Capire (e amare) Rino Gaetano

Capire (e amare) Rino Gaetano
Condividi su

Salvatore Antonio Gaetano detto Rino rimane, a quasi quarant’anni dalla sua prematura scomparsa, uno dei cantautori più amati della musica italiana.

Da più di dieci anni curo un progetto musicale a lui dedicato, i Kaimani Distratti, e posso testimoniare che è vero.

Perché meglio degli altri Rino ha conservato nel tempo una genuinità semplice e diretta. Leggero e profondo al tempo stesso, maestro dell’ironia, capace di descrivere le debolezze della classe politica e il suo opportunismo, di denunciarne scandali e abusi senza essere schierato.

I Kaimani Distratti
Intraprendere un viaggio

Con la mia formazione abbiamo cercato di riproporre lo spirito delle sue canzoni senza sciommiottarne i gesti, come nella tradizione di tutte le più abusate cover band. La cosa sorprendente è stata vedere un pubblico sempre eterogeneo: famiglie con bambini, ragazzi, anziani nostalgici e appassionati delle sue canzoni.

Fra le numerose biografie uscite in Italia vorrei consigliare quella che, personalmente, mi ha spinto ad appassionarmi a Rino Gaetano e a intraprendere questo viaggio: Se mai qualcuno capirà Rino Gaetano di Freddie Del Curatolo (edizioni Arcana).

Affinità elettive

La prima edizione del libro, in realtà, è uscita nel 2003 per la Selene Edizioni. L’autore lo ha poi pubblicato nuovamente nel 2019 in versione riveduta e più attuale. Quando acquistai la prima edizione non avrei mai potuto prevedere che quel libro, il suo autore e il personaggio descritto avrebbero cambiato per sempre la mia vita.

Dietro la spinta di quest’opera, come anticipato, cominciai le serate coi Kaimani Distratti proponendo le canzoni di Rino e, in un locale dove ci eravamo esibiti, conobbi la mia attuale compagna, Silvia, sorella proprio di Freddie. Chimiche strane, destino e affinità elettive che si incrociano.

Personaggio giullare e sognatore

Ora, tutto questo prambolo per consigliarvi questo libro perchè, a mio parere, è l’unico che descrive e analizza Rino Gaetano in maniera completa. Ne esalta la sua genialità, ne rivendica lo spirito zingaresco e la sua passione per il teatro e la letteratura, i rapporti coi cantautori del suo tempo e con la politica.

Meglio degli altri il libro spiega perché quel personaggio giullare, sognatore, anarchico e genuino è considerato ancora attuale. Un uomo libero dai condizionamenti del suo tempo, di quegli anni italiani cosi difficili. Rino Gaetano non mai è stato catalogabile perchè aveva il pregio di essere leggero ma profondo al tempo stesso.

Da Petrolini a Majakovskij

Si prenda ad esempio la canzone Gianna , certamente la più famosa e la più richiesta nei nostri concerti. Ho scoperto un forum sulla rete dove è divertente leggere le spiegazioni di ognuno. Non sappiamo se le frasi della canzone siano puro non sense o significhino altro. Tuttavia, dietro l’apparenza leggera della canzone, Rino canta di sessualità vissuta con naturalezza contro i pregiudizi e la moralità dei benpensanti.

Perchè dietro questo personaggio apparentemente leggero e disincantato c’è un mondo che parte da Ettore Petrolini per finire a Majakovskij, c’è la tradizione cantautoriale cominciata nello scantinato del Folkstudio a Roma, c’è il legame (splendidamente descritto nel libro di Freddie) col Sud dei contadini, di chi scappa al Nord per cercare condizioni di vita migliori.

L’arte dell’ironia

E ancora la vita dei bar di periferia,la ricerca di rapporti autentici; la condizione della donna come personalità libera di esprimersi e realizzarsi, la disillusione della politica e la condanna dei benpensanti, l’italiano medio descritto in tutte le sue peculiarità.

Nel libro Freddie spiega l’attualità di Rino Gaetano e il paragone con gli artisti di oggi; con tanti eredi ma nessuno in grado di ricalcare una personalità così completa e definita. Rino è stato anticipatore nel descrivere i vizi e le virtù degli italiani e, con l’arte dell’ironia, è riuscito a lasciare un segno indelebile, chiaro e tangibile con quella voce unica e graffiante, quasi oltre i limiti.

Il libro va oltre la semplice biografia ma descrive, attraverso frasi di canzoni, Rino come un amico perduto.

Una sorta di amico immaginario ma reale e tangibile nelle sue scelte e nell’attaccamento alla vita, alla passione, alla bellezza e all’amicizia come nella descrizione del viaggio in Calabria alla ricerca del luoghi di Rino, come nelle Vie dei Canti di Bruce Chatwin.

Spirito ribelle e sognatore

Una parola poi sull’autore del libro. Freddie Del Curatolo è scrittore, giornalista e cantautore. Da Rino Gaetano credo abbia preso quello spirito ribelle e sognatore di chi non si adegua alle regole. Infatti vive a Malindi dal 2005 e dirige il portale malindikenya.net. Anche i suoi dischi sono scritti nel segno di Rino; Nel regno degli animali del 2004 ed Esilio Volontario del 2015.

Benvenuti quindi nel mondo di Rino Gaetano, e questo libro ne è la guida. Non sono richieste doti particolari, abbandonate solo luoghi comuni e pregiudizi e lasciatevi andare: scoprirete l’amico che avete sempre cercato.

a cura di
Beppe Ardito

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE – “Penisola” è il debut album di Bartolini fuori il 3 aprile
LEGGI ANCHE – La lezione che dovremmo imparare tutti dal Coronavirus

Condividi su
Beppe Ardito

Beppe Ardito

Da sempre la musica è stata la mia "way of life". Cantata, suonata, scritta, elemento vitale per ridare lustro a una vita mediocre. Non solo. Anche il cinema accompagna la mia vita da quando, già da bambino, mi avventuravo nelle sale cinematografiche. Cerco di scrivere, con passione e trasporto, spinto dall'eternità illusione che un mondo di bellezza è possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *