Anche col nuovo album, Salmo non fa mai “FLOP”

Anche col nuovo album, Salmo non fa mai “FLOP”
Condividi su

L’attesa del nuovo album di Salmo è finita! A distanza di 3 anni dalla pubblicazione di “Playlist” – album vincitore di sei dischi di platino – il rapper sardo butta l’asso con l’attesissimo nuovo album “FLOP” pubblicato lo scorso 1° ottobre.

“FLOP” È la rivincita della bellezza di sbagliare, un elogio ai resilienti che sono caduti in basso per poi rialzarsi più forti. Ognuno dei brani quali “Antipatico”, “Mi sento bene”, “In trappola”… denuncia diverse realtà dell’attualità fra politica, la falsa fama degli influencer e il mondo fittizio dei social media, insieme alla libertà di poter esprimere il proprio pensiero controcorrente. Da sempre, rompere gli schemi è il marchio di fabbrica di Salmo, che rivive tanto nelle sue canzoni quanto nel suo stile di vita.

E’ così facile essere normale? Io non sono come te…”

“Criminale”

Dopo un anno e mezzo di pandemia, il blocco del suo tour, la fine della sua relazione con Greta Menardo, il disagio della società e della politica hanno portato Salmo ad un periodo di buio: il famoso periodo flop che prima o poi tutti abbiamo. Autenticità, connessione con la propria terra, la forza delle sue idee e il verso contrario delle idee è il file rouge che non manca mai in Salmo.

Il concerto di Olbia – 2021

Ed è proprio da queste idee controcorrente, che il rapper sardo lo scorso 13 agosto ha organizzato il famoso concerto benefico e gratuito di Olbia suscitando grande disaccordo, con Fedez che criticava la sua organizzazione di “massa” e non rispettante delle normative covid-19 vigenti. Per rispondere a queste critiche, il rapper ha pubblicato su Instagram una foto del comizio popoloso dell’ex premier Giuseppe Conte “In questi giorni è iniziato il FLOP tour, abbiamo riempito le piazze d’Italia. Grazie a tutti, la vostra accoglienza è stata incredibile, ora andatevene a f…”( qui il post, ndr).

Le collaborazioni di FLOP

Il disco è già nella Top 10 Global Album Debuts e ha superato anche il terzo posto del suo collega Blanco. La sua buona riuscita è legata anche alle numerose collaborazioni dei brani con il meglio della scena rap: Marracash (“La chiave”), Gué Pequeno (“YHWH”), Noyz Narcos (“Ghigliottina”), oltre alla voce rotta ma pungente di Shari (“L’angelo caduto”), new entry nel panorama musicale italiano, arricchendo il brano che richiama la copertina stessa di “FLOP”.

Le parole di questo disco tagliano, ma sanno anche sanare le ferite già aperte e, seppur con un forte senso di bruciore, ti permettono di capire e di andare avanti. Salmo è uscito con “FLOP” per darci una scossa da questi ultimi due anni un po’ assurdi.

Ti criticheranno sempre, ma l’importante è sapere prendere le critiche come spunto per capire la realtà e tutte le diversità, i dubbi e le preoccupazioni che caratterizzano tutti gli esseri umani. Se tutte le guerre si combattessero a colpi di barre rap, forse il mondo sarebbe un posto meno flop.

La gelosia è un mostro ma con gli occhi verdi

“In trappola”

Il sonno della ragione genera mostri”, diceva il pittore spagnolo Francisco Goya nelle sue incisioni “los caprichos”, e questi li potete trovare nel nuovo album e tour in giro per l’Italia di FLOP! di Salmo, ascoltalo qui.

A cura di
Francesca Bandieri

Seguici anche su instragram!
LEGGI ANCHE –Carmen Consoli: in “Volevo fare la rockstar” c’è tutta la vita che conta
LEGGI ANCHE – Beatrice Antolini – Mattatoyo (Carpi) – 8 Ottobre 2021
Condividi su
Francesca Bandieri

Francesca Bandieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *