Ida Nastri e il suo “Eroi”

Ida Nastri e il suo “Eroi”
Condividi su

Esce venerdì 12 febbraio “Eroi”, il nuovo singolo di Ida Nastri che segue l’uscita di  “Comfort Zone” (Romolo Dischi/Pirames International) avvenuta lo scorso novembre. Si conferma la collaborazione con Giuseppe Salvaggio cui è affidata la produzione del brano.

Eroi, di Ida Nastri nata un anno fa, si è evoluta a partire da una melodia ben chiara sin da subito, snodando il testo in un secondo momento, ricavato da un gomitolo di pensieri che faceva capo ad una tematica non di poco conto, ovvero il tempo che passa, le scelte giuste e sbagliate, i momenti importanti della vita e quanto questo valore, che a volte è un prezzo da pagare, cambi di continuo.

Alcuna risposta, ma tante domande, riportate accuratamente all’interno del brano, proprio perché il ruolo della musica, per Ida Nastri, diviene propedeutico circa le riflessioni e gli interrogativi.

La melodia e il testo strizzano l’occhio a un cantautorato classico, mentre il sound della produzione curata da Giuseppe Salvaggio, tendendo all’elettronica, dà notevole freschezza al brano. Eroi insieme a “Comfort Zone” vanno definendo una cifra stilistica riconoscibile, ma mai monotona e che riserberà nuove sorprese anche in futuro.

Partiamo da un sogno: il palco su cui vorresti suonare Eroi?

Sarà il periodo dell’anno ma, anche se esula da certi cliché tipici della kermesse e non è pensato per il Festival di Sanremo, palco dell’Ariston. 

Com’è nato il brano?

In ore notturne, in camera, davanti al mio piano elettrico, e guardando fuori dalla finestra. Come la maggior parte dei miei brani.

Off-Topic: viaggio della vita?

Poco prima dell’arrivo del lockdown avevo ritirato il passaporto in vista di un viaggio a New York che ovviamente non ho più fatto. E’ una città in cui non sono mai stata, ma alla quale bene o male siamo tutti legati.

Mi piacerebbe viverci per qualche mese e da lì visitare altri posti degli Stati Uniti facendo anche dei tratti on the road. Non vedo l’ora. Nella lista del momento c’è anche un viaggio per le distillerie e scogliere scozzesi ( adoro il Whisky), e un’alta via delle Dolomiti per rifugi con zaino in spalla.

Consiglieresti 3 canzoni ai nostri lettori?

Dal momento che credo fermamente che la musica sia condivisione, consiglio tre brani usciti sempre in questi giorni che mi sono piaciuti molto: Cinema di Joan Thiele, Non vivo più sulla terra di Mace, Rkomi e Venerus, We’re Good di Dua Lipa (videoclip geniale).

Chissà quante altre chicche hai in serbo…

Posso dirvi che più scriviamo, più i brani che nascono ci piacciono, e speriamo anche a voi…

a cura di
Sara Alice Ceccarelli

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE: Felix Rovitto e il suo “Peaches”
LEGGI ANCHE: Veronica e “Acustico” il nuovo singolo

Condividi su

Sara Alice Ceccarelli

Giornalista iscritta all’ODG Emilia Romagna si laurea in Lettere e Comunicazione e successivamente in Giornalismo e Cultura editoriale presso l’Università di Parma. Nel 2017 consegue poi un Master in Organizzazione e Promozione Eventi Culturali presso l’Università di Bologna. Sebbene sia la “senior” del gruppo talvolta è realmente la più VEZ. Nel 2017 e 2018 si occupa dell’Ufficio Stampa degli eventi di LP Rock Events come Bay Fest, Rimini Park Rock e Sullasabbia e durante lo stesso periodo segue l’ufficio stampa del Vidia Club di Cesena. Ama il viola ma solo per le calzature e sulle pareti di casa, vive in simbiosi con il coinquilino Aurelio (un micetto nero) e per amore del fidanzato ora ama anche le moto. La sua religione è Star Wars. Che la forza sia con voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *