Fatto in Casa da Benedetta: semplicità non è sinonimo di mediocrità

Condividi su

Cuoca provetta ma anche blogger, scrittrice e conduttrice televisiva. Benedetta è questo e molto altro

Benedetta Rossi
Biografia

Benedetta Rossi nasce a Porto San Giorgio (Marche), nel 1972 (49 anni). Sviluppa fin da bambina una grande passione per il mondo della cucina. La sua gavetta culinaria inizia con l’incarico di aiuto cuoca e contemporaneamente si dedica allo studio riuscendo a conseguire ben due lauree: ad Ancona e Camerino.

La sua famiglia apre un’agriturismo nelle Marche nel 1995, dove partecipa anche Benedetta. Ma, soltanto nel 2001, si mette in proprio, diventando una vera e propria imprenditrice agricola. Su Instagram ora conta 4,2 milioni di followers.

YouTube

Nel 2009, inizia a pubblicare video sul suo primo canale “AgriturCasaVecchia” per pubblicizzare e rispondere a diverse richieste che venivano poste dai clienti all’agriturismo di famiglia. Il video su questo canale che l’ha resa virale è “Crostata di ricotta di Benedetta” che ha raggiunto 232 mila visualizzazioni. L’8 gennaio 2011 inizia il suo percorso da blogger quando apre il famosissimo canale “Fatto in casa da Benedetta” che, ad oggi, conta 2,91 milioni di iscritti tra cuochi professionisti e alle prime armi, semplici appassionati e curiosi di cucina.

Il suo pubblico prevalente, però, come afferma la stessa Benedetta nelle interviste, è quello delle classiche mamme e nonne italiane mentre l’età media è di persone over 40. Nel 2015 la sua esplosione, il suo video più visualizzato è “Come tagliare e servire il cocomero, ancora un paio di idee“. Sicuramente la sua forza sta nell’umiltà, la quale dimostra che lavorando in silenzio e creando cose naturali e spontanee si possono ottenere grandi risultati. Infatti, gli “ingredienti” dei suoi video super riusciti sono le mani, un piano da lavoro, una camera fissa di fronte e tanta, tantissima simpatia.

Tv

Arriva anche il suo primo contratto ufficiale con la Banzai Media Holding, che le chiede di pubblicare delle opere di cucina a suo nome. Nel 2018, invece, diventa la conduttrice del programma in onda su Food Network e Real Time dal nome…indovinate? È stata ospite in tv di programmi come Junior Bake Off Italia e Bake Off Italia e di reti televisive come Rai e Mediaset. Nel febbraio 2022 viene annunciata la creazione di una serie animata ispirata a Benedetta e al marito.

Libri

Nel 2016 pubblica il suo primo libro intitolato “Fatto in casa da Benedetta” dove Benedetta parla delle sue personali ricette. Il libro conta ben 100 mila copie vendute ed è diventato un Oscar Mondadori, nel 2017 viene messa in commercio la seconda parte “Fatto in casa da Benedetta 2″. È del 2018, invece, la pubblicazione del suo terzo ed ultimo libro “La cucina di casa mia” (anche questo Oscar Mondadori) Nell’ottobre del 2021 pubblica il sesto libro “La nostra cucina“.

Dissing

Non ci crederete, ma c’è anche stata una piccola polemica tra le due cuoche “Benedetta”: Rossi e Parodi. Sotto un post della Parodi (la quale chiedeva un consiglio per lo sfondo “Verde o arancione?”), un suo fan, con una cattiveria immotivata, ha definito la Rossi una “contadinotta” (come se fosse un difetto) passando poi a giudicare le sue forme fisiche “troppo in carne” fino ad affermare che “non sa parlare in italiano” (per via del suo accento marchigiano, una delle sue più grandi peculiarità!). La “colpa” della Parodi, dunque, è stata quella di non bloccare gli account o cancellare i commenti degli haters ed è stato inteso dal pubblico come un “chi tace acconsente“. Ancor di più perché la sorella della Parodi ha commentato proprio sopra questi stessi insulti.

Insomma non c’è pace neanche per la cucina. D’altro canto, l’umiltà e la pacatezza della Rossi danno l’idea che non ci sarà mai una risposta a queste “accuse”, la quale probabilmente passerà oltre la questione per non ingigantirla. Alla stessa sembrano bastare le sue ricette, suo marito Marco e il loro cane Nuvola.

Benedetta Rossi maestra Zen!

a cura di
Federico Cataldi

LEGGI ANCHE – “Belfast” – Storia di un’infanzia perduta
LEGGI ANCHE – Non aprite quella porta: Letaherface ritorna su Netflix

Condividi su
Federico Cataldi

Federico Cataldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *