Rave Party: il nuovo decreto

Rave Party: il nuovo decreto
Condividi su

Rave Party e il primo decreto legge del Governo Meloni: ecco cosa c’è scritto e quali sono i cambiamenti

I Rave Party risultano, da come si conviene dal primo decreto legge, una delle priorità per il Governo Meloni. Il Ministro Piantedosi infatti ha preso una decisione repentina dopo i fatti di Modena.

La nuova legge stabilisce la pena prevista in caso di Rave Party e anche la conseguente multa. Se 50 persone o più invadono terreni o stabili, pubblici o privati che siano, cosa che può minare la sicurezza e l’ordine pubblico, sono previste multe da 1000,00 a 10.000,00 euro e una reclusione che può andare dai 3 ai 6 anni.

Tra le file del Governo però ci sono numerosi malcontenti per quello che è stato definito Decreto Rave Party.

Enrico Letta infatti afferma che questa norma non può essere applicata ai Rave Party e Giuseppe Conte sostiene che una norma di questo tipo è degna di uno Stato di Polizia.

Dall’opposizione si alzano poi numerose voci. Per il PD una norma di questo tipo va a ledere la libertà dei cittadini e taccia la destra di nascondere, dietro a questo decreto legge, la possibilità per le persone di riunirsi in cortei e manifestazioni pacifiche.

Matteo Salvini infine accusa il PD di essere nella più totale confusione e di arrivare anche a difendere i Rave Party pur di dire o fare qualcosa.

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE: Milano nel terrore: omicidio in un supermercato
LEGGI ANCHE: Al Bano a Putin: ferma la guerra!

Condividi su
Staff

Staff

La redazione di The Soundcheck: un branco di giornalisti, redattori, fotografi, videomaker e tanti altri collaboratori agguerriti provenienti da tutto lo Stivale pronti a regalarvi una vasta gamma di contenuti. Dalla semplice informazione artistico-culturale, fino ad approfondimenti unici e originali nel campo della musica, dell'arte, della letteratura e della cultura a 360 gradi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *