Ariete – Oltre Festival Bologna – 25 giugno 2021

Ariete – Oltre Festival Bologna – 25 giugno 2021
Condividi su

Sono passati due anni da quando Arianna Del Giaccio, in arte Ariete classe 2002, ha lasciato il palco di X Factor, prima ancora di arrivare ai live.

Sono passati due anni da quando Arianna ha capito che la sua strada non sarebbe stata quella di partecipare ad un talent show.
La sua strada sarebbe stata quella di scrivere e pubblicare le sue canzoni: sarebbe stata quella di diventare Ariete.

Due anni dopo la prima timida apparizione in televisione, eccola qui, con i piedi sopra un palco, quello dell’Oltre festival di Bologna.

La terza tappa del suo primo tour, in una serata d’estate appena iniziata. Una giovanissima ragazza che silenziosamente entra nel mondo dei live dopo un periodo difficile, un periodo in cui dei live non si vedeva nemmeno l’ombra.

Molto timido all’inizio della serata era anche il pubblico, composto prevalentemente di adolescenti di tutti i tipi: chi vestito di nero, chi con colori accesi che portava orgogliosamente all’interno del parco bandiere LGBTQ+.

Tanti accompagnati da genitori un po’ annoiati, a chiedersi cosa ci facessero al concerto di una diciottenne che canta canzoni “tristi”.
Ma genitori anche confortati dal vedere i propri figli emozionati all’idea di partecipare al concerto del loro idolo, e l’emozione, credetemi, era tantissima.

La band sul palco, tre giovani ragazzi con camicie colorate iniziano a suonare Nottataccia ed ecco che arriva Ariete, accolta dalle urla del giovane pubblico.

Vorrei essere sincera con quelli che
hanno creduto in me
a cui ho sbattuto porte in faccia
che nottataccia

“Nottataccia” di Ariete

L’inizio perfetto per questa nuova avventura che l’aspetta, perché chi ha creduto in lei ha davvero fatto la scommessa giusta.

Emozionata era anche la stessa Ariete, che nonostante la riservatezza aveva occhi solo per il suo pubblico, trasmettendo tutto l’affetto che provava. E il pubblico lo percepiva, gli occhi erano accesi e la voglia di urlare insieme parole che ognuno aveva fatto proprie era tanta.

Canzoni d’amore malinconiche ma profonde, come Pillole, Amianto o Avrei voluto dirti.

Come L’ultima notte uscita il 3 maggio scorso. Una canzone che parla di tutti noi, di un’estate che finisce e dell’amore che proviamo per qualcuno con cui vorremmo stare abbracciati tutta la notte, senza sapere cosa accadrà il giorno dopo.

Una canzone che, però, è stata cantata in una sera di inizio estate. Una sera in cui le persone erano felici, perché era da tanto tempo che non provavano la sensazione di stare sotto un palco a cantare insieme. Una canzone che, personalmente, ho voluto vedere come un segno di speranza.

Questa non sarà la nostra ultima notte. Questa, cara Ariete, è soltanto l’inizio.


a cura di
Valentina Dragone

foto di
Enrico Ballestrazzi

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Boetti ci raccontano la loro sfumatura di “BLUE”
LEGGI ANCHE – Dopo l’album “Ghettoolimpo”, Mahmood annuncia oggi le date del suo tour
Condividi su
Valentina Dragone

Valentina Dragone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *