Madame – Ippodromo delle Capannelle, Roma – 5 luglio 2022

Madame – Ippodromo delle Capannelle, Roma – 5 luglio 2022
Condividi su

L’estate di Rock in Roma accoglie la “Marea” travolgente di Madame, tra balli, gioia e i segreti del confessionale

Grande successo per la data romana della cantante vicentina che è tornata a Roma, questa volta sul palco dell’Ippodromo delle Capannelle, per presentare i brani del suo primo album “Madame”, a poche settimane dal successo ottenuto con il suo show all’Atlantico Live.

In apertura Caffellatte, VV e Nuvolari.

Il Racconto del Concerto

Ad accompagnare l’ingresso della rapper ventenne, simbolo della generazione Z, il dj Estremo, produttore insieme a Durdust del brano “Voce” che la cantante ha presentato a Sanremo.
“Ciao Roma, come state? Siete felici che è estate?” con queste parole Madame esordisce sul palco del Rock In Roma e da il via alla sua esibizione con il brano “Istinto”, prima traccia del suo album d’esordio omonimo del 2021.

Il Confessionale di Madame a Roma

Seguono, in un’ora e un quarto di felicità, balli e sorrisi, i brani della sua discografia “Tu Mi Hai Capito”, “Baby”, “Luna”.
Dopo “Vergogna”, Madame fa da conduttrice nel gioco del Confessionale, dove il pubblico è esortato a raccontare un segreto, qualcosa che rivela per la prima volta.
“Io vi ho raccontato tanto di me, nei miei brani, ora tocca a voi” li incoraggia Francesca.

Ed ecco che i ragazzi e le ragazze a poco a poco si aprono e confidano i loro pensieri più intimi, come i pensieri “impuri” con il doccino, il desiderio verso il cugino o verso la propria maestra da piccoli, fino ad arrivare al Coming Out e alla macrofilia (attrazione sessuale di un individuo verso persone giganti),

La musica riprende con “L’Eccezione” e “Il Mio Amico”.
Coinvolgente e intensa, a suo agio nel suo completo colorato a maniche corte e pantaloncini, libera da schemi o forme di sottomissione a qualsiasi tipo di tendenza “Non mi sono pettinata e truccata stasera”, Madame è l’immagine fedele del messaggio riportato dal suo brano seguente, che ha una presentazione a sé.

Scritto a 17 anni, il pezzo esorta a mostrarsi senza filtri, per come si vuole essere e si è.
“Non c’entra la libertà sessuale”, specifica Francesca, “il brano dice proprio questo: Fai quel cazzo che ti pare, lady. E’ piuttosto un’invito a fottersene della tendenza e della pressione ad aderire a un determinato tipo di immagine, a non avere paura, fare quello che si vuole..e dove si arriva, si arriva. Abbiamo Tutti Paura Ma Dobbiamo Andare Avanti”. E canta “L’Anima/17”.

Il concerto si chiude con tre cavalli di battaglia “Sciccherie”, “Voce” e “Marea” di quella che è senza dubbio una delle penne più poliedriche del panorama musicale italiano attuale.

La scaletta
  1. Istinto
  2. Tu mi hai capito
  3. Baby
  4. Mami papi
  5. Luna
  6. Bamboline boliviane/Vergogna
  7. L’Eccezione
  8. Tutti muoiono
  9. Amiconi
  10. Il mio amico
  11. L’anima/17
  12. Mi fiderò
  13. Sentirmi
  14. Sciccherie
  15. Voce
  16. Marea

A cura di
Gabriella Vaghini

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHEBig Time & L2 Lanificio Presentano “Big Time Release”
LEGGI ANCHE“Anestesia”, l’amore nonostante tutto
Condividi su
Gabriella Vaghini

Gabriella Vaghini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *