Bluedaze e la musica che è più presente che mai in quarentena

Bluedaze e la musica che è più presente che mai in quarentena
Condividi su

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con i Bluedaze, band di Varese che ha di recente esordito con Hodad, un primo singolo dal retrogusto estivo, per la nostra estate immaginaria in quarantena.

Ecco cosa ci hanno raccontanto!
Una domanda dolorosa vista la situazione attuale, ma necessaria. Quando uscirà il vostro disco, avete già deciso o aspettate che le acque si calmino? Non pensate che la genti ascolti più musica in quarantena, o è una diceria popolare?

Il nostro disco “Skysurfers” uscirà dopo l’estate, con la speranza che – ora di allora – la situazione sia migliorata. E’ assolutamente possibile che la gente ascolti più musica in quarantena, ma a noi piace suonare dal vivo e l’impossibilità farlo ora ci ha spinto ad aspettare.

Cosa pensate che possa insegnare questo periodo di stasi al mondo della musica?

Più che “cosa questo periodo di stasi possa insegnare al mondo della musica”, ci viene da domandarci cosa questo periodo stia insegnando al mondo, rispetto alla musica. In fondo, ora che é quasi totalmente ferma, la musica (e la cultura in generale) è diventata più visibile che mai. Ci siamo resi conto tutti che senza dischi, libri, film, podcast ecc saremmo alla deriva in un mare di noia. Sentiamo la mancanza dei concerti, degli eventi, dei festival, dei club. E’ un momento di consapevolezza importante, speriamo resti vivo anche quando tutto comincerà piano piano a ripartire.

Se proprio dovessimo affiancarvi a un genere musicale? Quale sarebbe?

Siamo partiti definendoci indie rock, poi ci abbiamo aggiunto il pop e anche un po’ di soul, quello psichedelico però. Oggi ci definiamo psych pop dal sapore un po’ dreamy, (ma tutto il resto c’è ancora).

Ci fate una playlist di quattro o cinque brani che per genere o mood vi assomigliano?

– Tell me what’s on your mind – Allah Las (per il mood)
– Masterpiece – Big Thief (per l’attitudine)
– In the middle of the night – Still Corners (per il viaggio)
– West Coast – Lana del Rey (perché ci dovrebbe essere in ogni playlist)

Qual è la vostra formazione musicale? Qualcosa che non ci aspetteremmo?

1 su quattro ha una laurea in musica
2 su quattro hanno altri progetti musicali
3 su quattro lavorano in una radio
3 su quattro sono stati metallari veri
4 su quattro sono fan di Lou Bega

Per chi non vi conosce, cosa c’era prima di Hodad?

Prima di Hodad ci sono stati dei concertini in giro in giro per il Nord Italia. E prima ancora c’eravamo solo noi quattro in sala prove. Hodad è il nostro primissimo singolo come Bluedaze.

a cura di
Cassandra Enriquez

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE – Erbe Officinali: “Vi offriamo un rimedio all’ansia”
LEGGI ANCHE Laurino: “Il mio Buddha è la musica”
Condividi su
Conza Press

Conza Press

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *