La Milanesiana – proiezione di “Occhi blu”

La Milanesiana – proiezione di “Occhi blu”
Condividi su

“La Milanesiana”, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, torna domenica 19 giugno con un nuovo appuntamento al Cinema Mexico di Milano (Via Savona, 57).

Al dialogo tra Michela Cescon, Valeria Golino e Matteo Cocco, introdotto e coordinato da Giulio Sangiorgio, seguiranno il concerto del violoncellista Luigi Piovano e la proiezione di Occhi Blu (2021, 86’) di Michela Cescon.

Presentato al Taormina Film Festival, Occhi Blu segna il debutto alla regia di Michela Cescon. Il lungometraggio, che vanta la presenza nel cast di Valeria Golino, Jean-Hugues Anglade, Ivano De Matteo, Matteo Olivetti e Ludovica Skofic, è un omaggio al cinema di genere, al thriller notturno, al polar francese.

Inizio ore 21.00. 
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria.

Locandina di “Occhi blu”
Michela Cescon

Diplomata alla Scuola per giovani attori del Teatro Stabile di Torino, esordisce giovanissima nel 1995 con Luca Ronconi. Per il teatro ha lavorato con Valter Malosti, Toni Servillo e Roberto Andò, ricevendo numerosi premi e riconoscimenti (Premio Duse, Premio Ubu, Premio Le Maschere, Premio della Critica). Nel 2003 avviene l’incontro con il cinema, dove lavora con diversi artisti e riceve molti riconoscimenti (David di Donatello, Nastro D’Argento, Premio Flaiano, Globo D’Oro).

Debutta alla regia nel 2010 con il cortometraggio Come un soffio presentato al Festival del Cinema di Venezia e nel 2012 debutta nella produzione con la sua Zachar Produzioni mettendo in scena l’imponente trilogia di Tom StoppardThe Coast of Utopia. Nel 2019 firma la sua prima regia teatrale La donna leopardo di Alberto Moravia, e nel 2021 firma il suo primo lungometraggio da regista, Occhi Blu. Nel 2022 porta in scena L’Attesa di Remo Binosi.

Matteo Cocco

Matteo Cocco (29 dicembre 1985) è direttore della fotografia, vincitore del David di Donatello, del Globo d’oro e dell’European Film Awards. Ha esordito nel 2010 collaborando con Philip Gröning alla realizzazione de La moglie del poliziotto. L’attività con il regista ha comportato negli anni successivi lavori con il cinema tedesco. L’esordio in un film italiano è avvenuto con Giuseppe M. Gaudino nel 2014.

Valeria Golino

È attrice e regista. Ha recitato in molti film, tra cui Storia d’amore, Puerto EscondidoCaos calmo, Il capitale umano. È stata tra le protagoniste di molti film di successo americani tra cui Rain Man – L’uomo della pioggia dove ha recitato a fianco di Tom Cruise e Dustin Hoffman. Ha vinto 3 David di Donatello, 4 Nastri d’argento, 3 Globi d’oro, e 3 Ciak d’oro. Per ben due volte è stata premiata con la Coppa Volpi alla migliore attrice nel corso della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia: nel 1986 per Storia d’amore e nel 2015 con Per amor vostro.

Nel 2013 ha debuttato nella regia cinematografica con il film Miele. Cinque anni dopo presenta il film Euforia, da lei diretto, al Festival di Cannes. Nel 2021 ritorna sugli schermi di Apple TV nella seconda serie di The Morning Show, dove interpreta il ruolo di una documentarista.

Giulio Sangiorgio

Giornalista e critico cinematografico, vive e lavora a Milano. È direttore responsabile del settimanale di cinema, televisione, musica e spettacolo Film Tv. È membro del comitato di selezione del Torino Film Festival e dirige, con Olaf Moller, il festival I mille occhi di Trieste. Fa parte del consiglio direttivo del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani ed è membro della commissione Film della critica.

Luigi Piovano

Formatosi sotto la guida di Radu Aldulescu, nel 1999 è stato scelto per partecipare al Progetto Pollini. Ha tenuto concerti da camera. Dal 2005 suona in duo con Antonio Pappano. Come solista ha suonato sotto la direzione di Chung, Menuhin, Nagano, Pappano, Pletnev. Da oltre vent’anni è primo violoncello solista dell’Orchestra di Santa Cecilia. Molto attivo anche come direttore, dal 2013 è alla testa degli Archi di Santa Cecilia con i quali ha pubblicato sei CD. Quest’anno ha diretto l’Orchestra del Mozarteum di Salisburgo, dirigerà Tosca a Catania e debutterà sul podio della Verdi a Milano.

Elisabetta Sgarbi
La Milanesiana

La Milanesiana è il più grande festival itinerante che promuove il dialogo tra le arti e quest’anno torna con la sua 23esima edizione dedicata al tema “omissioni”.

Un festival di respiro internazionale che tesse relazioni tra letteratura, musica, cinema, scienza, arte, filosofia, teatro, diritto, economia e sport e che anno dopo anno diventa sempre più protagonista delle estati italiane.

Dal 4 giugno al 3 agosto, La Milanesiana infatti arriverà in 20 città diverse con oltre 60 incontri ed eventi, accogliendo più di 150 ospiti italiani e internazionali.
Come in tutte le edizioni, l’arte ricopre un ruolo importante all’interno del Festival che quest’anno ospiterà ben 9 mostre in tutta Italia, dal 4 giugno al 15 settembre.

I cataloghi delle mostre ospitate quest’anno da La Milanesiana sono editi dalla Fondazione Elisabetta Sgarbi
La Rosa dipinta da Franco Battiato, che fin dalla prima edizione è il simbolo de La Milanesiana, è stata rielaborata anche quest’anno da Franco Achilli.

La Milanesiana è organizzata da Imarts International Music and Arts Fondazione Elisabetta Sgarbi, con il Patrocinio del Comune di Milano e della Regione Lombardia.

a cura di
Staff

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Jaspers presentano il nuovo singolo “Dante”
LEGGI ANCHE – Ligabue torna con una settima data all’Arena di Verona
Condividi su
Gaia Barbiero

Gaia Barbiero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *