Luigi Fedele: una passione innata

Luigi Fedele: una passione innata
Condividi su

Luigi Fedele, nonostante la sua giovane età, è già conosciuto al grande pubblico grazie all’interpretazione di Ferro, il protagonista del film Piuma(2016).

Biografia

Nato a Pisa nel 1998, si trasferisce con la famiglia a Roma quando era ancora piccolo dove scopre la sua passione per il cinema. Ha studiato recitazione con Barbara Valmorin e ha iniziato giovanissimo la sua carriera nel mondo dello spettacolo. A soli 10 anni prende parte al cortometraggio Urban Black(regia di Farid Dms Debah). Da lì inizia a prendere parte a diversi film di successo, sino ad arrivare al ruolo di protagonista del film Piuma nel 2016 diretto da Roan Johnson.

Interpretava il giovane Ferro che insieme alla sua ragazza Cate, a seguito di un’improvvisa gravidanza, cerca di non perdere la spensieratezza della sua giovane età. In Quanto basta nel 2018, recita insieme ad attori come Vinicio Marchioni e Valeria Solarino, interpretando il personaggio di Guido, un giovane ragazzo affetto dalla sindrome di Asperger.

Dal cinema alla TV

Dopo l’esperienza cinematografica, nel 2020, scopre il mondo della televisione recitando nella fiction Io ti cercherò accanto al grande Alessandro Gassman, nel ruolo del giovane Ettore, che lo ha fatto conoscere anche al pubblico del piccolo schermo. L’attore, in un’intervista ha dichiarato di aver trovato delle affinità con il personaggio cercando, inoltre, di imparare ad essere un sognatore riservando lo spirito ribelle.

Per quanto riguarda i ruoli da interpretare, Fedele, non ha preferenze. Sente il bisogno di spaziare con generi, ma soprattutto personaggi diversi dimostrando di essere un attore camaleontico, dote che lui stesso si riconosce.

Oltre all’amore per il cinema, ha dichiarato di avere anche una grande passione per l’arte, in particolare per la street art. La definisce una “malattia” tant’è che racconta di aver passato molte notti per strada a fare graffiti.
Della sua vita privata non si sa molto ma una cosa è certa, è nato con la passione per il cinema! Riesce a dare vita ai personaggi grazie alla capacità di immedesimarsi dando tutto sé stesso.

a cura di
Desirée Cicero

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – La letalità dell’apparenza
LEGGI ANCHE – “Blankets”: la graphic novel che è diventata un cult
Condividi su
Desirée Cicero

Desirée Cicero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *