Magli: fuori ora “Finisce sempre così”

Magli: fuori ora “Finisce sempre così”
Condividi su

“Finisce sempre così” nasce dopo un periodo di pausa di Magli, un periodo che gli è servito per capirsi e per mettere a frutto tutte le cose accadute in precedenza e che stavano per accadere.

Dalle sue parole:

“Finisce sempre così” nasce a termine di un periodo di pausa lungo quasi 5 mesi, nel quale ho cercato di scaricare tutte le tensioni accumulate e di mettermi a nudo con me stesso. Mi sono domandato quale fosse realmente la mia più grande paura ed ho capito che è la solitudine.

Il brano parla proprio di questo, di come la sola paura di restare soli possa condizionare e farci ragionare su come tutte le certezze del momento siano lì ben salde in quell’istante, ma come palazzi senza fondamenta sono pronte a crollare.

magli - finisce sempre così cover
Biografia

Federico Magli, in arte MAGLI, è un cantante classe ‘92 di Carrara. Dopo varie esperienze in gruppo prende la strada da solista con la voglia di sperimentare. Nascono così nuove sonorità per MAGLI, pezzi pop e attuali anticipati dal primo singolo “In testa ho sempre Te”, brano che viene subito scelto da Radio Nostalgia.

Dopo aver superato i 55.000 stream del singolo, di cui la produzione è opera di Mirko Mangano e Lele Cecchini della Media Wave di Massa (MS), arriva il secondo singolo, sempre con la fortunata produzione del primo, “Come Rock’n’Roll” che sfiora i 45.000 stream su Spotify, seguito da un terzo altrettanto fortunato dal titolo “Dentro Me” che esce il 22 gennaio e supera i 60.000 stream. “Margherite” uscita il 26 marzo 2021 supera poi i 30.000 stream, seguito da “Rimini” e ora da “Finisce sempre così” uscito iul 26 novembre.

a cura di
Redazione

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Zerocalcare tra punk e gelati (SPOILER!)
LEGGI ANCHE – I Lacuna Coil al Rugby Sound Festival il 30 giugno 2022
Condividi su
Andrea Mariano

Andrea Mariano

Andrea nasce in un non meglio precisato giorno di febbraio, in una non meglio precisata seconda metà degli Anni ’80. È stata l’unica volta che è arrivato con estremo anticipo a un appuntamento. Sin da piccolo ha avuto il pallino per la scrittura e la musica. Pallino che nel corso degli anni è diventato un pallone aerostatico di dimensioni ragguardevoli. Da qualche tempo ha creato e cura (almeno, cerca) Perle ai Porci, un podcast dove parla a vanvera di dischi e artisti da riscoprire. La musica non è tuttavia il suo unico interesse: si definisce nerd voyeur, nel senso che è appassionato di tecnologia e videogiochi, rimane aggiornato su tutto, ma le ultime console che ha avuto sono il Super Nintendo nel 1995 e il GameBoy pocket nel 1996. Ogni tanto si ricorda di essere serio. Ma tranquilli, capita di rado. Note particolari: crede di vivere ancora negli Anni ’90.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *