“L’Amica Geniale” una graphic novel di Chiara Lagani e Mara Cerri

“L’Amica Geniale” una graphic novel di Chiara Lagani e Mara Cerri
Condividi su

Arrivato in libreria il 23 maggio, “L’Amica Geniale” a fumetti: testo e immagini accompagnano le avventure di Lila e Lenù nella Napoli degli anni cinquanta

L’amica geniale è una graphic novel di ben 256 pagine a colori, uscita in libreria il 23 maggio 2022. In questo prodotto editoriale testi e immagini si confrontano con uno dei libri più letti della letteratura italiana recente: L’amica geniale di Elena Ferrante. Il romanzo diventa, dopo essersi trasformato in sceneggiato ed opera teatrale, una graphic novel edita da Coconino Press, scritta da Chiara Lagani e illustrata da Mara Cerri. Entrambe le autrici si erano già interfacciate con l’immaginario di Ferrante; Lagani portando in scena Storia di un’amicizia, la trasposizione teatrale della saga de L’amica geniale, mentre Mara Cerri illustrando il racconto La spiaggia di notte

L’amica geniale: il romanzo. 

Coconino trasforma in immagini il primo libro della saga. Elena Ferrante descrive in questo best seller la storia di Lila e Lenù: due bambine legate a doppia mandata da un’amicizia salda ma anche ricca di intrecci, invidie, aspirazioni e atti di fede, a volte mancati a volte ben riposti. La narrazione della vita delle due bambine accompagna il lettore all’interno di un contesto ben preciso: la Napoli degli anni cinquanta. Infatti la storia delle due si incanala all’interno di un rione della periferia napoletana. La penna popolare e immersiva dell’autrice, ci investe di informazioni e di personaggi che orbitano all’interno dell’ecosistema rione. Affronta e analizza i meccanismi delle condizioni sociali ed economiche dei personaggi, descrivendo i contesti mondani, i patti, le strizzate di occhi, le storie dei padri e dei figli, ma soprattutto il ruolo giocato dalle figure femminili – allora, molto marginali. 
L’amica geniale, infatti, non è solo racconto di un’amicizia, o di una vita, o di un rapporto. È analisi di una ricerca di senso, che le protagoniste indagano, talvolta attraverso l’istruzione, lo studio, le possibilità che il mondo della Napoli di allora ha da offrire; talaltra tramite la ricerca di potere economico, riscatto sociale, lavoro ed emancipazione. 

amica geniale
Raccontare per immagini. 

L’idea di illustrare questo romanzo viene dalla casa editrice stessa, così come l’abbinamento tra le due autrici. 
La dimensione popolare ed intimamente letteraria del libro accompagna bene l’intento delle due, che sono state capaci di restituire l’universo de L’amica geniale con tavole estremamente evocative ed organiche, tipiche di Mara Cerri, accompagnate ad un testo, talvolta molto secco e sintetico. Il contrasto tra scritto e immagini guida, con ritmo, il lettore tra una vicenda e l’altra. Probabilmente, la difficoltà più grande riscontrata in questa trasposizione, è proprio la sintesi. Ci sono, all’interno del romanzo, una marea di piccoli eventi che diventano poi, come una sorta di butterfly effect, dei colossi della narrazione. Lo spazio di una graphic novel generalmente non permette, a meno di non fare un libro di mille pagine, una narrazione trasversale o parallela alla principale.
Leggendo questo fumetto mi sono domandata: cosa avrei colto se non avessi letto il romanzo in precedenza? Probabilmente non avrei compreso tutto ciò che circonda le due bambine. Le attese, le elucubrazioni e le piccole storie di sottofondo, si perdono. I vari personaggi secondari della saga diventano effimeri, talvolta si intrufolano nella narrazione di volata e si descrivono tramite i margini. Lasciano spazio alle due amiche, ai loro discorsi e alla loro fisicità. Qui più che mai, Lila e Lenù hanno l’ardito compito di raccontare tutto. E con loro le autrici. 

Le illustrazioni

Il sottotesto, in questo caso, è affidato alle immagini. Le tavole, realizzate in tradizionale, sembrano di burro. Sono dense ed estremamente fisiche. Si accostano magistralmente alla storia che raccontano e sono abili a restituire quel non detto, di cui ho parlato prima. L’emotività e il pathos del romanzo vengono ben descritti dalla mano di Mara Cerri: le immagini sono sincere, sporche, ma allo stesso tempo leggere; avvolte, come il rione, da una patina, un velo. È di Lenù la voce narrante del romanzo: racconta tutto quello che accade rispolverando la superficie degli anni che passano. Così, le immagini parlano di questo, la patina calda del tempo che passa, senza mai passare realmente. 
L’amica geniale scorre da medium in medium. Questa storia a fumetti esprime voglia di raccontare forme che balzano da una dimensione all’altra. Mara Cerri ha fatto un’ottimo lavoro nel tenere insieme sia i riferimenti storici del rione degli anni cinquanta, che l’immaginario ormai collettivo e fantastico, dell’universo che orbita attorno ai luoghi dell’amica geniale. Non sono mai stata nel rione, ma l’ho riconosciuto. Così come non ho mai fatto il bagno ai Maronti, ma guardando le tavole ne ricordo il racconto. Un lavoro coerentissimo e al contempo estremamente poetico. 

Un’altra prospettiva

Senza alcun dubbio questo progetto editoriale è abile nell’offrire un prodotto che racconta il romanzo attraverso uno sguardo altro. Credo che il cardine di tutto il lavoro sia proprio concedersi il tempo di guardare. Fermare lo sguardo sulle tavole e sulle parole utilizzate da Chiara Lagani. Lasciare che sia il proprio spessore emotivo a fare da cassa di risonanza alla storia. Il romanzo è denso, mentre la graphic novel è dinamica. Lo spazio riflessivo lo dobbiamo trovare noi lettori. Le immagini hanno questo superpotere: quando sono belle restituiscono sempre qualcosa in più. 
E questo fumetto è bello. È esteticamente corposo e denso. 
Da leggere con occhi ingordi.

a cura di
Silvia Franchini

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – I Rebenga tornano con “Cuore Rotto”, un incalzante tour tra i frammenti dell’anima per ricostruire se stessi
LEGGI ANCHE – Il successo della speziale tra manga, libri e light novel

Condividi su
Silvia Franchini

Silvia Franchini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *