Serie A, Le 5 trattative della settimana

Serie A, Le 5 trattative della settimana
Condividi su

Altro giro, altra corsa. Si apre ufficialmente il calciomercato, e anche questa settimana i colpi di scena non sono di certo mancati. C’è chi parte, in cerca di una destinazione migliore, e c’è chi arriva nel nostro Paese in cerca di riscatto e con la voglia di mettersi in mostra. Analizziamo insieme le trattative ed i colpi ufficiali di questa settimana!

Lazio – Nuovo reparto difensivo

Dopo gli addii a parametro zero di Strakosha e Reina, quest’ultimo molto vicino ad un ritorno al Villarreal, la Lazio è in cerca del suo nuovo portiere. Tra i tanti nomi in lista prende quota quello di Vicario, reduce da una buona annata con l’Empoli e pronto a fare il salto di qualità con i biancocelesti. Lo stesso presidente Corsi afferma dicendo: “Lotito mi ha chiamato”. Per la panchina, invece si valutano i profili di Berardi del Verona e Falcone della Sampdoria. Passando dalla porta alla difesa la Lazio non vuole fermarsi. Sono pronti ad arrivare due grandi nomi. Il primo dal Milan, e cioè Alessio Romagnoli, fresco di Scudetto e con la voglia di riprendersi un posto da titolare che manca da tanto tempo. Il secondo invece è Nicolò Casale, classe 1998, proveniente dal Verona. Dopo aver rifiutato la proposta del Monza, il suo obiettivo è quello di approdare nella Capitale e chissà, magari anche quello di contribuire alla qualificazione in Champions League con la Lazio. Il club biancoceleste, però, ha già affondato il colpo ufficiale dal Verona e parliamo cioè di Matteo Cancellieri, esterno offensivo di grande qualità. Dopo aver totalizzato soltanto 12 presenze ed 1 gol, l’attaccante italiano vuole dimostrare il proprio valore in una grande squadra, e quale migliore occasione se non questa. La formula, come spiegato dalla società nel comunicato ufficiale, è il prestito con riscatto in base al verificarsi di alcune condizioni.

Vicario durante la partita Empoli-Bologna
Milan – Il mercato (finalmente) si accende

Rispetto alla settimana scorsa tante cose sono cambiate, positivamente, in Casa Milan. In primis i rinnovi di Maldini e Massara, seppur con qualche brivido. Adesso che i due dirigenti hanno firmato il contratto, il mercato finalmente può accendersi e insieme ad esso anche le speranze. Se fino a qualche giorno si parlava di ipotesi, queste ben presto potrebbero diventare delle certezze. Il primo nome, molto importante, è quello di Hakim Ziyech. L’esterno marocchino, attualmente al Chelsea, sarebbe felicissimo di approdare al Milan, infatti avrebbe già dato il consenso per un possibile trasferimento. Resta però il nodo ingaggio, punto da non sottovalutare. Il giocatore percepisce poco più di 6 milioni all’anno, mentre il tetto massimo fissato dal Milan oscilla dai 4 ai 4,5 milioni. Tuttavia, se il club rossonero vuole alzare l’asticella dovrà sicuramente fare uno sforzo economico e spezzare gli equilibri legati al monte-ingaggi. Giornate intense anche dal punto di vista dei riscatti. Alessandro Florenzi potrà continuare la sua avventura al Milan e può dire addio alla “sua” Roma. Il club rossonero ha sborsato circa 2,7 milioni per poter trattenere il terzino e avere una validissima alternativa a Calabria. Esteso anche il contratto ad Antonio Mirante che indosserà i colori rossoneri per almeno un altro anno.

Ziyech con la maglia del Chelsea
Inter – I nerazzurri non si fermano più

Dopo il grande ritorno di Romelu Lukaku, l’Inter non vuole fermarsi e piazza altri tre colpi. Il primo, già da diverso tempo, è il portiere André Onana che dovrà vedersela con Samir Handanovic per un posto da titolare. Il camerunese arriva da anni difficili all’Ajax e vuole voltare pagina cercando di impadronirsi della porta nerazzurra. A centrocampo è ufficiale l’arrivo di Asslani, giovanissimo centrocampista dell’Empoli, che muove, fin da subito, i primi passi in una grande squadra. Dopo aver sostenuto le visite mediche di rito, il centrocampista albanese, e classe 2002, ha messo la firma sul contratto che lo legherà all’Inter fino al 2027. La formula è un prestito di 4 milioni più 10 milioni in caso di riscatto e 2 di bonus. Dopo aver depositato il contratto in Lega, il club nerazzurro ufficializza sui propri profili social anche l’ex centrocampista della Roma Henrikh Mkhitaryan. L’armeno sarà una pedina importante per il centrocampo di Simone Inzaghi, complice la sua duttilità in campo. Egli, infatti, può essere schierato da esterno, da trequartista o da mezzala.

Mkhitaryan dopo il gol in Roma-Fiorentina
Napoli – Tra addii e nuovi arrivi

Una volta scattato il 1° luglio, il Napoli ha potuto dire ufficialmente addio ad un’icona della propria squadra e dei tifosi napoletani, e cioè il belga Dries Mertens. Sembrava destinato a partire già un anno fa, ma il suo amore verso Napoli lo spinse a rimanere. Insieme a lui, un altro pezzo di storia del club partenopeo si sgretola, parliamo di Lorenzo Insigne, un vero e proprio tifoso che ha sempre dato tutto per quella maglia. Una storia durata dieci anni e che, come tutte le cose, incontra la parola fine. Ad accoglierlo è stato il pubblico italiano presente a Toronto che ha omaggiato il talento napoletano, ormai 31enne, con cori e ovazioni. Nonostante l’amore verso questi due grandi professionisti, il presidente Aurelio de Laurentiis non ha perso troppo tempo e ha chiuso il secondo colpo stagionale, Khvicha Kvaratskhelia. È considerato uno dei maggiori talenti del calcio georgiano e vanta anche di essere uno dei 50 giovani più promettenti della stagione 2019-2020, nella lista diramata dalla UEFA in quegli anni. Il ruolo principale che occupa in campo è quello di ala sinistra, ma all’occorrenza può giocare anche sul lato opposto o come trequartista. Per quanto riguarda i portieri, incerta è ancora la situazione di Meret, che però può essere spinto a rinnovare dopo l’addio di Ospina a parametro zero.

Lorenzo Insigne con la maglia del Toronto
Lecce – Corvino tenta il grande colpo

I giallorossi sono già partiti per il ritiro e si preparano al meglio per la prossima stagione in Serie A, cercando a tutti i costi di salvarsi e consolidare la permanenza del club nel campionato di massima serie. Il primo nodo da sciogliere è quello legato ai portieri, con Gabriel pronto a preparare le valigie e ritornare in Brasile e con Plizzari che farà ritorno al Milan. Il casting per la porta giallorossa è già aperto e il primo nome in cima alla lista di Pantaleo Corvino è quello di Simone Scuffet, classe 1996 e attualmente all’Apoel. In alternativa si potrebbe puntare su Wladimiro Falcone, corteggiato anche dalla Lazio e pronto a lasciare Genova. Per il resto il Lecce sarebbe già coperto, facendo affidamento a Brancolini, arrivato da poco dalla Fiorentina, ed a Marco Bleve. La situazione in attacco è ancora da definire, nonostante gli arrivi di Ceesay dallo Zurigo e di Colombo dal Milan, il Lecce avrebbe bisogno di una punta d’esperienza e che garantisca almeno i 10 gol stagionali. L’addio di Coda al Genoa ha liberato uno slot nel reparto offensivo, che potrebbe essere riempito dal grande nome fatto in questi giorni, Stefan Jovetic. Corvino lo conosce bene, infatti fu proprio lui ad acquistarlo alla Fiorentina e permettergli di esordire a 18 anni in Serie A. Ora il montenegrino è in forza all’Hertha Berlino e il suo valore di mercato si aggira attorno ai 2,5 milioni di euro.

Stefan Jovetic ai tempi della Fiorentina

a cura di
Mauro Miglietta

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE – MotoGP, Assen: la Cattedrale non delude
LEGGI ANCHE – Serie A, Le 5 trattative della settimana

Condividi su
Mauro Miglietta

Mauro Miglietta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *