FantaSanremo 2022, il paradiso dei fantallenatori del Festivàl

FantaSanremo 2022, il paradiso dei fantallenatori del Festivàl
Condividi su

Ideato per la prima vota nel 2019 come un simpatico passatempo, in poco tempo, il FantaSanremo ha assunto carattere nazionale, tanto da avere un exploit in pochissimo tempo. La stessa redazione di TSCK ha partecipato lo scorso anno e quest’anno siamo agguerriti più che mai. Quattro chiacchiere con le menti creatrici del giuoco più atteso dell’anno, tra quotazioni e regolamento demenzial-geniale.

Per spendere al meglio i 100 Baudi (i crediti) disponibili e realizzare una squadra competitiva sono necessari strategia, cuore e una sana badilata di botta di cu… ltura e fortuna. Complice il regolamento con bonus e malus assolutamente irriverenti e geniali. Il FantaSanremo è una delle realtà più divertenti e assurde degli ultimi anni, con il numero di fanta-allenatori cresciuto senza freni (sì, nel mucchio selvaggio ci siamo anche noi di The Soundcheck).

Per il 2022 si prospetta un’edizione del Festivàl ancora più particolare e noi di The Soundcheck non potevamo mancare l’occasione di fare qualche domanda a questi ragazzi marchigiani fuori di testa.

 Ciao ragazzi, benvenuti su TheSoundcheck.it! Raccontateci: chi siete? Quando e come è nata l’idea iniziale di FantaSanremo?

Siamo ragazzi marchigiani appassionati del Festivàl, tutti noi, chi per lavoro chi per passione, siamo coinvolti nel mondo della musica e Sanremo per noi è un appuntamento obbligato. L’idea del FantaSanremo è nata nel 2019 con la Giuria Microscopica, un gruppo di ascolto che si divertiva a votare le canzoni in gara. Per il 2020 da una costola della giuria è partita l’idea di fare qualcosa di più coinvolgente, un gioco legato agli eventi di Sanremo. È bastato trovarsi a cena una sera ed è venuta fuori la prima bozza di regolamento.

Presentateci il progetto FantaSanremo.

Il progetto FantaSanremo ha l’obiettivo di coinvolgere più persone possibile in un grande gruppo d’ascolto, con miliardi di ragazze e ragazzi che giocano con noi. Per raggiungere l’obiettivo cerchiamo di usare le frecce che abbiamo al nostro arco: il gioco semplice (una squadra, 5 artisti, un capitano), i meme discutibilmente simpatici e un po’ di sana idiozia. Oltre a questo una parte fondamentale la svolge il sito fantasanremo.com, che ospita tutta la piattaforma di gioco vero e proprio, con la creazione delle squadre, le classifiche, il calcolo di punteggi e quest’anno dopo le incessanti richieste finalmente vedrà la possibilità di creare le proprie leghe private.

Iva “22%” Zanicchi in una puntata di “Ok, il FantaSanremo è giusto” (fonte immagine: FantaSanremo)
È stato complesso redigere il regolamento? Tra l’altro, abbiamo adorato il bonus “50 più IVA”, una vera chicca.

Il regolamento è stato molto difficile da redigere, abbiamo impiegato almeno un paio di mesi tra proposte, idee scartate, discussioni su come interpretare una determinata regola. Fondamentalmente siamo molto pignoli quindi è capitato più volte di bloccarci per ore solo su una parola, perché il regolamento è un po’ la nostra costituzione e come tale deve essere comprensibile a tutti e più chiara possibile. Siamo contentissimi che le nostre chicche vengano apprezzate!

Lo scorso anno in redazione ci siamo scannati per chi faceva più punti. Ora avete introdotto le leghe personalizzate. Una introduzione che permette anche a voi di gestire meglio l’enorme mole di iscritti, immaginiamo…

Assolutamente sì, anche per il semplice fatto che ci evita di rispondere a quantità incredibili di DM in cui ci chiedono come si fa a giocare con i propri amici. Quest’anno ci saranno le leghe private, sarà possibile dare un nome e scegliere un’immagine che identifichi la propria lega, ci aspettiamo che tutti si scannino come avete fatto voi (e come facciamo da sempre noi) ma ovviamente che sia fatto tutto con gioia e con amore.

(Ah, per la cronaca: noi di TheSoundcheck abbiamo creato una lega alla quale, qualora vogliate, potete unirvi con le vostre squadre, ndr)

Dal 2019 il FantaSanremo ha preso piede rapidamente a scala nazionale, tanto che persino gli stessi artisti hanno iniziato a conoscervi. C’è qualche aneddoto particolare a riguardo?

Ce ne sono diversi ma sono ricordi preziosi che custodiamo gelosamente per noi. Quello che possiamo dire è che siamo riusciti a conoscere i ragazzi de Lo Stato Sociale e sono stati adorabili a lasciarci seguire il loro concerto dal backstage passando anche un po’ di tempo con noi. Siamo andati al concerto di Willie Peyote e abbiamo potuto donargli la maglietta ufficiale del FantaSanremo. Cose che non avremmo mai pensato di poter fare.

Non abbiate timore di premere contemporaneamente entrambi i pulsanti. Andrea l’ha fatto ed è un bimbo trentaquattrenne felice. (fonte: FantaSanremo)
C’è un artista di Sanremo che avete scoperto essere vostro fan accanito? E uno che invece vi “odia”?

Beh, fan accanito magari è troppo. Diciamo che si è creata una bella storia “epistolare” con Lo Stato Sociale e Willie appunto, ma anche con Orietta Berti, Random e di recente con i ragazzi di Sanremo Giovani come Tananai, Matteo Romano, Yuman e Martina Beltrami. Immaginiamo che qualcuno possa non tanto odiarci ma forse provare fastidio, l’anno scorso le dirette social degli artisti erano stracolme di richieste per ottenere punti… Forse, ma fortunatamente non ne abbiamo mai avuto conferma, noi da parte nostra amiamo tutti gli artisti incondizionatamente.

La moneta utilizzata per i crediti sono i Baudi. Avete mai pensato di stampare in edizione limitata le banconote dei Baudi? Magari anche di vario taglio.

Certamente, trovate le banconote sul nostro profilo IG, ma quelle sono solo per noi. Vedremo se in futuro potremo sostituire l’Euro su scala continentale ma per ora restiamo umili.

Qualche pronostico per Sanremo 2022? Vincitore, ultimo classificato e “mina vagante”.

Quest’anno più che mai è tutto molto incerto anche se i bookmakers danno per più probabile la vittoria di uno tra Mahmood e Blanco, Achille Lauro ed Elisa. Ad oggi i pronostici sono quasi impossibili e poi non vorremo influenzare troppo le fantallenatrici e i fantallenatori. Mine vaganti ce ne sono veramente troppe e non solo tra i giovani. Sarà un Festivàl scoppiettante, questo è certo.

Ultima domanda: avete mai pensato a una collaborazione con Hasbro o Clementoni per il gioco in scatola di FantaSanremo?

Onestamente sì perché siamo tutti appassionati dei giochi da tavolo e sarebbe pazzesco giocare a FantaSanremo tutto l’anno, ma è rimasto tutto nel mondo delle idee. Se in questa edizione dovessimo crescere ancora di più, chissà…

a cura di
Andrea Mariano

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – SoundWeekly – I singoli dell’anno
LEGGI ANCHE – “Crocodile Rock”: l’unione tra musica e mondo animale
Condividi su
Andrea Mariano

Andrea Mariano

Andrea nasce in un non meglio precisato giorno di febbraio, in una non meglio precisata seconda metà degli Anni ’80. È stata l’unica volta che è arrivato con estremo anticipo a un appuntamento. Sin da piccolo ha avuto il pallino per la scrittura e la musica. Pallino che nel corso degli anni è diventato un pallone aerostatico di dimensioni ragguardevoli. Da qualche tempo ha creato e cura (almeno, cerca) Perle ai Porci, un podcast dove parla a vanvera di dischi e artisti da riscoprire. La musica non è tuttavia il suo unico interesse: si definisce nerd voyeur, nel senso che è appassionato di tecnologia e videogiochi, rimane aggiornato su tutto, ma le ultime console che ha avuto sono il Super Nintendo nel 1995 e il GameBoy pocket nel 1996. Ogni tanto si ricorda di essere serio. Ma tranquilli, capita di rado. Note particolari: crede di vivere ancora negli Anni ’90.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *