“Armonie di Pietra. Il paesaggio delle marche nelle sculture di Giuliano Giuliani”

“Armonie di Pietra. Il paesaggio delle marche nelle sculture di Giuliano Giuliani”
Condividi su

Il complesso di opere dell’artista marchigiano, Giuliano Giuliani, fa parte di un mostra promossa dalla Regione Marche, dal Comune di Ascoli Piceno e dal Parco archeologico del Colosseo che avrà due sedi. La prima, curata da Daniele Fortuna, sarà il Parco Archeologico del Colosseo e si svolgerà dal 15 ottobre 2022 fino all’8 gennaio; la seconda, dal 7 aprile al 28 giugno 2023, sarà ospitata dal Chiostro di Sant’Agostino ad Ascoli Piceno con la curatela di Carlo Bacchetti Doria.

Due città antiche e ancorate nella storia, collegate da un filo sottile scolpito nel travertino. Con questa idea nasce la mostra che unisce i tesori unici della capitale alle bellezze artistico-architettoniche di Ascoli Piceno.
Marco Fioravanti

Il percorso romano, composto da 20 opere in travertino, ha inizio dalla Basilica Emilia ed attraversa il Foro Romano fino a raggiungere i gradini della Basilica Giulia. Sullo sfondo non solo colonne spezzate, ma anche cupole ed alcuni degli edifici più importanti della città in un itinerario che attraversa la storia politica, amministrativa e religiosa del Paese.

Sono presenti inoltre due opere centrali dedicate esclusivamente a questa installazione: Condotta uno e Condotta due.

Giuliano Giuliani

Giuliano Giuliani pone al centro del suo lavoro artistico il travertino, materiale identificativo della sua città: Ascoli Piceno. Il suo laboratorio di ricerca nasce ed ha sede nella cava paterna sul colle San Marco.

L’artista frequenta l’Istituto Statale d’Arte ed in seguito si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Macerata. La sua prima mostra come studente avviene alla Gallerie Nuove Proposte della sua città natale nel 1975. In seguito partecipa a numerose installazioni e mostre, tra cui alcune personali, durante le quali arriva a confrontarsi anche con Michelangelo e Brunelleschi, esponendo nel 2019 nella Basilica di Santo Spirito di Firenze.

Giuliano Giuliani, Foto di Simona Murrone
Armonie di Pietra

È proprio il travertino il fil rouge tra Ascoli Piceno e Roma, tra l’antico ed il contemporaneo. I frammenti morbidi plasmati dallo scultore affiorano passo dopo passo di fianco ai residui dell’architettura romana, che prediligeva la roccia sedimentaria calcarea per la sua resistenza e durata nel tempo.

Ma le sculture non riportano alla mente solo la storia, ma anche le forme di una terra malleabile e ricca di pluralità e la resilienza del popolo marchigiano e Piceno, ancora in piedi ed ottimista dopo le difficoltà degli ultimi anni.

Così quale luogo migliore per accogliere le sculture di Giuliani, in un momento tra l’altro così difficile per una terra che sta facendo i conti con le calamità naturali che vi si sono abbattute? Nella speranza che, attraverso la bellezza delle opere in mostra così rappresentative delle Marche, giunga tutta la nostra vicinanza alla popolazione così terribilmente colpita.
Alfonsina Russo

a cura di
Andrea Romeo

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – “Avere tutto”: cosa conta davvero?
LEGGI ANCHE –
Negramaro – Gran Teatro Morato – Brescia – 13 ottobre 2022

Condividi su
Andrea Romeo

Andrea Romeo

Un pensiero su ““Armonie di Pietra. Il paesaggio delle marche nelle sculture di Giuliano Giuliani”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *