Friends: la reunion degli amici di tutti

Friends: la reunion degli amici di tutti
Condividi su

Friends è una sitcom americana di Marta Kauffman e David Crane, andata in onda per la prima volta nel 1994 e conclusasi nel 2004.

La serie racconta la vita di 6 giovani amici (Ross, Rachel, Chandler, Monica, Joey e Phoebe), impegnati ad affrontare gli aspetti positivi e negativi che l’essere adulti comporta, come l’amore (in particolare quello travagliato tra Ross e Rachel e quello tra Chandler e Monica) e il lavoro, attraverso esilaranti gag, riuscendo ad essere attuale anche dopo quasi 30 anni.

Poster di Friends
Friends like family

A volte si danno per scontate molte cose, in questo caso che tutti abbiano visto Friends o che quantomeno lo conoscano, ma purtroppo non è così.

Perciò in questi giorni che mi separavano dalla scrittura di questo articolo ho rimuginato molto sulle parole giuste da usare per descrivere, a chi non lo ha mai visto, cosa fosse Friends.

Poi ho rivisto la reunion e mi sono accorto che quelle parole erano proprio davanti a me, dette dagli stessi creatori della serie: ‘Friends è una serie che parla di quel periodo della tua vita in cui i tuoi amici sono la tua famiglia’.

Eccola qui la sintesi perfetta dell’essenza di Friends, non avrei potuto trovare parole migliori.

Poster di Friends
Lacrime: check, Risate: anche

Arriviamo così al motivo di questo articolo, al grande evento: La Reunion.

Dopo ben 17 anni dall’ultimo episodio i nostri amici si ritrovano in uno speciale di quasi due ore che, ovviamente, non sono abbastanza per colmare l’enorme vuoto che la fine della serie ha lasciato in tutti i suoi fan, ma più che sufficienti per far versare loro fiumi di lacrime.

Non fraintendetemi, si ride anche molto, ma se dovessi usare una sola parola per descrivere questa reunion sarebbe ‘malinconia‘.

Si perchè sai che quei personaggi che hai imparato ad amare nel corso di quelle 10 stagioni non torneranno, e dovrai accontentarti di fare innumerevoli rewatch per sopperire alla loro mancanza.

Ed è anche la prima cosa che si percepisce, oltre a un grande senso di nostalgia, quando gli attori iniziano ad arrivare sul loro ‘vecchio’ set, totalmente riarredato per l’occasione:

il salotto della casa di Monica e Rachel, quello di Joey e Chandler e il memorabile Central Perk, dove i nostri amici passavano gran parte del loro tempo e dove abbiamo ascoltato le indimenticabili performance di Phoebe, una su tutte la hit ‘Smelly Cat‘ (gatto rognoso), della quale avremo una meravigliosa cover in questa reunion grazie al duetto con la grande Lady Gaga.

I’ll be there for you

I primi ad entrare sul set siamo noi, il pubblico, subito dopo entra David Schwimmer (Ross Geller), poi Lisa Kudrow (Phoebe Buffait), Jennifer Aniston (Rachel Green), Matt Le blanc (Joey Tribbiani), Courtney Cox (Monica Geller) e infine Matthew Parry (Chandler Bing). Noi siamo commossi, ci sentiamo anzi SIAMO parte di quel gruppo. È proprio come quando non vedi persone a te care per tanto tempo, le emozioni sono tante.

Anche gli amici si salutano con la stessa commozione che ha afferrato il nostro cuore, ma dopo poco partono subito gli aneddoti divertenti accaduti sul set nel corso degli anni, e il clima si alleggerisce molto.

Poi parte l’iconica sigla ‘I’ll be there for you – The rembrandts‘ e subito veniamo catapultati indietro nel tempo fino al primo momento in cui abbiamo sentito questa canzone e, inevitabilmente, un sorriso appare sul volto, un po’ malinconico si, ma pur sempre un sorriso.

Friends – La reunion
Lo scoop

Subito dopo conosciamo anche il presentatore dell’evento, il divertentissimo James Corden, conduttore britannico dello show ‘The late late show with James Corden‘, che accoglie gli attori davanti alla famosa fontana che appare nella sigla e li fa accomodare sull’altrettanto famoso divano.

Qui Corden accoglie anche altri personaggi iconici della serie, come Janice e Gunther e fa diverse domande ai protagonisti, spingendoli a raccontare alcuni aneddoti, uno su tutti però lascia il pubblico di stucco:

David Schwimmer e Jennifer Aniston avevano davvero una cotta l’uno per l’altra!

Ebbene si, i nostri Ross e Rachel si piacevano parecchio nel corso della serie, ma hanno cercato di tenerlo nascosto, senza mai andare oltre e hanno finito per sfruttare questa loro chimica per rendere il rapporto tra i due protagonisti ancora più credibile e autentico.

Sfilate e copioni

Oltre a questo ci viene proposta una bellissima sfilata con i costumi più iconici della serie, con modelli del calibro di Cara Delavigne, Eva Mendes e Justin Bieber, divertentissimi bloopers e una bellissima lettura copioni.

Qui gli attori, seduti intorno a un tavolo, si divertono a recitare alcune delle vecchie battute mentre noi, con un bellissimo montaggio, veniamo sbalzati all’interno degli episodi originali che contenevano quelle scene per poi tornare di nuovo al tavolo a goderci lo spettacolo.

Friends – La reunion
L’importanza di una risata

Insomma, di bei momenti questa reunion ne contiene a bizzeffe, ma potendo scegliere quello che ho preferito e che mi ha emozionato di più, non posso che andare su quello in cui alcuni fan hanno parlato dell’importanza che questa serie ha avuto, ed ha tuttora, per loro:

per alcuni è stata l’ancora di salvezza durante un periodo di depressione, per altri un’iniezione di autostima, per altri ancora addirittura ha significato rinunciare a togliersi la vita.

Tutto questo rende evidente l’enorme impatto che questa serie ha avuto e può ancora avere sulle persone, e giustifica ampiamente l’enorme successo che ha avuto.

Per concludere vorrei dire che cos’è Friends per me.

Friends è un posto sicuro dove posso rifugiarmi quando tutto quanto, intorno a me, sembra sgretolarsi. E’ casa, quando la mia è lontana. Sono i miei amici, quando quelli veri non sono con me.

E’ famiglia, sempre.

a cura di
Edoardo Iannantuoni

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Nomadland: recensione del film di Chloé Zhao che ha trionfato agli Oscar
LEGGI ANCHE – Shirley Jackson racconta l’orrore: “Abbiamo sempre vissuto nel castello”

Condividi su
Edoardo Iannantuoni

Edoardo Iannantuoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *