Orchestra Mirko Casadei – Arena sul Lago (Modena) – 20 settembre 2021

Orchestra Mirko Casadei – Arena sul Lago (Modena) – 20 settembre 2021
Condividi su

Arriva l’Orchestra Mirko Casadei con “L’estate di Raoul Casadei” all’Arena sul Lago a Modena, evento organizzato da PD Coord.to Provinciale Modena, recupero della data di giovedì 16 settembre annullata causa pioggia.

Con l’Orchestra Mirko Casadei, si chiudono gli eventi e la Festa provinciale de L’Unità di Modena 2021, una kermesse di spettacoli durata tre settimane.

Mirko Casadei
L’estate di Raoul Casadei

L’estate di Raoul Casadei, sembra averci abbandonato questa sera, o almeno solo l’estate, quella del sole e del bel tempo, alzo gli occhi al cielo e vedo lampi ovunque che non promettono nulla di buono.

Ma di buono c’è Mirko con la sua orchestra, che porta il calore dei Romagnoli, a scaldare questa fresca, anzi fredda serata.

Il live è un viaggio nel tempo, e ripercorre la storia di colui che ha fatto la storia del liscio, e ne è il Re Raoul Casadei.

“Con la Mazurka di periferia, ci viene voglia di fare l’amore…” Così Mirko introduce il brano, perché diciamocelo i Romagnoli sono Romagnoli chi, se non loro.?

Si va di Polka adesso, per arrivare a Ciao Mare canzone che partecipò al Festivalbar del 1973 e arrivò terza. Quell’edizione aveva ospiti come Elton John, Patty Pravo, Mia Martini, Paul McCartney e Bee Gees, insomma tanta roba!

L’ acustico

Arriviamo al momento acustico, un momento intimo, dove Mirko racconta come sono nate le canzoni di Raoul. “Mio padre amava stare con la gente, ascoltarle, e proprio dalle loro storie trovava l’ispirazione per tante canzoni”. E proprio dal confrontarsi con le persone, con la mia gente, come la definiva lui ne è uscito il brano “La mia Gente”. Come il brano “La ballata del camionista”, una canzone che omaggia una categoria, quella dei camionisti che macina centinaia di migliaia di chilometri l’anno, come lui anche se per ragioni diverse. C’è anche “Mamma Romagna” la canzone scritta contro quei giornalisti, che avevano definito morto il turismo romagnolo, causa la mucillagine che in quegli anni infestava l’adriatico.

Arrivano anche altre canzoni altri successi, altri racconti, e brani scritti dallo stesso Mirko, e anche il tempo miracolosamente regge. Si arriva al gran finale, a quella che tutti aspettano “Romagna mia” cantiamola tutti insieme incoraggia Mirko al microfono, e la canto anche io, mentre penso che bella gente questi Casadei, bella gente questi Romagnoli.

Sul finire del concerto iniziano i fuochi d’artificio che concludono quest’edizione della festa de l’Unità di Modena, cinque minuti con la testa per aria ad ammirarli, altri cinque per arrivare alla macchina, e via il diluvio universale. È proprio l’estate di Raoul Casadei, che ci ha salvato dalla pioggia!

a cura di
Enrico Ballestrazzi

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – L’ordinario mondo straordinario di Blumosso
LEGGI ANCHE – “È Già Domani”: il futuro dei Fast Animals And Slow Kids
Condividi su
Enrico Ballestrazzi

Enrico Ballestrazzi

Fotografo per passione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *