Il favoloso mondo illustrato di Ramona Iurato

Il favoloso mondo illustrato di Ramona Iurato
Condividi su

Oggi vi presentiamo un talento di nome Ramona Iurato, una illustratrice e artista grafica che vive e lavora a Milano. Quello che colpisce di questa giovane artista è la sua capacità di trasmettere energia positiva con le sue illustrazioni, attraverso un mix assolutamente impossibile da confondere di linee e colori vivaci, proprio come i suoi occhi.

L’elemento fondamentale della sua arte è senza dubbio la semplicità, l’amore per i dettagli, per le tonalità accese, per le linee di confine che esistono, ma è come se non esistessero. Non lascia nulla al caso e sembra tutto studiato nei minimi particolari e allo stesso tempo tutto estremamente naturale.

Ramona ha trasformato la sua passione in un lavoro, ma andiamo a conoscere meglio il suo mondo tra sogni, libri e poesie…

Com’è iniziato il tuo percorso artistico? Le tue illustrazioni sono decisamente d’impatto sia per la scelta dei colori sempre molto vivaci, sia per la capacità che hanno di trasmettere della positività oltre che dei bellissimi messaggi. Qual è stato il processo di formazione del tuo stile e com’è cambiato nel tempo?

Il disegno è arrivato nella mia vita nel modo più naturale possibile, un giorno mi misero in mano delle matite colorate e mi dissero “Colora!”… da allora non credo di aver mai smesso. Mi sono diplomata al Liceo Artistico e laureata all’Accademia di Belle Arti… direi che l’arte ha sempre fatto parte della mia vita.

Durante il mio percorso di sperimentazione artistica ho utilizzato vari supporti – cartoncini, tele, xilografie e calcografie -, fino al passaggio in digitale; ma il filo conduttore del mio lavoro è sempre stato legato alla predilezione di tinte piatte e sintetiche che riuscissero, con immediatezza, ad esprimere concetti semplici e meno semplici.

Collabori con brand, case editrici, aziende e agenzie di comunicazione. Qual è stata la richiesta più bizzarra che hai ricevuto e quale invece quella che ricordi particolarmente o che ti ha particolarmente emozionata?

In realtà credo che tutti i lavori svolti siano rimasti nel mio cuore: sono legata ad ogni singolo progetto. Se dovessi sforzarmi di sceglierne necessariamente uno, credo che tra le emozioni più belle della mia vita è stata realizzare la mia prima copertina per la casa editrice Einaudi. L’emozione è legata al fatto che da piccola ero innamorata – e lo sono tutt’ora – delle fiabe di Gianni Rodari, uno dei più grandi scrittori per bambini di sempre, quindi collaborare con la stessa casa editrice del mio autore preferito mi è sembrato un sogno ad occhi aperti.

Durante il periodo di quarantena non hai mai smesso di farci compagnia con le tue illustrazioni. A livello artistico, d’ispirazione, quale impatto hanno avuto su di te quei mesi?

La quarantena per certi versi ci ha reso “prigionieri” dentro le nostre case, ma in maniera del tutto inconsapevole ha dato a molti la possibilità di creare contenuti nuovi, diversi dal solito. In quel “tempo sospeso” i social hanno dato il via ad una maggiore ricchezza di contenuti – dal punto di vista artistico – in tutte le sue forme (sicuramente per tenerci compagnia ma credo anche che, inconsciamente, sia avvenuto soprattutto per ricordarci l’importanza della bellezza e del potere dell’arte).

Personalmente, durante il lockdown è nato un progetto in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma intitolato “Le Acrobate, Giorni sospesi al tempo del Covid 19”. Dieci tavole illustrate in cui ho cercato di mostrare come ha vissuto – e a volte sopravvissuto – la donna al tempo di una pandemia. Quali pensieri, desideri, ansie e paure le accomuna quando tutto si ferma? Ogni illustrazione ha avuto il potere di raccontare una storia e questa è stata per me una straordinaria ricchezza.

Se dovessi scegliere una frase che ti rappresenti, quale sceglieresti?

“Diventa chi sei”, di Friedrich Nietzsche, è la frase che più mi accompagna da qualche anno. Ad una prima lettura il senso di questo “motto” potrebbe suonare lineare, se non addirittura ovvio. Ma è davvero così semplice per tutti trovare la propria strada, capire cosa vogliamo essere e cosa vogliamo diventare da grandi?

Diventa chi sei, per me, ha rappresentato un biglietto di sola andata verso un futuro che non conoscevo e che dunque mi spaventava; ma questa frase, così scontata da sembrare banale, è stata di fondamentale importanza per capire che è necessario avere il coraggio di credere nelle proprie passioni e nelle proprie vocazioni, andare alla scoperta di se stessi è un viaggio e nessuno può prevedere con che cosa, da un simile viaggio, farà ritorno a casa.

a cura di
Claudia Venuti

Seguici anche su Instagram!

Condividi su
Claudia Venuti

Claudia Venuti

Claudia Venuti nasce ad Avellino nel 1987, a 14 anni si trasferisce a Rimini, dove attualmente vive e lavora. Oltre ad essere il responsabile editoriale della sezione musica di TheSoundcheck, è responsabile dell’area letteratura dell’ufficio stampa Sound Communication. Studia presso la Scuola Superiore Europea di Counseling professionale. Inguaribile romantica e sognatrice cronica, ama la musica, i viaggi senza meta, scovare nuovi talenti e sottolineare frasi nei libri. Sempre alla ricerca di nuovi stimoli, la sua più grande passione è la scrittura. Dopo il successo della trilogia #passidimia, ha pubblicato il suo quarto romanzo: “Ho trovato un cuore a terra ma non era il mio” con la casa editrice Sperling & Kupfen del Gruppo Mondadori.

4 pensieri su “Il favoloso mondo illustrato di Ramona Iurato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *