Idee intelligenti per regali ecosostenibili

Idee intelligenti per regali ecosostenibili
Condividi su

Una lista di regali intelligenti non solo per le prossime feste Natalizie, ma che facciano anche del bene al Pianeta.

Stile ed ecosostenibilità

Esistono aziende che puntano alla qualità e alla bellezza dei capi, creando con un occhio di riguardo verso le sorti del Pianeta che ci ospita.

Ci sono piccole o grandi aziende che si occupano di produrre con materiali di riciclo prodotti veramente meravigliosi. Per quel che riguarda le borse vi segnaliamo Miomojo e Feeling Felt, due aziende italiane che dell’ecosostenibilità hanno fatto il punto forte per la creazione di borse meravigliose e originali. Tra reti da pesca, sughero e prodotti vegani c’è letteralmente da perdersi.

Tra le piccole aziende, non per questo meno importante, segnalerei quella di Giovanna o sinergie, con le sue borse per donne in sinergia con la natura. Ogni pezzo è un pezzo artigianale, creato per il rispetto della natura.

Dei suoi pezzi penso che gli zaini Acero siano decisamente i pezzi da tenere d’occhio per i colori cosi affini alle stagioni.

Per l’abbigliamento personalmente vi consiglio il second hand, perché come ho già detto in altri articoli è l’unico modo per dare una seconda vita a un capo ancora utilizzabile nonché ridare lustro al vintage, che, se ben sfruttato può essere quel piccolo switch on per rendere un outfit da banale a speciale. In questo caso vi direi di dare uno sguardo a Seconda vita Fashion un canale in cui trovare vintage di lusso.

Miomojo & Feeling Felt
Accessori e gioielli

Anche sul fronte gioielli e accessori molte sono le piccole e grandi aziende che puntano tantissimo sul riciclo e l’ecosostenibilità. Una delle più famose che vi vogliamo citare è Ana Luisa, uno dei brand più conosciuti tra le content creator (soprattutto Youtube e Instagram).

Il brand usa oro e argento riciclato per la creazione di gioielli che, effettivamente hanno un costo accessibile a molti. Soprattutto spediscono i gioielli in piccole dustbag utilizzabili anche per riporre il gioiello acquistato o per portarlo in viaggio.

Un’altra pagina interessante da spulciare è quella di No War Factory, perché usano l’alluminio riciclato da ordigni bellici risalenti alla guerra del Vietnam, quindi riescono a dare vita eliminando un oggetto brutto per renderlo un gioiello unico e impreziosito da mani italiane.

Per quel che invece concerne gli accessori vari, per chi ama il beauty uno dei prodotti che, secondo me, non devono assolutamente mancare nella beauty routine è data dai dischetti struccanti lavabili, uno dei più conosciuti sui social è il brand Tukiki, in cui oltre i dischetti potrete trovare, saponi, shampoo e prodotti plastic free, quelli solidi che, vi dirò, ho iniziato ad usare e nonostante il mio metro di capelli trovo veramente validi.

Beauty & affini

Un’altra azienda italiana è Cozy Bazaar che ha creato dischetti struccanti, spugnette per il trucco con cotone di Bamboo. La funzionalità è sempre la stessa muta il materiale utilizzato, ma alla fine tutto viene creato per il bene del Pianeta.

Uno dei prossimi acquisti sicuramente sarà il rasoio plastic free, bella idea per quell’amica che non ama la ceretta o per chi non ha mai tempo per andare dall’estetista, non che sia necessario, siamo belle anche coi peli sia chiaro, ma nel caso perché inquinare?

Nowar factory & Ana Luisa
Miscellaneous per tutti i gusti e bisogni

Uno dei siti in cui poter trovare di tutto è sicuramente Stylla, ci potete trovare dai prodotti di cartolibreria fino a tazze e bottiglie che arredano per il design semplice ed essenziale e aiutano ad evitare lo spreco di plastica. Di loro mi è piaciuta molto la confezione del vino che si trasforma in: casetta per uccelli, dock desktop, lampada da tavolo, vassoio o tagliere.

Siccome penso che uno dei regali che spesso ci troviamo a fare riguarda la cartolibreria mi piacerebbe segnalare la pagina Perpetua, i loro notebook sono esclusivamente creati con carta riciclata, con cover bellissime e stilose per non parlare di quelli magnetici che attirano un altro prodotto di punta del brand, creato con grafite naturale di Perpetua che dà il nome al brand.

Per gli amanti dei libri trovo deliziosi i prodotti di Save your book, un modo carino per evitare che i libri si rovinino nelle borse, che si creino pieghette o graffi sulle copertine rigide. Con una cover puoi proteggere volta in volta il libro che stai leggendo e che ti stai portando in giro.

Treecelet segue le orme di Treedom, con la differenza che per ogni braccialetto acquistato si andrò a piantare un albero, quindi se non vi piace l’idea di regalare un albero senza un pensierino fisico quella può essere una bella scelta ecosostenibile.

Illustrazioni, Foto e Musica

Art on Words è una di quelle pagine da tenere sott’occhio soprattutto per gli amanti dei libri e dell’arte.

Salvare i libri destinati al macero, scegliere un artista ed ecco a voi le pagine del libro amato illustrato dall’artista di turno. Non so voi ma io ci arrederei casa senza alcun problema con queste opere d’arte.

Così come quest’anno sta andando molto in voga regalare ritratti, ma non i classici ritratti, molti stanno puntando sulle illustrazioni grafiche.

Arredano tanto quanto un quadro di Warhol, sono pop, colorati e tremendamente belli. Avrei mille nomi di artisti presenti sul web. Ve ne cito giusto un paio: acriativelife (seguo Cristina e apprezzo tantissimo i suoi lavori) e Robeeleo’s Drawings.

Acriativelife, Henry Ruggeri & Art on words

Le foto d’autore sono poi un bel modo di regalare piccole gioie, non parlo di servizi fotografici, ma proprio della stampa di foto di eventi che avete amato.

Il concerto che avete ripreso (male) col cellulare, quello in cui vi siete innamorati, avete pogato fino a slogarvi la clavicola o semplicemente vi ha fatto sentire liberi post rottura può essere un modo per sostenere un artista.

Avere un’opera in casa e soprattutto il ricordo stampato in una foto (professionale) del vostro artista preferito arreda più del poster trovato nel “cioè”. Dirvi nomi dei fotografi mi sembrerebbe un po’ tirare l’acqua al mio mulino, a parte i fotografi di The Soundchek (colleghi bravissimi).

Se volete foto dei maggiori live (quando ancora potevano venire in Italia i grandi Big) vi consiglio sicuramente Henry Ruggeri.

Dal disastro ambientale si crea arte e rinascita

Infine, non per importanza, rimanendo sempre sull’interior design mi piacerebbe consigliarvi Vaia, un’azienda nata dopo la tempesta del Vaia che ha distrutto interi boschi. Quel legno, recuperato, è stato magistralmente riutilizzato per creare Vaia cube, un amplificatore in legno riciclato dal designer veramente adatto a qualunque arredamento, che amplifica il suono del cellulare come se fosse una cassa, pur non essendolo.

Con questo piccolo vandemecum dei regali ecosostenibili spero di avervi spinto a scegliere non il consumismo sfrenato, ma il pensiero che meglio si abbina alla persona a cui volete fare un dono e anche al Pianeta.

a cura di
Iolanda Pompilio

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Cordio: “credo sia comune sentirsi incompleti”
LEGGI ANCHE – Blanco, in primavera in tour
Condividi su
Iolanda Pompilio

Iolanda Pompilio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *