Subsonica – Demodè, Modugno – 16 aprile 2022

Subsonica – Demodè, Modugno – 16 aprile 2022
Condividi su

I Subsonica finalmente tornano in Puglia, dopo due anni di attesa, causa pandemia. Il giorno del live più atteso, da me e da chi è presente al Demodè, è arrivato

Sono emozionata come solo una millenial può essere con uno dei gruppi cardine del rock degli anni 90/2000. Lo ammetto mi tremano le mani e ho paura di scattare brutte foto, di perdermi attimi importanti, ma prima di essere una fotografa e una scribacchina sono un essere umano e sono una fan dei Subsonica.

Nel blu dipinto di blu

Ancora una volta nel locale il colore predominante è il blu. Come per la Vicario non mi pare sia un colore tanto rilassante. È palese quanto i fan siano in fermento e in attesa e li capisco. Amo tutti i concerti proprio per questo: quell’eccitazione iniziale, l’attesa, il cuore che accelera quando si pensa di aver scorto movimenti nel backstage dietro palco.

L’attesa logora piacevolmente i nervi fino a quando iniziano a salire sul palco i componenti della band. Urla di gaudio e gioia. Sussulto emozionata e mi preparo a separarmi per un attimo dall’adolescente fan che vorrebbe lasciarsi andare in urletti seguiti dalla stonatura consapevole dei pezzi con la quale è cresciuta.

Il live

Il tour nasce per l’uscita rivisitata di uno degli album più conosciuto dei Subsonica, e il live riprende quei pezzi tanto cari in aggiunta ad altri facenti parte della vasta discografia della band. La rivisitazione di “Microchip temporale” con il featuring di vari artisti come Myss Keta, Willy Peyote, Coma_Cose e tanti altri è stato veramente un progetto ben riuscito.

Tanto che anche il portare i vari featuring, nelle date del tour, avvalora sia la collaborazione che la ben riuscita di un prodotto nato in periodo pandemico. In primis perché la carenza di live in questi due anni è stata pesante e soprattutto perché si vede l’unione che lega artisti che non fanno parte della storica band.

Microchip Temporale ed Emozionale
I Subsonica con Ensi

Durante il concerto la band accoglie sul palco Ensi, un rapper italiano che sta seguendo la band durante il tour, anche perché la sua voce la sentiamo anche nella nuova versione de “Il cielo su Torino“. Comunque durante il live al Demodè hanno intonato una celebre canzone di Neffa, “Aspettando il sole”, ed è un tripudio di voci che in coro cantano il pezzo.

Si salta, si balla, ci si dimentica dei due anni appena trascorsi e come aspettarsi di meno? Io per prima mi emoziono, piango e chiacchiero con i vicini di seduta, soprattutto quando Samuel dedica “Strade” a Pasquale Modica, celebre fotografo che ha seguito per anni la band e che, come dice Samuel “è riuscito a cogliere chi sono i veri Subsonica

Microchip emozionale, perché qui mi sono commossa, da fotografa. È raro che qualcuno lodi il nostro lavoro, e soprattutto, che senta la nostra mancanza, vista la mole di colleghi pronti a subentrare. Invece a qualcuno il nostro lavoro arriva, e scusatemi se mi emoziona saperlo.

Il live si conclude con “Tutti i miei sbagli” ed è inutile che vi dica di come l’abbiamo cantata tutti assieme, chi stonando, chi abbracciandosi, chi piangendo ricordando la crush del liceo. Io questo live non me lo dimenticherò e se ve lo siete perso cercate di recuperarlo.

a cura e foto di
Iolanda Pompilio

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Intervista ai ROS: “A noi la ‘scia del talent’ fa schifo”
LEGGI ANCHE – Coez – Gran Teatro Geox, Padova – 15 Aprile 2022

Condividi su
Iolanda Pompilio

Iolanda Pompilio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *