MCU – Musica Che è Uscita – Settembre 2022

MCU – Musica Che è Uscita – Settembre 2022
Condividi su

MCU- Musica Che è Uscita. Un nome orribile per una rubrica di recap di uscite musicali dell’ultimo mese. Perché nessuno può stare appresso a tutto ciò che viene pubblicato, ma noi ci proviamo lo stesso.

“Settembre, è tempo di migrare”, diceva qualcuno. Noi invece siamo sempre qui, incollati con cuffie e impianti stereo che oramai nessuno usa più (tranne colui che sta scrivendo e pochi altri vegliardi) per spulciare le ultime uscite che non hanno trovato spazio questo mese nelle pagine di The Soundcheck. Ma noi siamo buoni, bravi e magnanimi. O forse no. Di certo volenterosi.

Ecco dieci album per cui vale la pena godere o bestemmiare.

THE AFGHAN WHIGS – “HOW DO YOU BURN?”
musica che è uscita - the afghan whigs

Per far cadere nel tranello della banalità la band di Gred Dulli, del simpaticissimo Greg Dulli, ci vorrebbe una ruspa di amianto e zinco. Invece la trappola te la prepara lui con “Getaway” e “Domino and Jimmy”, salvo poi tramutare tutto nella solita salsa Afghan. Il che va bene, sia chiaro. Un album di cui sentivamo il bisogno? Certo che no, dato che i The Afghan Whigs non spostano l’influenza della musica contemporanea come un tempo. Ma il fatto che ci siano ancora e che continuino a realizzare dischi più che decenti e che continuano a mettere quella simpatica ansietta addosso, è piacevole.
Voto: 7

DEATH CAB FOR CUTIE – “ASPHALT MEADOWS”

Mai stato grande fan della band e “Asphalt Meadows” non smuove il sentimento musicale del sottoscritto. L’aggravante, semmai, è che i Death Cab For Cutie continuano imperterriti nella formula che l’aveva resi comprensibili e degni di rispetto negli anni ’00 e ’10 del terzo millennio, senza muoversi troppo da quella comfort zone che ora è una inevitabile prigione argentea. Nulla di particolarmente interessante, con schitarrate docili e linee di basso a cavallo tra Placebo pigri e NewWave all’acqua di rose.
Voto: 5

MARCUS MUMFORD – “(SELF-TITLED)”
musica che è uscita - marcus mumford

Staccare per un attimo dal main project che porta il tuo stesso (cog)nome per fare roba un po’ “diversa”. Della serie: “Ragazzi, mi sono rotto un po’ le balle di tutto questo, voglio sfogarmi un po’”. Ci sta, onesto. il nostro amico spoglia le composizioni di tutto quel pop-folk cui deve la sua fortuna e si immerge in un’atmosfera più sommessa, facendo un po’ quel che davvero vuole, ogni tanto esagerando (la coda di “Better Off High” è al limite del cacofonico). Piacevole musica per una domenica pomeriggio col sole all’imbrunire, tisana e pancake con sciroppo d’acero.
Voto: 6+

STARCRAWLER – “SHE SAID”

Band americana nata nel 2015 e qui al suo terzo album. Se con l’omonimo disco del 2018 erano una versione sgraziata-ma-interessante di tante influenze (Hole, Nirvana, Runaways, Ramones, The Distillers più mansueti), se nel 2019 con “Devour You” davano sfogo all’energia punk più adolesenzial-genuina, ora con “She Said” tirano un po’ i remi in barca, sfociando in un qualcosa più Seventies con cantato più rilassato. Non è un male, dato che “Jetback”, “True” sono due facce della stessa medaglia molto ben congegnate. Ancora in cerca di una identità definita. Interessante per chi è orfano di un certo punk o rock docile che ricorda la Courtney Love più ispirata.
Voto: 6+

THE MARS VOLTA – “THE MARS VOLTA”

Tornare dieci anni dopo l’ultimo disco e presentarsi con un album intitolato semplicemente “The Mars Volta” è come tracciare una bella linea e ricominciare da capo. Scelta saggia? Scelta presuntuosa? Più semplicemente, è un onesto “Ok, riproviamoci”. Ecco dunque un album molto più accessibile rispetto alla media della band, a tratti un po’ noioso o banalotto (“Shoe Story”), a tratti interessante (“Que Dios Te Maledica Mi Corazon) ma può essere una boccata d’aria (non fresca) per coloro che nel 2012 si vantavano di essere hipster. Il vostro tempo è finito, ma vi vogliamo bene lo stesso.
Voto: 6+

BJORK – “FOSSORA”
bjork musica che è uscita

“Così, de botto, senza senso”. Nuova uscita di Bjork, perfetta per tutti coloro che vogliono atteggiarsi a grandi somellier della musica impegnata e ricercata, quando in realtà non capiscono un kaiser di quel che hanno acquistato e ascoltato. Però un vinile di Bjork in bella mostra vicino al giradischi di Maison Du Monde fa figo, ammettiamolo. A parte queste pippe mentali, l’islandese non smette di fare ricerca musicale e sonora al limite dell’incomprensibile. Se pensate che stia esagerando, ascoltate quell’indefinibile esercizio stilistico di “Mycelia” e spiegatemelo.
Voto: 7

THE BIG PINK – “THE LOVE THAT’S OURS”

Realizzare il terzo album a nove anni di distanza dal precedente è quasi avanguardistico. Fatto sta che i The Big Pink col loro pop-rock elettronico di chiara matrice a metà strada tra anni ’80 e primi 2000 (sì, capisco siate spiazzati dal salto generazionale) tornano con le migliori intenzioni e risultati tutto sommato soddisfacenti. Quantomeno chi non li conosceva andrà a spulciare su Spotify per capire cosa diavolo sia successo dal 2007 a oggi.
Voto: 6,5

BANCO DEL MUTUO SOCCORSO – “ORLANDO: LE FORME DELL’AMORE”

Un concept album sontuoso e ambizioso. Incentrare un’opera musicale su uno dei poemi eroici più astrusi per eccellenza è follia. Un po’ come quella di Orlando. Ma il Banco è la ragione che dalla luna continua a tessere ciò che potremmo mai pensare. Un prog-rock d’altri tempi con suoni attuali. Cinquant’anni di Banco festeggiati con una delle opere migliori degli ultimi anni/decenni. Complicato, a tratti per sua natura prolisso, ma è un viaggio narrato con dovizia, rispetto, passione. Vegliardi in compagnia di giovani talenti.
Voto: 8

SLIPKNOT – THE END, SO FAR

Che sia la volta buona perché la band capianata da Corey Taylor si dia una svegliata e torni a fare dischi decenti? Sì e no. “The End, So Far” è un album che avrà finalmente presa sugli odierni adolescenti così come su chi, adolescente, lo è stato nel 2000. Disco furbo, ruffiano, ma innegabile ci sia della rinnovata linfa vitale. Peccato che ogni tanto continui a spuntar fuori quella sensazione di strizzare l’occhio e l’orecchio all’ascoltatore medio di Virgin Radio.
Voto: 7-

MEGADETH – THE SICK, THE DYING… AND THE DEAD!
musica che è uscita - megadeth

Dave Mustaine che allontana David Ellefson è stata la mossa migliore per la band. Che oramai è definitivamente il progetto solista del caro chitarrista dal rossiccio crine. Uno degli album migliori della storia più recente dei Megadeth, se non tra i migliori della carriera. D’altronde, avere Kiko Loureiro all’altra chitarra, James LoMenzo al basso e Dirk Verbeuren è come se il Real Madrid giocasse in una squadra del campionato CSI. Tra le migliori uscite di musica metal del 2022, a mani basse.
Voto: 8

a cura di
Andrea Mariano

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Marracash – Palazzo dello Sport, Roma – 2 ottobre 2022
LEGGI ANCHE – Roberto Roversi, la sua musica in piazza Lucio Dalla

Condividi su
Andrea Mariano

Andrea Mariano

Andrea nasce in un non meglio precisato giorno di febbraio, in una non meglio precisata seconda metà degli Anni ’80. È stata l’unica volta che è arrivato con estremo anticipo a un appuntamento. Sin da piccolo ha avuto il pallino per la scrittura e la musica. Pallino che nel corso degli anni è diventato un pallone aerostatico di dimensioni ragguardevoli. Da qualche tempo ha creato e cura (almeno, cerca) Perle ai Porci, un podcast dove parla a vanvera di dischi e artisti da riscoprire. La musica non è tuttavia il suo unico interesse: si definisce nerd voyeur, nel senso che è appassionato di tecnologia e videogiochi, rimane aggiornato su tutto, ma le ultime console che ha avuto sono il Super Nintendo nel 1995 e il GameBoy pocket nel 1996. Ogni tanto si ricorda di essere serio. Ma tranquilli, capita di rado. Note particolari: crede di vivere ancora negli Anni ’90.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *