Famiglia Borsellino: “Ora concentrarsi sul nido di vipere…”

Famiglia Borsellino: “Ora concentrarsi sul nido di vipere…”
Condividi su

(Adnkronos) – (di Elvira Terranova) – "Adesso è arrivato il momento di concentrarsi sul 'nido di vipere' di cui parlava Paolo Borsellino… Si sono persi tanti anni preziosi. Ora, finalmente, c'è spazio per la verità storica". A dirlo all'Adnkronos è l'avvocato Fabio Trizzino, legale della famiglia del giudice Paolo Borsellino e marito di Lucia Borsellino, la figlia maggiore del giudice uccisi in via D'Amelio, commentando la sentenza della Corte di Cassazione che ha definitivamente assolti i generali Mori, De Donno e il senatore Marcello Dell'Utri. Un mese prima di morire Paolo Borsellino "appariva come trasfigurato, senza più sorrisi. Era provato, appesantito, piegato", aveva detto in aula il magistrato Massimo Russo, che collaborava con Borsellino. Da poche settimane la mafia aveva ucciso il suo amico Giovanni Falcone nel massacro di Capaci, e lui continuava a lavorare nel suo ufficio di procuratore aggiunto a Palermo, che però considerava "un nido di vipere". Da qui la frase dell'avvocato di famiglia.  "Hanno tentato in tanti modi a spiegare l'accelerazione della strage di via D'Amelio, pur di non guardare altrove – dice Trizzino – Si sono persi tanti anni. È giunto il momento di capire perché non si volle guardare a quello che Borsellino voleva fare e alle terribili difficoltà che incontrò dentro la Procura di Palermo. C'è spazio per una verità storica e per l'accertamento di eventuali recenti depistaggi sul tema del difficile periodo di Borsellino in quella procura retta da Pietro Giammanco". "In tutti questi anni si è sempre cercato di spiegare l'anomala accelerazione della esecuzione della strage di via D'Amelio facendo voli pindarici, prima inserendo Bruno Contrada sul luogo della strage, ora prospettando n qualche modo che Paolo Borsellino avesse saputo di questa trattativa e che si era messo di mezzo ostacolandola e per questo muore – dice ancora Trizzino- Sono tutti tentativi, in qualche modo, per non guardare a ciò che stava facendo e a cià di cui si stava occupando e quello che stava accadendo all'interno della Proucra".  Il legale parla, quindi, "dell'interesse che Borsellino mostrava sul dossier mafia e appalti", "tanto è vero che il giudice incontrò segretamente Mori e De Donno per dare sfogo a quel rapporto". "Nel frattempo c'era stata la famosa archiviazione del dossier del 13 luglio 1992, pochi giorni prima della strage di via D'Amelio. E' giunto il momento di andare a guardare lì cosa è successo" e "se ci sono state manovre depistatorie anche recenti" per "riuscire ad allontanare il focus dell'attenzione dal nido di vipere". E conclude: "Evidentemente qualcuno ci ha lavorato…". —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Condividi su

Staff

La redazione di The Soundcheck: un branco di giornalisti, redattori, fotografi, videomaker e tanti altri collaboratori agguerriti provenienti da tutto lo Stivale pronti a regalarvi una vasta gamma di contenuti. Dalla semplice informazione artistico-culturale, fino ad approfondimenti unici e originali nel campo della musica, dell'arte, della letteratura e della cultura a 360 gradi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *