Felix Rovitto e il suo “Peaches”

Felix Rovitto e il suo “Peaches”
Condividi su

Si intitola “Peaches” il nuovo singolo firmato dal cantautore emiliano Felix Rovitto.

Un brano, quello di Felix, colorato e dalle sonorità fresche, che fa venir voglia di muoversi e di ballare, lasciandosi alle spalle i periodi neri. Lo abbiamo intervistato il cantautore emiliano Felix Rovitto, che comincia a far assaporare un po’ di estate con il nuovo singolo, “Peaches”

Ciao Felix! Ci racconti come nasce il tuo progetto?

Ciao, allora: il mio progetto nasce dalla fine di un altro progetto: sono sempre stato chitarrista per varie band, suonando vari generi diversi (rock, reggae, piuttosto che metal) e l’ultima band avuta, i SUNCLOUD (rock psichedelico) purtroppo nel 2017 subisce uno stop, dal momento che il bassista e mio carissimo amico si trova a doversi recare a Lisbona per 4 anni per un progetto universitario. Nell’indecisione del continuare con un altro bassista, o “congelare” momentaneamente il progetto, mi trovai a scrivere testi di canzoni. Iniziai a cantarle, e da lì un percorso che mi porta a oggi.

Ho sempre dato priorità alla chitarra, ma questo periodo di stop della band ha fatto nascere in me quella voglia anche di provare a cantare: sino ad allora al massimo mi concedevo qualche backing vocals in supporto rispetto ad un cantante. È stata una sorta di “end as a start”

“Peaches” è il tuo nuovo singolo che sa già d’estate. Come mai “così presto”?

Guarda, è nata in estate perciò non poteva che essere estiva! Mi fa piacere sentirmi dire che sa di estate, poiché in effetti l’obiettivo era portare un po’ di serenità nonostante tutto, nonostante fossimo ancora in inverno. Fa lo stesso: proviamo a rallegrare il periodo, e poi perché no, magari rispolverarla in estate, magari con un remix, non sarebbe una brutta idea

Come nasce il brano?

“Peaches” come dicevo è nata in estate, ed estate è voglia di divertimento innanzitutto: bene, avevo voglia di divertirmi e far divertire. Stavo scrivendo il testo sotto una base di accordi reggae, e tirai fuori il titolo da un messaggio ricevuto da una mia amica, che per sbaglio mi mandò l’emoji della pesca. Da lì ho avuto diciamo l’assist per sviluppare la canzone, e trovarne un senso “metaforico” con le ragazze, le donne

Sarà accompagnato da un video? E come sarà?

Sì, sarà accompagnato da un videoclip: a differenza dei singoli precedenti, questa volta volevo ci si concentrasse di più sulla musica, poiché mi accorgo che spesso il focus si sposta più sulla scelta dell’idea del video, poi sulla musica. Un musicista fa più caso a come è fatta la canzone, come “suona; un ascoltatore tendenzialmente vedo che sposta in primis il focus sul videoclip, magari è solo una mia impressione, ma nell’ultimo anno e mezzo ho recepito soprattutto questo, e soprattutto dalle persone che ti sono più vicini (amici e conoscenti).

Non voglio fare spoiler, mi limito a dire che il video sarà molto fantasioso ed un po’ surreale, quasi non sense, adatto credo al brano

Quali sono i passi successivi che farai?

Prima dell’avvento della pandemia l’idea era quella di registrare l’album; l’ho poi accantonata, dirottandomi verso una strategia di singoli ogni 3/4 mesi circa. Vedremo cosa riserverà il futuro. Per il momento, l’idea è quella di continuare ad esserci, e sicuramente continuare con la scelta dei singoli, magari spaziando verso generi che si discostano, a volte di più a volte di meno, rispetto alla mia “base consolidata rock”.

Ci lasci una playlist da ascoltare aspettando… l’estate?

Certamente: ne ho creata una lo scorso settembre, “Some Evenings”, dove direi si spazia a 360° gradi, forse anche troppo, ma comunque direi abbastanza estiva: la trovate sul mio canale Spotify!

a cura di
Sara Alice Ceccarelli

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE: Michele Bravi: “La geografia del buio” per orientarsi nel dolore
LEGGI ANCHE: Veronica e “Acustico” il nuovo singolo

Condividi su

Sara Alice Ceccarelli

Giornalista iscritta all’ODG Emilia Romagna si laurea in Lettere e Comunicazione e successivamente in Giornalismo e Cultura editoriale presso l’Università di Parma. Nel 2017 consegue poi un Master in Organizzazione e Promozione Eventi Culturali presso l’Università di Bologna. Sebbene sia la “senior” del gruppo talvolta è realmente la più VEZ. Nel 2017 e 2018 si occupa dell’Ufficio Stampa degli eventi di LP Rock Events come Bay Fest, Rimini Park Rock e Sullasabbia e durante lo stesso periodo segue l’ufficio stampa del Vidia Club di Cesena. Ama il viola ma solo per le calzature e sulle pareti di casa, vive in simbiosi con il coinquilino Aurelio (un micetto nero) e per amore del fidanzato ora ama anche le moto. La sua religione è Star Wars. Che la forza sia con voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *