Un’estate… mitica! Al teatro Duse di Bologna

Un’estate… mitica! Al teatro Duse di Bologna
Condividi su

Dopo lo spettacolo gratuito di Gianni Morandi, andato in scena il 15 giugno, fortemente voluto dall’artista e trasmesso da Radio Bruno, per celebrare la riapertura di teatri e cinema, il Teatro Duse di Bologna ha pensato di ripartire dai bambini; proprio da loro che, in tempo di covid, sono stati i primi (con la chiusura delle scuole) a dover rinunciare alle loro abitudini.

Sul palco è tornato il Fantateatro con una nuova edizione della rassegna ‘Un’estate…mitica!’, dedicata alle più belle storie della mitologia greca.

Le Parole di Walter Mramor

“Dopo questi mesi di lockdown – commenta il presidente del Cda del Teatro Duse Walter Mramor – siamo particolarmente felici di poter accogliere nuovamente il nostro pubblico e ripartire da una proposta di qualità che si rivolge ai più piccoli. L’edizione di quest’anno, seppure in una versione necessariamente ridotta per numero di spettatori e di appuntamenti, assume in realtà un valore in più: sarà una piccola, ma brillante, luce nell’estate culturale della città di Bologna, in attesa di poter riaccendere i riflettori sul nostro storico palcoscenico e riprendere l’attività a pieno ritmo, insieme a tutto il nostro pubblico”.

“La riapertura del Teatro Duse è un’ottima notizia per la città e voglio ringraziare gli organizzatori per avere trovato le energie per progettare e per aver immaginato una ripartenza dedicata all’infanzia, – afferma l’assessore alla Cultura del Comune di Bologna Matteo Lepore – riapre uno dei centri culturali più vitali di Bologna e più amati dai cittadini, che in questo inizio d’estate regalerà ai bambini, da mesi privati di molte possibilità di socialità e di proposte culturali, un luogo dove poter stare insieme in sicurezza, scoprendo la magia del teatro”.

“Siamo felici di poter riprendere l’attività che tanto amiamo, proprio al Teatro Duse che ha sempre creduto nel nostro lavoro e nell’importanza di avvicinare le famiglie, e soprattutto i bambini, al mondo del teatro – aggiunge la regista Sandra Bertuzzi – continueremo a raccontare alcuni dei più famosi miti greci e quest’anno, in particolare, lo faremo attraverso la lettura animata di brani e racconti che potranno affascinare tanto i bambini quanto gli adulti”. (fonte Teatro Duse)

Lo spettacolo a cui abbiamo assistito
 Zeus Il re dell’Olimpo

Zeus, ‘adunatore di nubi’, dio del cielo e del tuono, è il figlio più giovane dei Titani Crono e Rea ed è fratello di Poseidone, Era, Ade, Demetra ed Estia. Diventato adulto, sposa Era e spodesta il padre Crono e gli altri Titani per dividere il potere con i fratelli. A Zeus toccano in sorte i cieli e l’aria, ad Ade il mondo dei defunti e a Poseidone quello le acque.

Da quel momento Zeus assume il ruolo di re dell’Olimpo e diventa protagonista di mille storie affascinanti che coinvolgono Dei e umani.

Le nostre impressioni

Lo spettacolo si svolge con attori e pubblico tutti riuniti sul palcoscenico, con sedie lontane e distanziamento tra gli attori, non c’è la scenografia per motivi sempre dovuti alle nuove normative (avrebbe voluto dire altre persone in più sul palco).

All’inizio tutto è un po’ surreale: il pubblico indossa le mascherine, come lo staff del teatro e come me che fotografo. Basta però attendere l’inizio dello spettacolo e la bravura degli attori riesce a coinvolgerti a tal punto da farti dimenticare di cosa hai addosso; lo si vede dalla partecipazione di bambini e non.

Finalmente qualche adulto (compreso me) da ieri sera avrà capito chi è questo “Zeus”.

Bello spettacolo!

Qui la photogallery completa:

Le prossime date:

  • 17,18 giugno: Zeus – Il Re dell’Olimpo
  • 23,24,25 giugno: Era – La Regina di tutti gli Dei
  • 30 giugno 1,2 luglio: Afrodite – La Dea che dispensa Amore
  • 7, 8, 9 luglio: Atena– Nata da Zeus
  • 1, 2, 3 settembre: Apollo e Artemide– Il sole e la luna
  • 8, 9, 10 settembre: Efesto– Il dio del fuoco

foto e testo a cura di
Enrico Ballestrazzi

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Cigno in “Stasera suono tardi”, tra ricordo e mancanza
LEGGI ANCHE –
Lobina, l’ep d’esordio è Clorofilla “la necessità di assorbire luce per produrre ossigeno per me stessa”
Condividi su
Enrico Ballestrazzi

Enrico Ballestrazzi

Fotografo per passione

Un pensiero su “Un’estate… mitica! Al teatro Duse di Bologna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *