Studio 666: L’Horror Comedy con i Foo Fighters!

Studio 666: L’Horror Comedy con i Foo Fighters!
Condividi su

Dal 23 al 29 giugno arriverà nei cinema italiani STUDIO 666l’horror comedy basata su una storia di Dave Grohl, con la sceneggiatura di Jeff Buhler e Rebecca Hughes e con la regia di BJ McDonnell.

La trama

I Foo Fighters sono alle prese con il loro decimo album ma, a quanto pare, sono un po’ a corto di idee e ci stanno mettendo più tempo del previsto.

Parlando con il direttore della loro etichetta, affermano di aver bisogno di un posto dove potersi concentrare sul lavoro e poter trovare ispirazione, come “quando gli Zeppelin andarono al castello con il Diavolo, i maghi e i draghi”.

Senza pensarci su due volte, il direttore decide di mandarli in una casa abbandonata a Encino, California.

Qui, però, scopriranno presto di non trovarsi di fronte a una casa normale, bensì in un luogo maledetto dove, decenni prima, avvenne una tragedia.

Pare, infatti, che un rocker si spinse troppo oltre per terminare la sua canzone, entrando in contatto con forze oscure e finendo con l’uccidere brutalmente tutti i membri della sua band.

Ma questo non ferma Dave e i Foos, che non possono certo farsi scappare l’acustica eccezionale della casa!

Dopo poco tempo, però, anche Dave si troverà alle prese con il blocco dello scrittore e, preso dalla disperazione, finirà col liberare la stessa entità malvagia che, anni prima, aveva distrutto un’intera band.

E così, tutti i membri dei Foo Fighters – il bassista Nate Mendel, il chitarrista Pat Smear, il batterista Taylor Hawkins, il chitarrista solista Chris Shiflett e il tastierista Rami Jaffee – cercheranno di fermare la terribile maledizione che si sta abbattendo su Dave e su di loro…

Il progetto

Come detto in precedenza, l’idea alla base di Studio 666 è di Dave Grohl ed è stata successivamente trasformata in sceneggiatura da Jeff Buhler (le riedizioni di Pet Sematary, Jacob’s Ladder, The Grudge) e Rebecca Hughes (Cracking Up, Grounded for Life).

La regia, invece, è stata affidata a BJ McDonnell, che aveva già lavorato con i Foos nel 2017 per il video musicale di ‘Run‘.

Ho ricevuto una chiamata da amici che hanno lavorato all’album Sonic Highways con i Foo Fighters nel 2014 e mi hanno detto: ‘Dave vuole fare un film dell’orrore, dovresti incontrarlo'” spiega McDonnell. “Dave ha scritto una trama fantastica. Dopo averla letta, ho creato un “look book” di idee per presentarglielo. La mia visione era: facciamone un film divertente, ma dall’aspetto serio. Non avremmo usato handy-cams. Volevo che il film fosse “grande”, pur essendo il più bizzarro e divertente possibile“. (fonte: cartella stampa Studio 666)

I Foo Fighters sono entrati nel cuore dei fans anche attraverso i loro divertenti video musicali, in cui si sono cimentati nelle situazioni più bizzarre.

L’idea per Studio 666 era quella di mantenere lo stesso stile, in modo da far sentire i membri della band a proprio agio e farli essere fedeli a loro stessi.

Attraverso la pellicola sarà anche possibile vedere chi sono veramente i ragazzi dello Studio 666, conoscerli meglio.

Anche perché molti dei riferimenti fatti all’interno del film sono presi da situazioni realmente accadute, e le personalità dei membri della band sono autentiche.

Ispirazioni di un certo livello

Studio 666 contiene diversi rimandi ad alcuni registi dell’Horror Splatter, e lo stesso regista ha ammesso di aver preso ispirazione da due dei migliori in questo ambito, ovvero Sam Raimi e John Carpenter, che ha scritto anche il tema musicale principale del film.

Sono molte le scene macabre che tentano di provocare disgusto nello spettatore, ma non mancano neppure i jump scare (anche se, fortunatamente, ne sono immune).

Ci sono tutti gli elementi che ci si aspetterebbe di trovare in un Horror, come teste e arti mozzati, corpi carbonizzati, fontane di sangue e demoni dall’aspetto terrificante.

Il tutto, però, accompagnato da una vena ironica e goliardica che rende il film molto più divertente e godibile.

Considerazioni finali

Il film Studio 666 nasce come Horror Comedy e ha come obiettivo, dunque, quello di far divertire il pubblico e, allo stesso tempo, disgustarlo.

Posso tranquillamente dire di essermi divertito, nel film sono presenti diverse scene esilaranti e battute divertenti.

Ma la cosa più spassosa è stata vedere i Foo Fighters alle prese con la recitazione e l’improvvisazione.

Devo dire, però, che nessuno di loro ha sfigurato all’interno della pellicola.
Ogni membro della band ha avuto la possibilità di essere se stesso e, di conseguenza, ha reso la propria interpretazione molto naturale.

Stiamo chiaramente parlando di un film che non vuole prendersi troppo sul serio e che esagera di proposito tutte le situazioni che avvengono al proprio interno.

La trama non è particolarmente originale ma è comunque interessante vedere un horror costruito e cucito perfettamente intorno alla band, che riesce comunque a portare la propria verve anche in questo contesto.

In conclusione mi sento di dire che Dave Grohl ha avuto proprio una bella idea con Studio 666 e credo che abbia ottenuto esattamente quello che voleva: un Horror in stile retrò con la potenza del rock e con la verve della sua band.

Ritengo che questo sia un film che valga la pena di essere visto per chiunque abbia voglia di farsi due risate e anche per chi fosse curioso del prodotto.

Ah e non temete, anche i più paurosi non avranno problemi a vedere questo film.

L’unico colpo al cuore che riceverete sarà quando vedrete il compianto Taylor Hawkins per l’ultima volta.

a cura di
Edoardo Iannantuoni

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – A Single Man: quando si muore per amore
LEGGI ANCHE –
I Segreti di Brokeback Mountain: un amore che sfida il tempo
Condividi su
Edoardo Iannantuoni

Edoardo Iannantuoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *