Marracash – Palaflorio, Bari – 07 ottobre 2022

Marracash – Palaflorio, Bari – 07 ottobre 2022
Condividi su

Marracash dopo vari rinvii finalmente giunge col suo Persone Tour al Palaflorio di Bari, e se l’attesa è durata due anni, il suo pubblico lo ripaga con una affluenza veramente disarmante, tanto che la data è sold out

La location

Con Fabio Bartolo Rizzo, meglio conosciuto come Marracash, inizia la stagione pugliese dei live al chiuso. Si riaprono le porte del Palaflorio nei migliori dei modi, accogliendo la frotta di gente venuta per ascoltare il rapper dopo due anni di attesa e rinvii vari.

Il rap non ha età, così come i fan di Marracash. Tanto che, tra coppiette di ragazzini sbucano anche madri e padri con pargoli a seguito. Il merchandising viene preso d’assalto. La fascetta del live a cui si partecipa non potrà mai divenire obsoleta. È un acquisto quasi obbligatorio.

Così come gli addetti ai lavori che portano sotto palco le bottigliette di acqua da dare a chi da ore attende in zona transenna l’arrivo del cantante.

I fan
Padre e figlio al concerto di Marracash

I più accaniti sanno tutto: scaletta, ospite a sorpresa e anche il break in cui Marracash si sposterà sul palco più piccolo in zona mixer.

Sotto palco siamo un bel gruppo nutrito di fotografi e video maker, attendiamo l’inizio chiacchierando tra di noi e cercando di posizionarci senza esserci di intralcio.

Il concerto

Non si fa attendere molto Marracash, che dopo una mezz’ora di ritardo, fa il suo ingresso su una piattaforma sopraelevata. Vestito di pelle come Neo di Matrix inizia il live tra le urla gioiose dei suoi fan giunti da tutta la Puglia per sentirlo e vivere con lui questa data del tour.

Tra scintille e fuochi procede il concerto. Si dona al suo pubblico, grandi sorrisi, una sciarpa del Bari viene mostrata, incita i baresi come chi il palco lo conosce e se lo divora facilmente. Il pubblico lo accompagna intonando i pezzi del rapper. Fino al dj set di Deleterio e un ulteriore cambio di abiti (nda ci saranno quattro cambi di abito) dove la massa si sposta verso il piccolo palco alle spalle del mixer.

Giochi di fiamme e scintille

Dopo poco mi ritrovo di nuovo ad essergli vicina, così come quelli che erano ultimi e possono vedere il loro idolo a un passo da loro. Canta per loro, per i disabili alle sue spalle, ancora una volta cita Bari mentre intona Badadum cha cha.

Come ospite, quasi a fine concerto, sulle note di Niente canzoni d’amore, sul palco compare Alessandra Amoroso in una tutina alla Eva Kant, mentre Marracash in rosso fuoco con un kimono aperto a petto nudo intonano il pezzo. Uno solo ma basta per far scoppiare in un boato il pubblico presente al Palaflorio.

Ne è valsa la pena aspettare due anni e vari rinvii.

a cura e foto di
Iolanda Pompilio

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – “Modelo 77” in anteprima internazionale al Festival del cinema spagnolo «È una follia che accada ancora»
LEGGI ANCHE – Robert Capa in mostra a Palazzo Roverella

Condividi su
Iolanda Pompilio

Iolanda Pompilio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *