Clio MakeUp: da YouTube all’apertura degli store

Clio MakeUp: da YouTube all’apertura degli store
Condividi su

Clio Zammatteo è una giovane donna che ha cominciato a pubblicare video su YouTube nei quali crea dei make-up, video che sono diventati virali e che l’hanno portata ad ottenere un grandissimo successo permettendole di aprire degli store e creare una sua linea di cosmetici

Il trucco è stata sempre la sua passione, però non l’aveva mai considerato un lavoro. Spopolavano i video YouTube in America di ragazze che facevano dei tutorial e facevano vedere le proprie competenze dando anche dei consigli. Continuando a guardarli, si rese conto che non era presente sul web nessuna ragazza italiana che li faceva.

Perciò suo marito vedendola così presa ogni giorno da questi video, le disse di cominciare perché si vedeva che aveva delle cose da raccontare.

Da persona timida, inizialmente non ha fatto niente però aveva ormai molte idee dentro la sua testa che ronzavano, così qualche mese dopo l’incitazione da parte del marito, ha iniziato a fare questi video.

Inizialmente erano solo per se stessa perché è sempre stata timida e impacciata. Inoltre, aveva a disposizione solo luci arancioni e telecamere enormi. Non capiva bene come procedere, non c’erano i tagli quindi i video duravano decine di minuti e rischiava di annoiare chiunque li guardasse.

È nel 2008 che Clio decide di dar vita al suo canale ClioMakeUp su Youtube

Fonte: Profilo Instagram di Clio MakeUp

Il suo sogno è quello di condividere tutto ciò che ha acquisito come esperienza professionale nel mondo del make-up e poco a poco il canale è cresciuto raggiungendo più di 150 milioni di visualizzazioni e non passa molto
che arrivano molte proposte professionali. Tra queste c’è la collaborazione con Vogue e quella con Pupa.

Questa sua non professionalità, tuttavia, ha fatto si che lei fosse vista come un’amica e non come la professionista che dall’alto della sua esperienza ti raccontava una cosa.
Il suo è sempre stato il consiglio e non il voler insegnare con vanto di saper qualcosa e questo fattore fu la chiave vincente per riuscire entrare nel cuore delle persone.

Clio ha avuto un successo strepitoso soprattutto per la scelta di rivolgersi a un target ben preciso: prettamente femminile, italiano e non professionista, efficace ed aperto al dialogo.

Un linguaggio non particolarmente tecnico, di tipo nel campo del make up. Il suo stile comunicativo semplice, immediato, confidenziale, a volte ironico, le ha permesso di instaurare con il pubblico un solido rapporto di fiducia al punto di creare la community più grande in Italia nel campo del make-up.

Clio è molto attenta ai suoi fans e al messaggio che intende trasmettere

Modula la comunicazione in base al target di riferimento e rispetta sempre i canoni di qualità, eccellenza e autenticità di ogni singolo prodotto pubblicizzato.

La costanza nella pubblicazione dei contenuti, l’attenzione per la sua community e soprattutto la coerenza nella comunicazione hanno permesso a Clio di diventare la più seguita influencer in Italia legata al mondo della cosmesi, con milioni di followers e di condivisioni al giorno.

Un altro aspetto fondamentale del successo della sua strategia è lo storytelling: propone contenuti interessanti e legati alla quotidianità attraverso un racconto autentico e genuino del suo brand e dei suoi prodotti sia sulle varie pagine social che sul ClioMakeupBlog.

Per una make-up artist, il sogno più grande non potrebbe essere altro se non quello di avere una linea di cosmetici

clio make up
Fonte: Canale Youtube di Clio MakeUp

All’inizio non immaginava minimamente che questa cosa fosse possibile sia perché mancavano i fondi e non aveva i soldi per poter realizzare questo sogno, sia perché non aveva le conoscenze giuste che potessero indirizzarla e aiutarla nel procedere con questo tipo di progetto.

L’unica cosa che aveva all’inizio era la sua community che nei primi tre mesi era cresciuta tantissimo arrivando a 10.000 persone che per l’epoca erano numeri enormi, attualmente invece sono quasi 6 milioni tra tutti i social Facebook, Instagram e YouTube.

Il suo primo programma su Real Time

La televisione le diede una gran visibilità nel 2012 quando condusse il suo programma su Real Time, deve alla televisione tantissimo ma lei lo considera un mondo diverso soprattutto per una persona che viene dal web dove comunque poteva gestire i spazi, i tempi e aveva molta più libertà.

Uno dei motivi per cui la sua linea e la sua persona hanno avuto successo sin da subito sui social è perché la sua community l’ha vista sin da subito come una persona vicina, non come una persona irraggiungibile. Ha sempre mostrato genuinità e normalità perché per lei è sempre stato importantissimo far vedere che è esattamente come le altre persone ma che semplicemente avuto la fortuna e l’impegno di fare della sua passione un lavoro e un’azienda.

L’apertura dei Pop Up: gli store di Clio

Fonte: Google

Il Pop Up store è stato un esperimento del 2017, anno della nascita della sua linea e dei primi prodotti.
Lei e il suo team volevano vedere cosa sarebbe successo nell’avere uno store senza che Clio fosse presente.
Così aprirono il primo Pop Up a Milano e fu un successo!
L’idea alla base del progetto dello store era quella di un’esperienza d’acquisto che doveva essere proprio un po’ come entrare nel suo mondo.
Con il tema color corallo che la caratterizza, con le stesse luci che lei usa a casa per fare i video e degli sfondi per permettere ai fan di poter fare delle foto con un pezzettino del suo mondo trasferito in un negozio.


Dato il successo del primo Pop Up, nel 2019 ne aprì altri tre: uno a Napoli, uno a Firenze e un altro a Milano e adesso, a Settembre 2022, è arrivata anche a Parma in via Mazzini!

a cura di
Valentina Civale

SEGUICI ANCHE SU INSTAGRAM!
LEGGI ANCHE – La fidanzata della rockstar: tra tendenza e critica
LEGGI ANCHE – Festival del Cinema Venezia 2022: i look più belli sul red carpet


Condividi su
Valentina Civale

Valentina Civale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *