Nibali e Valverde, al Lombardia 2022 l’ultimo ballo

Nibali e Valverde, al Lombardia 2022 l’ultimo ballo
Condividi su

Tutto ha una fine, anche le cose più belle. Non fanno eccezione le carriere di due dei ciclisti più iconici degli ultimi vent’anni, don Alejandro e lo Squalo. Valverde e Nibali, al Giro di Lombardia 2022 si concederanno l’ultimo ballo delle loro, straordinarie e lunghissime, carriere.
Due campionissimi, in grado di regalare gioie ai propri tifosi (ed emozioni a tutti gli appassionati) nell’arco di ben due decenni: Valverde e Nibali si presentano al Lombardia 2022, l’ultimo tango della propria carriera, con palmarés invidiabili, che contengono praticamente tutto: dalle classiche Monumento ai grandi giri – con la chicca dell’oro di Innsbruck del 2018 a fare capolino tra le tante medaglie di argento e di bronzo raccolte ai Mondiali da Valverde.

Valverde e Nibali, oltre ai successi c’è di più

Ma non sono solo i successi a rendere speciali le due carriere. Valverde e Nibali, infatti, aldilà delle numerose vittorie, sono stati davvero due colonne degli anni Dieci del ciclismo del 2000. Pur con caratteristiche diverse, i due veterani hanno rappresentato qualcosa di molto simile per il ciclismo: una sorta di anello di congiunzione tra il ciclismo di inizio millennio e quello moderno, quasi macchinale, che viviamo all’alba di questi anni Venti, che ha in Pogacar e Evenepoel gli interpreti più perfetti.
Valverde e Nibali, prima di quest’ultimo ballo al Lombardia 2022, hanno vissuto, forse anche sofferto, questo lungo passaggio di consegne: entrambi hanno sempre dovuto confrontarsi con rivali più forti di loro ma, mentre il ciclismo si evolveva, l’Embatido e lo Squalo rimanevano sempre lì, sempre vicini ai migliori, sempre in corsa per vincere – e, come dimostrano i curriculum, a volte ci riuscivano anche. Mentre gli altri, comunque straordinari campioni, piano piano, si allontanavano dal grande ciclismo.

La chiusura di un’epoca

Chissà cosa proveranno oggi, Valverde e Nibali, mentre sulle strade del Lombardia 2022 percorreranno gli ultimi chilometri della loro carriera. Chissà se tenteranno qualche numero dei loro – per Nibali, soprattutto, la classica delle foglie morte rappresenta un terreno favorevole e su cui ha già centrato due bellissimi successi, nel 2015 e nel 2017 – o se, semplicemente, si godranno l’abbraccio del gruppo e del pubblico per un’ultima volta.
Quel che è certo è che questi due straordinari campioni, da domani, mancheranno tantissimo al ciclismo, soprattutto ai rispettivi movimenti nazionali. Perché, se è vero che la nuova generazione sembra prodigiosa e ricca di straordinari talenti che sicuramente regaleranno tante emozioni nei prossimi anni, è pur vero che quello che hanno dato Valverde e Nibali al ciclismo non è realmente quantificabile, né attraverso i palmarés né attraverso i dati. Valverde e Nibali, per tanti appassionati, hanno rappresentato una compagnia rassicurante, nei lunghi pomeriggi sul divano a seguire i propri beniamini in tv. Anche per chi non li ha tifati e per chi, addirittura, li ha apertamente avversati.
Il ritiro in simultanea dei due campioni rappresenta qualcosa di epocale: la chiusura – definitiva – di un capitolo del ciclismo che in realtà era già concluso, il passaggio definitivo di un’epoca ciclistica ormai lontana che, con le loro carriere, ha provato a prolungarsi indefinitamente. Rappresenta il passaggio da un ciclismo ancora residualmente umano, fatto di fatica e sensazioni, di invenzioni e fantasia sui pedali, a un ciclismo macchinale, esasperatamente tecnologico in cui tutto è calcolato al millesimo. E, forse, è proprio questo che – attraverso Valverde e Nibali – dopo il Lombardia 2022 ci mancherà di più.

A cura di
Epifanio Romano

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE – La Vuelta ha incoronato Evenepoel
LEGGI ANCHE – Il Giro si ferma: i protagonisti e le emozioni

Condividi su
Epifanio Romano

Epifanio Romano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *