Rkomi – Vox Club, Nonantola – 08 maggio 2022

Rkomi – Vox Club, Nonantola – 08 maggio 2022
Condividi su

Rkomi è approdato al Vox Club di Nonantola nel suo “Taxi Driver – Club Tour 2022” registrando il sold out anche in questa venue. Continua quindi l’ondata di successo dell’artista milanese.

Rkomi continua la sua scalata sull’onda di un successo che sembra non avere fine. Dopo aver visto “Taxi Driver” come album più venduto nel 2021, ed essere ospite fisso nelle classifiche dei brani più ascoltati in Italia, il tour ha registrato un sold out completo delle date nei club. Ora l’artista milanese si prepara a un ricco tour estivo con nuovi ospiti e soprese, ma vediamo come è andata questa tappa al Vox Club di Nonantola.

Si aprono le danze…circa

L’opening act di Rkomi ha visto protagonista un rapper locale, supportato da un dj, che non ha decisamente entusiasmato né il pubblico, né se stesso probabilmente. I presenti sono rimasti abbastanza indifferenti e la performance sicuramente non è stata tra le più memorabili. Dispiace dirlo, ma si poteva pensare sicuramente a qualcosa di meglio per introdurre un’artista come Rkomi, in questo momento uno tra i più gettonati della scena italiana.

Un primo piano di Rkomi (foto di: Enrico Ballestrazzi).
Ecco Rkomi

Rkomi si è presentato in una veste più sobria, indossando capi di pelle, non arrivando a spogliarsi nemmeno a fine concerto, facendo parlare di più la sua musica che altro, nonostante arrivassero cori sotto questo aspetto. Rispetto al tour estivo è sicuramente cresciuto e migliorato, merito va dato anche all’esperienza sanremese che a detta di Rkomi l’ha formato ulteriormente come persona e artista.

Un aspetto molto interessante che si è potuto notare è come i pezzi pop siano stati resi più rock, mentre i pezzi hip-hop siano stati maneggiati in un arrangiamento più pop. Una conversione di generi che ai live hanno dato nuova linfa a brani magari sentiti e risentiti fino allo sfinimento nelle versioni studio durante questo ultimo anno.

La presenza scenica è qualcosa su cui Rkomi può sicuramente contare, dimostrandolo nuovamente live, e nonostante non sia un talento sopraffino dal punto di vista canoro, riesce a compensare con i sound, i testi e il coinvolgimento del pubblico. Rkomi tiene particolarmente a quest’ultimo aspetto dato che “LA CODA DEL DIAVOLO” è stata ripetuta due volte vedendo l’affetto e il calore particolari che il pubblico stava donando per quello specifico brano.

Momento “Karakaz”

Apprezzabile inoltre come lo stesso Rkomi si sia fatto accompagnare da Karakaz, ex concorrente di X-Factor e presente nel brano “HO PAURA DI TE” per dargli spazio e avere il modo di acquisire maggiore visibilità. È poi raro che un’artista conceda il proprio palco a un altro per dare la possibilità di far sentire la sua musica durante un proprio show, ma così è stato.

Karakaz ha potuto cantare “Rotto dentro” mettendo in mostra: grinta, “voglia di spaccare” e dando un’ulteriore spinta rock al concerto. È un artista da tenere d’occhio negli anni a venire perché possiede certamente le capacità per poter regalare delle belle soddisfazioni e nuova arte musicale per gli appassionati.

Il pubblico canta con Rkomi (foto di: Enrico Ballestrazzi).

Seguiteli i sogni anche se sono difficili, anche se dicono che sono caz**te, credete in voi

Il momento clue

Il momento del concerto più d’impatto è stato subito dopo l’esibizione di Karakaz, quando Rkomi è apparso su una sedia nella postazione del fonico, traslando il centro dello show, per una volta, nelle ultime file. Questo capovolgimento del live, in termini di spazio, ha sicuramente aiutato a tenere la spinta dello spettacolo e saputo offrire qualcosa di “fresco” rispetto ai soliti live “palcocentrici“.

Inoltre si è permesso anche ai più lontani di sentirsi “in transenna” per una volta. In questo nuovo setup Rkomi ha scelto di procedere con una versione acustica di “Diecimila Voci” e “Ho spento il cielo“, facendosi “coccolare” dalle voci del pubblico in una magica atmosfera grazie anche al gioco di luci e l’insolita posizione.

In conclusione

Rispetto agli spettacoli estivi questo live è stato di un livello superiore. La durata è stata raddoppiata con 2 ore di concerto effettive rispetto all’1 e 15 minuti dei live estivi. Gli arrangiamenti dei pezzi sono stati migliorati e talvolta stravolti, ma questo non ha fatto altro che sorprendere, dare un effetto diverso e soprattutto mostrare ancora una volta l’ecletticità dello stesso artista e della sua band.

Un altro aspetto fa riscuotere successo ai live di Rkomi è il suo dialogo continuo con il pubblico riguardo pensieri che esterna come se la platea fosse qualcuno con cui confessarsi o confrontarsi. Se eravate rimasti delusi dai concerti dell’estate scorsa, sicuramente i prossimi saranno next-level con un Mirko più maturo musicalmente e un live che saprà sorprendervi.

La scaletta

Insuperabile
Dieci ragazze
Acqua calda limone
Maleducata
Mai più
Alice
Blu
Mare che non sei
Luna piena
Fegato spappolato
Milano Bachata
Apnea
Ho paura di te (ft. Karakaz)
Rotto dentro (Karakaz)
Diecimila voci
Ho spento il cielo
La coda del diavolo x2
Dove gli occhi non arrivano
Solletico
Cuore dollari (64 Bars)
Paradiso inferno
Cancelli di mezzanotte
Visti dall’alto
Taxi driver
Partire da te
Nuovo range
Acquagym

a cura di
Luca Montanari

foto di
Enrico Ballestrazzi

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE“Alpha Games”- Il nuovo album dei Bloc Party
LEGGI ANCHE“Together sounds better”: Acieloaperto festeggia i suoi primi 10 anni
Condividi su
Luca Montanari

Luca Montanari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *