The Hives – Bay Fest Bellaria Igea Marina – 13 agosto 2022

The Hives – Bay Fest Bellaria Igea Marina – 13 agosto 2022
Condividi su

Too many Hype for The Hives. La visionaria rock band svedese sbarca al Bay Fest sulle spiagge di Bellaria Igea Marina

Il Bay Fest di Bellaria Igea Marina oramai è diventato un punto saldo tra gli eventi della riviera romagnola, e ogni estate allo scoccare del ferragosto riesce a portare una ventata di sabbia e punk rock, tra le miriadi di appassionati del genere che si riuniscono all’interno di questo parco in stile festival americano, con tanto di campeggi per i più audaci, in trepidante attesa del concerto dei The Hives.

La giornata di sabato tredici agosto si apre come da consueto con l’Acoustic beach stage, che ha visto suonare Mike Noegraf, cantautore con uno spiccato background punk rock, e l’importante presenza di Yotam Ben Horin, frontman degli israeliani Useless ID, per iniziare con calma ma di classe.

The Baboon Show
The Baboon Show
Inizia la festa

Finalmente si scaldano le gomme e si parte sul mainstage col quartetto lucchese degli Acid Brains, subito pronti ad aprire le danze e scaldare le folle, seguiti dalla band hardcore punk Spider, che hanno preso il posto dei No fun at all.

Ad tenere calda la situazione ci pensa la band svedese The Baboon Show, capitanata dalla frontman femminile Cecilia Boström, che insieme alla sorella Frida al basso hanno ricordato a tutto il pubblico che il punk è anche donna, e sono prontissime a suonarle a tutti quanti.

A seguire troviamo i Raw Power, hardcore punk band capitanata dal biondissimo Mauro Codeluppi, e subito dopo i Circle Jerks che nonostante gli anni hanno dimostrato ampiamente di avere ancora tanto da dire, a partire dal batterista Kevin Fitzgerald che non si è fermato un attimo.

Raw Power
Raw Power
É l’ora dei The Hives

Completi coordinati neri striati di bianco, facce allucinate, un ninja e un karateka onnipresenti sul palco, numeri da circo con microfoni e chitarre : signori e signore, sono tornati i The Hives.

Il cantante Pelle Almqvist è stato scatenato dal primo all’ultimo minuto, ha animato costantemente il pubblico con cori, inni e gettandosi letteralmente in mezzo alla folla, cercando sempre il contatto con il pubblico, tra una rotazione di microfono e l’altra.

Il concerto si apre con la bellissima “Come on”, all’inizio della quale si è fisicamente creato un tornado di sabbia generato dal pogo impazzito della folla, che si scatenava in continuazione al centro del palco.

The Hives
The Hives

Si prosegue con la scaletta dove troviamo tra i vari successi “Main Offender” e “Won’t be long”, anche il pezzo forte “Walk Idiot Walk”, “See through head”, e la prima chiusura con “Hate to say i told you so”.

Come ogni band headliner che si rispetti arriva anche l’encore, che parte con la carica di “I’m alive”, e finalmente si arriva alla ciliegina sulla torta “Tick Tick Boom”, dove hanno veramente dato il massimo in termini di musica e di presenza di scena.

La canzone praticamente è durata il doppio, interrotta prima per presentare la band, che a un certo punto si è letteralmente “freezata” con i membri perfettamente immobili come a simulare gli attimi prima dell’esplosione di una bomba, effettivamente avvenuta dopo che il frontman ha preteso di far accovacciare tutto il pubblico, per poi farlo saltare in aria al suono della strofa finale.

Pelle Almqvist
Il frontman Pelle Almqvist
Tirando le somme

In conclusione abbiamo assistito a una vera e propria bucolica festa del punk rock, tra fiumi di birra, fiumi di creste, tatuaggi, capelli variopinti e balli scatenati nella folla ricoperti di sabbia. Un festival dove ha vinto la musica, il punk rock, e hanno vinto anche l’amicizia e la fraternità, siamo stati protagonisti infatti di tanti begli episodi, tra cui un ragazzo in carrozzina che è stato sollevato dalla folla per permettergli di avvicinarsi ai propri idoli.

Una vera nuotata tra i generi e le diramazioni del punk, ci ha portato una carrellata di band cariche dalla prima all’ultima, con una speciale menzione per i tanto attesi The Hives, che hanno veramente infiammato il palco, il pubblico, e hanno dimostrato una potenza di fuoco micidiale nonostante la carriera quasi trentennale.

Che dire, il Bay Fest ormai ci ha abituato bene e speriamo continui a farlo a lungo, non ci resta che aspettare l’anno prossimo per vedere cosa i ragazzi di LP Rock Events, organizzatori e anima della festa avranno ancora in serbo per noi…

LET’S PUNK!

La scaletta
  1. Come on
  2. Main Offender
  3. Go right ahead
  4. Paint a picture
  5. Won’t be long
  6. Good Samaritan
  7. Walk idiot walk
  8. Two timing touch
  9. My time is coming
  10. See trough head
  11. Stick up
  12. Hate to say i told you so
    Encore
  13. I’m alive
  14. TIck tick boom

a cura di
Mattia Mancini
foto di
Valentina Bellini

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Cosmo – Acieloaperto – 9 agosto 2022
LEGGI ANCHE – Day 3 – Sziget Festival 2022 – 12 agosto 2022

Condividi su
Mattia Mancini

Mattia Mancini

2 pensieri su “The Hives – Bay Fest Bellaria Igea Marina – 13 agosto 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *