Halloween 2019: Stingy Jack e Emoween, la Playlist di Stefano Cece Gardelli

Halloween 2019: Stingy Jack e Emoween, la Playlist di Stefano Cece Gardelli
Condividi su

Vi siete mai chiesti come mai ad Halloween si è soliti intagliare delle zucche? La pratica deriva da una leggenda di origine irlandese ed è la storia di Stingy Jack.

Jack era un uomo che conduceva una vita dissoluta, tra alcol e gioco. Una sera di Halloween, ubriaco come tutte le sere, incontrò il Diavolo andato a reclamare la sua anima di peccatore.

Jack chiese al Diavolo un ultimo desiderio: poter bere l’ultimo bicchiere e gli chiese una moneta per poterlo pagare. Il Diavolo si trasformò così in una moneta che Jack mise nel suo portafoglio con una croce ricamata sopra, cosa che avrebbe impedito al Diavolo di uscire. Jack ottenne un anno di vita in più permettendo al Diavolo di uscire.

L’anno successivo, sempre la sera di Halloween, il Diavolo si ripresentò alla sua porta e Jack scommise con lui che se si fosse arrampicato su un albero non sarebbe più riuscito a scendere. Il Diavolo accettò ed effettivamente non riusciva a scendere, dato che Jack aveva inciso sull’albero una croce. Jack propose al Diavolo un patto: avrebbe cancellato la croce, se il Diavolo avesse accettato di non cercare più di prendere la sua anima. Il Diavolo accettò.

Jack morì l’anno successivo ma rimase nel limbo poiché a causa della propria vita dissoluta le porte del Paradiso non si aprirono mentre il Diavolo, ancora incazzato, non lo fece entrare all’inferno. Tuttavia, per compassione, regalò a Jack un tizzone ardente per illuminargli la via nell’oscurità del limbo e coprì la fiamma con una rapa svuotata.

Da quel momento la rapa, poi divenuta zucca con i pellegrini emigrati nelle Americhe, è diventata il simbolo delle anime dannate ed è usanza metterla sulla porta di casa per tenerle lontane.

Con questa leggenda vogliamo augurarvi buon Halloween e vi lasciamo in compagnia della Playlist di Halloween, Emoween 2019, creata per voi da Stefano Cece Gardelli, dj del Vidia Club di Cesena.

Dolcetto o scherzetto?

a cura di Sara Alice Ceccarelli

Condividi su
Sara Alice Ceccarelli

Sara Alice Ceccarelli

Giornalista iscritta all’ODG Emilia Romagna si laurea in Lettere e Comunicazione e successivamente in Giornalismo e Cultura editoriale presso l’Università di Parma. Nel 2017 consegue poi un Master in Organizzazione e Promozione Eventi Culturali presso l’Università di Bologna. Sebbene sia la “senior” del gruppo talvolta è realmente la più VEZ. Nel 2017 e 2018 si occupa dell’Ufficio Stampa degli eventi di LP Rock Events come Bay Fest, Rimini Park Rock e Sullasabbia e durante lo stesso periodo segue l’ufficio stampa del Vidia Club di Cesena. Ama il viola ma solo per le calzature e sulle pareti di casa, vive in simbiosi con il coinquilino Aurelio (un micetto nero) e per amore del fidanzato ora ama anche le moto. La sua religione è Star Wars. Che la forza sia con voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *