ritorno componendo la riedizione del libro a cui è profondamente affezionato, come lui è legato visceralmente al ciclismo.

Come già anticipato, Bonfanti non è impegnato solamente come scrittore ma anche come musicista. Nel 2016 ha pubblicato il suo disco Ogni sorso un ricordo, con la collaborazione di Miky Marrocco, e tutt’ora collabora con Rock Targato Italia

I suoi impegni si sono distinti anche nella stesura di diversi racconti, come Storie contromano , Supersuono e Fischio finale. Negli anni scorsi Bonfanti è stato anche il responsabile di un progetto volto a far conoscere la storia della musica d’autore italiana ai detenuti del carcere di San Vittore.

Una rivisitazione questa, de L’uomo a pedali, edita da Edizioni del Faro, decisamente moderna non solo nello stile ma anche nella presentazione. Il libro, infatti, è stato presentato sulle due ruote di una bici e reso disponibile su tutte le piattaforme digitali.

La passione per la bicicletta

Roberto Bonfanti racconta di Sergio, un ragazzo appena trentenne, e delle sue emozioni attraverso la sua più grande passione, la bici, simbolo di libertà e gioia di vivere, ancora di salvataggio nei momenti di sconforto e incertezza e compagna indissolubile di vita.

“Sergio pedala sereno, nel cuore della notte, su una strada isolata, con l’animo leggero e la testa piena di ricordi che non fanno più male”

Dalle prime pedalate fra amici alle prime gare, la vita del protagonista è sempre stata legata alla sua bicicletta e al ciclismo, generando un connubio indissolubile. Un infortunio improvviso, però, ha stravolto i suoi sogni e le sue speranze, trascinandolo in una vita fin troppo ordinaria per uno come lui.

Un’esistenza, quella di Sergio, scandita candidamente capitolo per capitolo, che lo vede crescere e mutare attraverso storie d’amore, di vita vissuta, delusioni, gioie e dolori. Protagonista di un girovagare, mentalmente e fisicamente, che lo condurrà verso strade nuove e tortuose.

Un racconto decisamente intenso e affascinante, ben scritto e con un ritmo fluido, uno di quelli che lascia il segno, che va a toccare i sentimenti del lettore, lasciando un sapore più che gustoso nella mente di chi godrà di questa lettura.

a cura di
Fortunato Coppola

Seguici anche su instagram!

LEGGI ANCHEUltimo atto del 50° anniversario di Santarcangelo Festival: Futuro Fantastico (II movimento)
LEGGI ANCHE- “Se la strada potesse parlare”: Baldwin racconta il razzismo prima di Black Lives Matter
Condividi su
Fortunato Coppola

Fortunato Coppola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *