I BTS presentano “Proof”: l’antologia della boy-band sudcoreana

I BTS presentano “Proof”: l’antologia della boy-band sudcoreana
Condividi su

Proof è l’ultimo lavoro dei BTS. La boy-band sudcoreana presenta una raccolta che ripercorre i suoi più grandi successi e lancia tre inediti giurando amore eterno ai propri fan

I BTS, boy-band sudcoreana dal successo globale, sono tornati sulla scena discografica presentando “Proof“. La raccolta presentata lo scorso 10 giugno, è il nuovo lavoro della formazione asiatica che ripropone i suoi più grandi successi, oltre presentare tre nuovi inediti pronti ad entrare immediatamente nel cuore dei fan.

Un viaggio attraverso il percorso artistico dei sette ragazzi lungo ben 48 canzoni, suddivise in 3 dischi, che ha già superato abbondantemente il milione di copie vendute. Con Proof viene ripagata la fedeltà di chi ha seguito sin dalla prima ora i BTS, come dimostra la scelta di distribuire la terza parte che compone la raccolta in via esclusiva nell’edizione fisica, rendendo disponibili soltanto 35 tracce sugli store digitali.

Antologia nostalgica

Il traguardo dei nove anni di carriera e la decisione di continuare, in un futuro immediato, l’attività da solisti contribuiscono ad attribuire a quest’ultimo lavoro una dimensione alquanto nostalgica. Nel terzo disco che compone “Proof”, i BTS regalano ai propri sostenitori della prima ora alcuni lavori già noti ma che non avevano mai pubblicato, come Young Love e Quotation Mark.

“Yet To Come” fa da apripista

Yet To Come è il singolo scelto per presentare l’antologia dei BTS: un tipico pezzo hip-hop alternativo in pieno stile della boy-band che celebra il percorso artistico degli artisti, ponendo al tempo stesso l’accento sui risvolti della medaglia del loro successo, come la pressione nel dover mantenere le alte aspettative generate dai loro successi. Il meglio deve ancora venire, cantano, in modo parafrasato, i BTS senza farsi mancare riferimenti ad altri pezzi della loro discografia.

La corsa verso il successo

Un altro inedito contenuto in Proof è Run BTS, brano omologo di una sorta di reality del quale la boy-band è protagonista nella TV coreana. Un pezzo molto ritmato che pur senza discostarsi troppo dallo stile BTS guarda da lontano il pop-rock. Run BTS è una corsa, un’avanzata grintosa che racconta l’ascesa artistica del gruppo nonostante le difficoltà. Subito dopo l’uscita è stato uno dei pezzi più apprezzati dai fans dei BTS.

Parte tre: una dedica speciale

La terza parte di Proof si trova in esclusiva nella copia fisica di questo lavoro. L’unica traccia disponibile sugli store digitali è il terzo inedito di questa antologia, For Youth: una ballad romantica al pianoforte che si apre con le voci registrate dei fan che cantano durante un live. Il pezzo è infatti una dedica verso chi ha sostenuto i sette ragazzi sudcoreani.

Proof dunque può riassumersi come un viaggio di 48 canzoni lungo la carriera dei BTS, che si preparano a nuove esperienze, anche da solisti. Un’opera sicuramente nostalgica, un saluto ai fans più accesi dei sette ragazzi sudcoreani celebrando, in alcuni casi forse anche in modo autoreferenziale, il percorso del loro progetto artistico.

a cura di
Onofrio Di Lorenzo

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Rock The Castle 2022: ecco gli orari delle esibizioni
LEGGI ANCHE – “Self” è l’atteso come back di Babibevis, un capolavoro afro-pop sul coraggio di essere se stessi
Condividi su
Onofrio Di Lorenzo

Onofrio Di Lorenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *