Camorra, un morto e un ferito in agguato a Sant’Antimo: 4 fermi

Camorra, un morto e un ferito in agguato a Sant’Antimo: 4 fermi
Condividi su

(Adnkronos) – Quattro persone fermate in relazione all’omicidio di Antonio Bortone e tentato omicidio di Mario D’Isidoro. I Carabinieri del Nucleo investigativo del gruppo di Castello di Cisterna hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Dda di Napoli nei confronti di 4 persone: C. M., 34enne di Napoli del quartiere Scampia, V. G. 31enne, e L. M., 23enne, entrambi di Sant’Antimo, e C. F., 31enne di Grumo Nevano, indagati per omicidio e tentato omicidio aggravati dalle modalità mafiose. L’omicidio di Bortone e il tentato omicidio di D’Isidoro, considerati vicini al clan camorristico Ranucci, risalgono alla sera dell'8 marzo scorso a Sant’Antimo in provincia di Napoli. I due sono stati raggiunti da numerosi colpi di arma da fuoco (sul posto sono stati repertati 17 bossoli) che hanno ucciso Bortone, lasciato riverso a terra nel cortile del complesso residenziale di via Solimene, e ferito D’Isidoro, il cui borsello indossato a tracolla aveva deviato la traiettoria di alcuni proiettili.  Quest’ultimo, dopo un breve ricovero all’ospedale di Aversa, è stato dimesso. Il movente dell’efferato reato è da ricondurre, verosimilmente, al controllo delle piazze di spaccio di sostanze stupefacenti sul comune di Sant’Antimo. —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Condividi su
Staff

Staff

La redazione di The Soundcheck: un branco di giornalisti, redattori, fotografi, videomaker e tanti altri collaboratori agguerriti provenienti da tutto lo Stivale pronti a regalarvi una vasta gamma di contenuti. Dalla semplice informazione artistico-culturale, fino ad approfondimenti unici e originali nel campo della musica, dell'arte, della letteratura e della cultura a 360 gradi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *