Given: il cuore è la corda di una chitarra

Given: il cuore è la corda di una chitarra
Condividi su

Given è un manga shōnen’ai che racconta la storia di una band amatoriale che si evolve come i sentimenti dei due protagonisti: Ritsuka Uenoyama e Mafuyu Satō.

L’opera

Given è un manga shōnen’ai scritto e illustrato da Natsuki Kizu. L’opera è stata inizialmente serializzata sulla rivista bimestrale di manga Cheri+ a partire dal 2013 per poi essere successivamente racchiusa in diversi volumi.
Il manga è stato adattato in un audio drama a partire dal 2016 e successivamente in un anime di 11 episodi, seguita dall’uscita di un film, il sequel, avvenuta il 3 febbraio 2021.

La serie animata è stata prodotta da Lerche e fu annunciata durante una conferenza stampa di Fuji TV il 14 marzo 2019 ed è andata in onda per la prima volta dall’11 luglio al 19 settembre 2019 su NoitaminA, portandolo a essere il primo shōnen’ai apparso in quel blocco.
L’anime è stato profondamente apprezzato dalla critica ed è stato ritenuto di grande qualità anche per la colonna sonora e la direzione di Yamaguchi.

La trama

La storia segue un gruppo di quattro ragazzi appartenenti a una rock band amatoriale. La vicenda mostra anche l’evoluzione delle relazioni romantiche che si iniziano a formare: l’amore corrisposto tra il cantante Mafuyu Satō e il chitarrista Ritsuka Uenoyama e quello che invece sembra essere unidirezionale tra il bassista Haruki Nakayama e il batterista Akihiko Kaji. La storia di questi ultimi viene approfondita all’interno della pellicola, che quindi funge da sequel.

Uenoyama è un giovane liceale giapponese che un giorno incontra Mafuyu, un ragazzo di poche parole che gli chiede di insegnargli a suonare. Nonostante inizialmente accetti riluttante, col tempo si trova sempre più coinvolto e incantato dal talento naturale di Mafuyu per il canto. Quest’ultimo, sempre impossibilitato ad esprimere ciò che prova per via del grande dolore che porta dentro, dovrà fare i conti con questa esperienza traumatica mentre Uenoyama inizierà a provare dei sentimenti nei suoi confronti.

Non sono capace di piangere e ridere come fanno gli altri. Forse perché non sono bravo a esprimermi come le altre persone. Però, in realtà la verità è che io non sono bravo a piangere e sto soffrendo. Fa così male e vorrei gridare, ho sempre voluto che qualcuno mi capisse, anche solo un po’.

La musica come unità di misura

Il ruolo della musica è fondamentale in Given. Essa è vista come un’arte usata per esprimere i propri sentimenti e sarà infatti l’unico modo per Mafuyu per superare un lutto che lo teneva legato al passato. L’amore omosessuale riesce a trovare una vera e propria evoluzione. Sato si libererà del peso del passato grazie all’aiuto di Uenoyama, il quale confida nel suo talento, cosa che il suo primo amore Yuki non aveva mai fatto fino in fondo.
Uenoyama, inoltre, grazie a lui è riuscito ad avvicinarsi nuovamente alla musica, questa volta con più passione e determinazione.

Il cuore credo somigli a queste corde. Nei momenti difficili, dolorosi e senza speranza, fa male come se le corde tese nel tuo petto stessero per spezzarsi proprio come quando continui a suonare e pizzicare le corde fino al loro limite e a volte si spezzano. E così ti ritrovi a pensare che ormai non si possano più riparare. Però, se qualcuno sostituisse le corde come sto facendo io ora, forse anche le ferite guarirebbero un po’.

Il primo incontro. Fonte: Google immagini
La profondità dei temi

In poco tempo si riesce a raccontare una storia molto delicata e adatta a tutti che parla di amore universale e che riesce a coinvolgere fino in fondo. Essa tocca l’apice col testo profondo della canzone che canta Mafuyu inaspettatamente al loro primo concerto.

Non sono pochi gli argomenti di rilievo trattati, come quello dell’importanza della figura genitoriale (uno dei motivi per cui Mafuyu e Yuki avevano legato tanto era perché entrambi erano cresciuti senza una figura paterna); del suicidio, in quanto Yuki si è tolto la vita una sera dopo aver litigato con Mafuyu; della violenza, dato che Sato confida a Yuki che il padre lo picchia e dell’omosessualità. Quest’ultimo aspetto è fondamentale in quanto non siamo abituati a sentirne parlare con così tanta apertura e leggerezza, mentre Uenoyama fa coming out senza alcun timore.

Haruki Nakayama e Akihiko Kaji

La storia meno approfondita di Haruki Nakayama e Akihiko Kaji mostra la difficoltà che ha il primo nel dichiararsi al secondo, perché lo ritiene uno sciupafemmine. Questo accade nonostante il telespettatore scopra col tempo che anche Kaji ha avuto un’importante storia col suo coinquilino Atsushi Tamaru.

I capelli lunghi di Haruki diventano più volte protagonisti di alcune scene. Infatti, da quando si è innamorato di Akihiko ha deciso di non tagliarli, come se fosse una preghiera per l’amore che prova per lui. Ogni contatto che quest’ultimo cerca con Haruki lo fa andare fuori di senno e dall’esterno traspaiono dei messaggi contrastanti da parte del batterista.

Fonte: Google immagini
Ritsuka Uenoyama e Mafuyu Satō 

Sato porta con sé il peso di un passato complicato, di una relazione che lo completava e che gli ha lasciato un vuoto dentro, soprattutto perché forse si sente colpevole del suicidio. Su di lui a scuola girano parecchie voci orrende e ciò porta Uenoyama a cercare di capirlo meglio e soprattutto a cercare di capire come mai la sua presenza lo agiti tanto.

“Avevo toccato le corde del suo cuore”, dice Uenoyama dopo che Sato l’aveva osservato suonare la chitarra per la prima volta. Strumento che ha anche valore simbolico: è, infatti, il ricordo che gli è rimasto dell’ex e che per Sato cambierà dall’essere come una maledizione ad essere ciò che lo farà andare avanti.

Innamorarsi di qualcuno è qualcosa di violento che ti lacera la pelle.

Sato stimola Uenoyama ed anche in classe è sempre l’unico che lo fa alzare dal banco, infatti non era mai stato così preso dalla musica ed è solo grazie alla passione di Sato che traspare anche dai suoi occhi.
Appena Sato prova ad aprirsi e gli rivela dell’amore importante a cui pensa costantemente, Ritsuka si rende conto di essere geloso.
Uenoyama voleva aiutare Mafuyu ad esprimersi e a migliorare il suo talento naturale ma alla fine è stato lui a salvarlo e a trascinarlo totalmente nella musica.

Scena del primo bacio tra Mafuyu e Uenoyama dopo il primo live. Finalmente Mafuyu riesce ad esprimersi e a piangere. Fonte: Google immagini

Innamorarsi di qualcuno vuol dire offrire all’altro la parte di se stessi dove la pelle è più sottile e morbida. Basta un semplice tocco per andare in delirio. Basta che le unghie ti graffino un po’ per essere facilmente lacerati. E se ti distruggono intenzionalmente è la fine.

A cura di
Giada Viscido

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – L’hentai e la sua storia
LEGGI ANCHE – Fiammetta, una musa dalle mille identità
Condividi su
Giada Viscido

Giada Viscido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *